Somigliare, assomigliare, rassomigliare

Ci sono pervenute molte domande che chiedono se ci sia o no qualche differenza di significato tra somigliare, assomigliare e rassomigliare, se tutti e tre i verbi possono essere usati negli stessi contesti e se ce n’è uno da considerare più corretto degli altri. 

Risposta

 

Somigliare, assomigliare, rassomigliare

 

Somigliare, assomigliare e rassomigliare sono tre verbi che hanno la stessa base etimologica e sono sostanzialmente equivalenti sul piano del significato, che è quello di ‘essere simile a qualcuno (o a qualcosa) nella forma, nell’aspetto, nelle caratteristiche, nelle qualità, ecc.’.

Somigliare deriva dal latino volgare *simĭlĭāre, a sua volta derivato dall’aggettivo similis ‘simile’; assomigliare è formato dal precedente con l’aggiunta del prefisso a(d)- rafforzativo (aggiunta che potrebbe essere avvenuta già nel latino volgare); rassomigliare deriva dal precedente con un ulteriore suffisso, r(i)-, che in questo caso non indica una ripetizione, ma ha ancora valore intensivo. Dunque, sul piano puramente formale, ci sarebbe una gradualità tra i tre verbi e in effetti soltanto somigliare può anche significare semplicemente ‘sembrare, parere’; ma in realtà, nell’uso comune, sono da considerare sinonimi.

Tutti e tre i verbi sono documentati in italiano già dal Duecento; soprattutto per assomigliare nei testi antichi è diffusa la variante assimigliare, più vicina all’etimo latino (il passaggio della prima i a o si spiega con la prossimità della m ed è analogo a quello che è avvenuto in domanda, domandare rispetto a dimanda, dimandare, dal lat. demandare). Tutti e tre i verbi, secondo il GRADIT, rientrano nel cosiddetto “vocabolario di base”, cioè nelle circa 7.000 parole più frequenti, che ogni italiano conosce e usa (anche se, assomigliare sembra più frequente di somigliare e questo più di rassomigliare, chepare caratterizzarsi come forma di un registro più elevato). Tutti e tre i verbi sono oggi, nel loro significato fondamentale, intransitivi e ammettono come ausiliare sia avere sia essere. Tutti e tre i verbi, infine, possono essere usati transitivamente nel senso di ‘paragonare’, ‘confrontare’; ma si tratta di un’accezione prevalentemente letteraria (specie per somigliare), oggi piuttosto rara, come quella di ‘rendere simile’, propria solo o soprattutto di assomigliare, usato anche qui come transitivo.

Ci sono senz’altro contesti in cui la scelta di chi parla o chi scrive si orienta prevalentemente per l’uno o per l’altro verbo: si assomigliano o s’assomigliano, col si riflessivo (o meglio reciproco), sembra più frequente di si somigliano, e invece l’espressione chi si somiglia si piglia è diventata proverbiale. Di una fotografia o di un ritratto diciamo che è molto somigliante all’originale, piuttosto che assomigliante o, men che meno, rassomigliante. È anche possibile che l’uso dei tre verbi sia diversamente distribuito a seconda delle regioni, con prevalenza ora dell’uno ora dell’altro. Ma tutti e tre sono corretti e sostanzialmente interscambiabili: la lingua in questo caso ci consente di scegliere liberamente quello che, di volta in volta, preferiamo.

 

Paolo D’Achille 

10 giugno 2016


Agenda eventi


Avvisi

Accesso alla Biblioteca - Servizi in emergenza COVID-19

Avviso dalla biblioteca

La Biblioteca dell'Accademia sarà di nuovo aperta a partire dal 20 maggio 2020. Pubblichiamo il vademecum per l'accesso agli utenti.

Riapertura dell'Accademia - Servizi in emergenza COVID-19

Avviso da Crusca

Dal 20 maggio 2020 l'Accademia sarà di nuovo aperta: pubblichiamo il vademecum per l'accesso.

Il Tema: Documento per la ripresa della vita scolastica

Avviso da Crusca

di Rita Librandi, Claudio Giovanardi, Francesco Sabatini. Il commento di chiusura è disponibile nella sezione "Il Tema".

Gruppo Incipit: La notifica del data breach: un anglicismo inopportuno e incomprensibile. Si usi “violazione dei dati”

Avviso da Crusca

Il nuovo comunicato del gruppo Incipit è disponibile nella sezione "Comunicati stampa".

Biblioteca dell'Accademia - Donazioni

Avviso dalla biblioteca

La Biblioteca accetta in dono unicamente opere attinenti ai propri ambiti disciplinari.
Le opere inviate non saranno comunque restituite al donatore.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

L’italiano non è una lingua da confinare. Intervista a Claudio Marazzini

27 apr 2020

Il nuovo direttore dell'Opera del Vocabolario Italiano

20 apr 2020

Le celebrazioni del centenario della nascita di Gianfranco Folena

14 apr 2020

Il perfetto italiano del primo ministro albanese Edi Rama e l'amicizia tra le nostre due nazioni

09 apr 2020

25 marzo, ore 18: appuntamento al balcone per il primo Dantedì

24 mar 2020

Due speciali su Dante di Rai Cultura

22 mar 2020

25 marzo 2020: il primo Dantedì

21 mar 2020

Claudio Marazzini intervistato su Nev.it

06 mar 2020

Vai alla sezione