Si può essere pro a qualcosa?

Un utente di Matera chiede se la formula “Sono pro a…” in luogo di “Sono favorevole a…”, che sente usare sempre più spesso in contesti informali, sia accettabile, in particolare nella lingua scritta.

Risposta

Chi irrida a qualunque intervento normatore risponderà affermativamente a questa domanda, alla quale, invece, io – che pure non identifico la norma nell’immobilismo grammaticale e lessicografico – mi permetto di rispondere negativamente. In italiano esistono tre pro: un pro preposizione (dalla preposizione latina pro), che significa ‘per’, ‘in favore di’, ‘a difesa di’ qualcuno o qualcosa (“Per aiutare le persone colpite dal sisma, la Rai ha aperto un conto pro terremotati”; si pensi anche a nomi di squadre di calcio come la Pro Vercelli o la Pro Patria, di Busto Arsizio); un pro avverbio (derivato dalla stessa base), che significa ‘a favore’ e si oppone all’avverbio contro sul piano del senso (“Non si sa ancora se l’opposizione voterà pro o contro”) e infine un pro nome (troncamento di prode, dall’indeclinabile prode del latino tardo, a sua volta dal verbo prodest, terza persona singolare dell’indicativo presente di prodesse ‘essere utile’), che significa ‘vantaggio’, ‘utile’, ‘fine’ (“A che pro fare questo?”).

Evidentemente, la formula “Essere pro a qualcosa” nasce da un’interpretazione inedita del nostro pro, che viene percepito come se fosse un aggettivo significante ‘favorevole’. Che possa trattarsi di un troncamento di prode usato come aggettivo nel senso di ‘valoroso’ (“Avanti, miei prodi!”) pare molto improbabile (e presupporrebbe o una continuità storica non documentata o una consapevolezza metalinguistica difficile da provare); è più economico ipotizzare e che si tratti di una sorta di conversione in aggettivo dell’avverbio pro, seguito dalla preposizione a che normalmente segue favorevole. Nessun vocabolario (consultati: Zingarelli, Devoto-Oli, Sabatini-Coletti, Vocabolario Treccani, GRADIT), in ogni caso, neanche il più recente e aggiornato, registra questa funzione, questo significato e questa costruzione di pro, e anche in rete se ne contano pochi esempi. Per ora, dunque, suggerisco di non accogliere la formula “Essere pro a”, soprattutto nella lingua scritta.

Giuseppe Patota

18 dicembre 2023


Agenda eventi

  Evento di Crusca

  Collaborazione di Crusca

  Evento esterno


Avvisi

Chiusura dell'Accademia

Avviso da CruscaLa sede dell'Accademia resterà chiusa il 29 marzo 2024.

Il restauro degli infissi dell'Accademia per il concorso Art Bonus 2024

Avviso da CruscaMaggiori informazioni sul concorso e su come votare sono disponibili nella sezione "Notizie".

Visita dell'ultima domenica di marzo

Avviso da Crusca

ATTENZIONE: Per concomitanza con le feste, la visita all'Accademia della Crusca dell'ultima domenica del mese di marzo si terrà domenica 24 marzo 2024 ore 11.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Italiano e inglese nei corsi universitari: la lettera aperta del Presidente dell'Accademia al Rettore dell’Alma Mater Studiorum e alla Ministra dell’Università

23 feb 2024

Giornata Internazionale della lingua madre: il contributo video del presidente dell'Accademia Paolo D'Achille

21 feb 2024

"Sao ko kelle terre... Piccola storia della lingua italiana": la Compagnia delle Seggiole in scena alla Villa medicea di Castello con uno spettacolo dedicato alla storia dell'italiano

25 gen 2024

Il restauro degli infissi dell'Accademia per il concorso Art Bonus 2024

25 gen 2024

Scomparso l'Accademico Angelo Stella

15 dic 2023

Corso di formazione per insegnanti Le parole dell’italiano: idee e pratiche efficaci per insegnare e apprendere il lessico

15 nov 2023

25 ottobre 2023: il Collegio della Crusca nomina 10 nuovi accademici

27 ott 2023

Aspettando la Piazza delle lingue: quattro incontri all'Accademia della Crusca

05 ott 2023

Vai alla sezione