Siamo tutti responsabili per o di qualcosa

Quale sia la forma da usarsi tra responsabile di e responsabile per costituisce l’oggetto di diversi quesiti sottopostici da lettori. Tra questi, meritano particolare rilievo i quesiti di due lettori, V. A. da Bolzano e R. D. da Vimercate, che oltre a chiedere se sia più corretto responsabile di o responsabile per, notano che in alcuni casi l’uso di per viene più naturale: p.es. "essere responsabile per se stesso" "mi sento responsabile per quanto è accaduto", o anche ipotizzano che ci sia differenza tra “essere responsabili di qualcuno” e “essere responsabili per qualcosa”.

Risposta

La lingua italiana, come si sa, presenta un quadro notevolmente complesso e variato delle cosiddette reggenze, cioè dei collegamenti che le preposizioni hanno con i verbi e con i sostantivi e gli aggettivi, con molti obblighi ma anche molte possibilità di variare, a seconda del contesto, nell’abbinare una o un’altra preposizione a un verbo, sostantivo o aggettivo.

Vediamo quali indicazioni emergono dai dizionari e dalla documentazione sull’uso dei nostri giorni offerta da Google libri (9/12/2019).

I dizionari dell’uso registrano in modo univoco la reggenza con di, senza mai indicare la possibilità di costruire l’aggettivo con per (responsabile di un’azione, di un servizio, ecc.).

La documentazione offerta da Google libri è interessante, e si presterebbe a qualche approfondimento di ricerca sulle modalità di alternanza delle due preposizioni. Limitiamoci a considerarne brevemente le cifre, con qualche caso significativo.

“Responsabile di” ha 259.000 occorrenze (r. di servizio, di progetto, di procedimento…), a cui vanno sommate ovviamente quelle con la preposizione articolata: p.es. “responsabile del” ricorre 273.000 volte, “responsabile dei” 79.900, “responsabile della” 253.000, ecc.

“Responsabile per” ha 75.800 occorrenze, con molti esempi di uso di per del tutto equivalente a di: “responsabile per la trasparenza” “r. per l’edizione critica”, “r. per l’attuazione”, “r. per i danni da lesioni personali”, “r. per gli errori o le omissioni”.

Considerando che “responsabile per” può introdurre tutta la gamma morfologica del nome (maschile, femminile, singolare, plurale, preceduti dai diversi articoli: per il, per i, per la, ecc.), diversamente da “responsabile di”, appare schiacciante, nell’uso, la seconda delle due preposizioni, l’unica, del resto, registrata dai dizionari.

Resta la possibilità per il parlante o lo scrivente di scegliere l’una o l’altra senza incorrere in una scorrettezza, ma pensiamo che sia utile questa indicazione: responsabile per è più adatto quando introduca qualcosa di occasionale o temporaneo, non stabile: per esempio appunto "mi sento responsabile per quanto è accaduto" (si veda il quesito di V. A.), che comunque potrebbe avere anche la preposizione di, rispetto a un caso come “è nominato responsabile della transizione al digitale della sua azienda”. Anche se lo stesso ente istituzionale Agenzia per l’Italia digitale denomina la figura istituzionale sia “responsabile per la transizione al digitale” sia “responsabile della transizione al digitale”! Libertà della lingua…

Ilaria Bonomi

10 marzo 2020


Agenda eventi


Avvisi

Accesso alla Biblioteca - Servizi in emergenza COVID-19

Avviso dalla biblioteca

La Biblioteca dell'Accademia sarà di nuovo aperta a partire dal 20 maggio 2020. Pubblichiamo il vademecum per l'accesso agli utenti.

Riapertura dell'Accademia - Servizi in emergenza COVID-19

Avviso da Crusca

Dal 20 maggio 2020 l'Accademia sarà di nuovo aperta: pubblichiamo il vademecum per l'accesso.

Il Tema: Documento per la ripresa della vita scolastica

Avviso da Crusca

di Rita Librandi, Claudio Giovanardi, Francesco Sabatini. Il commento di chiusura è disponibile nella sezione "Il Tema".

Gruppo Incipit: La notifica del data breach: un anglicismo inopportuno e incomprensibile. Si usi “violazione dei dati”

Avviso da Crusca

Il nuovo comunicato del gruppo Incipit è disponibile nella sezione "Comunicati stampa".

Biblioteca dell'Accademia - Donazioni

Avviso dalla biblioteca

La Biblioteca accetta in dono unicamente opere attinenti ai propri ambiti disciplinari.
Le opere inviate non saranno comunque restituite al donatore.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

L’italiano non è una lingua da confinare. Intervista a Claudio Marazzini

27 apr 2020

Il nuovo direttore dell'Opera del Vocabolario Italiano

20 apr 2020

Le celebrazioni del centenario della nascita di Gianfranco Folena

14 apr 2020

Il perfetto italiano del primo ministro albanese Edi Rama e l'amicizia tra le nostre due nazioni

09 apr 2020

25 marzo, ore 18: appuntamento al balcone per il primo Dantedì

24 mar 2020

Due speciali su Dante di Rai Cultura

22 mar 2020

25 marzo 2020: il primo Dantedì

21 mar 2020

Claudio Marazzini intervistato su Nev.it

06 mar 2020

Vai alla sezione