Si può esitare la domanda?

Luisa Z. da Milano, Roberto S. da Roma e Riccardo V. da Palermo ci sottopongono l'uso ricorrente, "in documenti della pubblica amministrazione e in articoli di attualità", di esitare usato transitivamente nel significato di 'dare esito, conclusione (a una pratica, una richiesta)'.

Risposta

 

Si può esitare la domanda?

 

Nel volume Per difesa e per amore. La lingua italiana oggi (Garzanti, 2006), Gian Luigi Beccaria dedica un paragrafo agli abusi (linguistici, s’intende) d’ufficio: accanto a tecnicismi giuridici, indispensabili per conseguire effetti di precisione lessicale e univocità nel rinvio alla realtà extralinguistica, sono menzionati anche i cosiddetti “tecnicismi collaterali” (secondo una fortunata etichetta coniata da Luca Serianni). Si tratta di espressioni distanti dalla lingua comune, usate per «puro decoro espressivo» o «per l’elevatezza di registro» (Beccaria, Per difesa, p. 32), ma anche come elementi formulari che si sedimentano nel corso del tempo divenendo vere e proprie tradizioni discorsive. Il verbo esitare nell’accezione di 'concludere (una pratica)' o 'rispondere (a una lettera)’ rientra per l’appunto nel novero di tali espressioni e caratterizza il linguaggio burocratico. Nei dizionari dell’uso non ritroviamo però questo significato: sono registrati infatti esitare1 ‘indugiare, titubare’ (voce dotta dal lat. haesitāre) ed esitare2, derivato dal nome esito (dal participio passato del lat. exire) e attestato sin dal XVII secolo nel significato di ‘vendere, smerciare, specialmente al dettaglio’ (e, limitatamente al linguaggio medico, ‘risolversi di una malattia’: la malattia esita in guarigione). Da esito nell’accezione di ‘evasione, risposta a lettere’ (registrata già dal Dizionario moderno di Alfredo Panzini nel 1905 come propria del linguaggio burocratico) o ‘conclusione, epilogo’ il verbo esitare2 ha assunto anche il significato di ‘concludere, finire’, entrando in concorrenza con la perifrasi dare esito a qualcosa, ampiamente diffusa nella storia dell’italiano con sfumature diverse a seconda della cosa a cui si dà esito.

Per quanto riguarda l’aspetto normativo, non sembrano sussistere argomenti linguistici (grammaticali o semantici) per decretare la scorrettezza di esitare in espressioni come esitare una pratica, una trattativa, una lettera ecc.; tale uso è del resto inquadrabile nella tendenza dell’italiano contemporaneo a formare verbi denominali in -are, transitivi, che è possibile anche impiegare in costruzioni al participio (pratica esitata). L’efficacia comunicativa di tali espressioni è però piuttosto dubbia, essendo di fatto usate e conosciute quasi esclusivamente dagli addetti ai lavori: la semplificazione del lessico burocratico, auspicata da più parti, suggerirebbe quindi di sostituire esitare con i più comprensibili concludere e rispondere.

 

Elisa De Roberto

 

Piazza delle lingue: Lingua e saperi

29 aprile 2016


Agenda eventi

  Evento di Crusca

  Collaborazione di Crusca

  Evento esterno


Avvisi

Nuovo regolamento per gli utenti della Biblioteca

Avviso dalla biblioteca

Dal 3 gennaio 2023, per gli studiosi che accedono alla Biblioteca è in vigore un nuovo regolamento.

Ordine di servizio

Avviso da Crusca

In ottemperanza alla normativa vigente, si raccomanda a tutti coloro che frequentano, a vario titolo, la Villa medicea di Castello, l’osservanza delle seguenti regole da adottare per il contenimento dei consumi energetici:
- all’interno della Villa l’esercizio degli impianti termici di climatizzazione alimentati a gas naturale è consentito per 11 ore giornaliere dall’8 novembre al 7 aprile (art. 1 comma 2 del Decreto del Ministro della Transizione ecologica del 6 ottobre 2022);
- la media ponderata delle temperature dell'aria, misurate nei singoli ambienti di ciascun locale della Villa per la climatizzazione invernale non deve essere superiore a 19 gradi centigradi, più 2 gradi centigradi di tolleranza (art. 19-quater del Decreto legge n. 17 del 1° marzo 2022);
- l’apertura delle finestre per il ricambio dell’aria deve essere limitata allo stretto necessario;
- regolare la luminosità della luce artificiale a seconda della luminosità esterna;
- spegnere le luci, il monitor del PC e il fancoil quando ci si allontana dalla propria postazione di lavoro e al termine del proprio orario di lavoro;
- non stampare mail o altri documenti, se non strettamente necessario.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Scomparsa l'accademica Bice Mortara Garavelli

26 gen 2023

Antichi maestri: un allestimento teatrale appositamente pensato per la Crusca

11 nov 2022

Scomparso lo storico della lingua Andrea Dardi

02 nov 2022

Due spettacoli teatrali alla villa medicea di Castello

26 ott 2022

Scomparso l'accademico Luciano Agostiniani

20 ott 2022

L’italiano e i giovani. Come scusa? Non ti followo: il libro edito dall'Accademia in occasione della Ventiduesima Settimana della lingua italiana nel mondo

15 ott 2022

Tre visite guidate riservate ai soci UniCoop Firenze e Amici dell'Accademia della Crusca

10 ott 2022

Sao ko kelle terre. Piccola storia della lingua italiana: al MUNDI uno spettacolo dedicato alla lingua italiana

23 set 2022

Vai alla sezione