Sottana

Etimologia, significato e uso attuale della parola sottana: in seguito a una richiesta telefonica, rispondiamo a Stefano Buglione che desidera conoscere l'etimologia, i significati e l'uso attuale della parola.

Risposta

Sottana

Si tratta di un sostantivo formatosi sulla forma femminile dell'aggettivo sottano 'che sta sotto', attestato nel latino medievale (nel 1243) nella forma suttana. Il primo significato della parola ne ricalca coerentemente l'etimologia e rimanda a 'un indumento che anticamente faceva parte dell'abbigliamento sia maschile sia femminile ed era costituito da una tunica fornita di maniche, spesso di tessuto pregiato e riccamente ornato, che s'indossava sotto l'abito esterno o il mantello, sporgendone con funzione decorativa' (Grande Dizionario della Lingua Italiana, fondato da Salvatore Battaglia, Torino, UTET, 1961-2002).

La seconda accezione della parola è 'gonna (e anche sottogonna)' e la prima attestazione in questo significato è attribuita all'Algarotti, mentre ne troviamo la prima definizione nel Vocabolario Domestico di Giacinto Carena del 1846, in cui si legge: "quella parte del vestito donnesco che è cucita alla vita o tutta di un pezzo con essa, e che dalla cintura in giù cigne senza stringere tutta la persona. Sottana dicesi anche per gonnella"; già nella prima edizione del Vocabolario degli Accademici della Crusca (1612) il lemma era stato registrato con un rimando però al sostantivo sottano definito come 'vesta che sta sotto a quella che si tien sopra' quindi nella sua prima accezione.

Altri significati registrati nei dizionari sono 'sottoveste' e 'abito talare'; inoltre, dal significato di 'gonna', attraverso il modo di dire scherzoso "correr dietro alle sottane" nel senso di 'correr dietro alle donne', il termine ha esteso il suo raggio semantico fino a significare, in senso figurato, 'donna'.

Dalle attestazioni riportate, riconducibili ad autori di diversa provenienza, e dalle indicazioni presenti nei più recenti dizionari dell'uso non emerge in modo netto la localizzazione toscana esclusiva del termine che viene classificato come 'comune' e non connotato regionalmente. Questo non esclude ovviamente che l'uso, in particolare l'uso contemporaneo, possa seguire strade che si discostano da quello che possiamo apprendere dagli strumenti lessicografici consultati: senza dubbio si tratta di una parola conosciuta e utilizzata su tutto il territorio italiano nelle sue varie accezioni che però, proprio per la loro vicinanza e talvolta sovrapposizione semantica ('gonna', 'sottogonna', 'sottoveste', 'tonaca'), risultano difficili da isolare e delimitare sul territorio.

Nell'uso comune in Toscana 'sottana' assume l'immediato significato di 'gonna', mentre in altre zone il primo referente può essere un altro (nella maggior parte delle regioni il primo significato comune del termine è quello di 'sottoveste'); all'interno di queste oscillazioni possiamo fare un'ultima osservazione: come è accaduto per molte parole toscane, anche questa ha avuto una larga diffusione a livello nazionale grazie all'uso che ne hanno fatto alcuni grandi scrittori (in questo caso possiamo citare Manzoni per tutti).

Nel caso particolare di sottana è evidente che si tratta di una parola compresa su tutto il territorio nazionale, anche se in molti casi restano nell'ambiguità le diverse sfumature di significato anche per la loro vicinanza semantica, mentre la competenza attiva che prevede la spontanea selezione di questa parola nella rosa delle possibili varianti per indicare 'la gonna' è decisamente prevalente in Toscana.

A cura di Raffaella Setti
Redazione Consulenza Linguistica
Accademia della Crusca

21 settembre 2004


Agenda eventi

  Evento di Crusca

  Collaborazione di Crusca

  Evento esterno


Avvisi

Nuovo regolamento per gli utenti della Biblioteca

Avviso dalla biblioteca

Dal 3 gennaio 2023, per gli studiosi che accedono alla Biblioteca è in vigore un nuovo regolamento.

Ordine di servizio

Avviso da Crusca

In ottemperanza alla normativa vigente, si raccomanda a tutti coloro che frequentano, a vario titolo, la Villa medicea di Castello, l’osservanza delle seguenti regole da adottare per il contenimento dei consumi energetici:
- all’interno della Villa l’esercizio degli impianti termici di climatizzazione alimentati a gas naturale è consentito per 11 ore giornaliere dall’8 novembre al 7 aprile (art. 1 comma 2 del Decreto del Ministro della Transizione ecologica del 6 ottobre 2022);
- la media ponderata delle temperature dell'aria, misurate nei singoli ambienti di ciascun locale della Villa per la climatizzazione invernale non deve essere superiore a 19 gradi centigradi, più 2 gradi centigradi di tolleranza (art. 19-quater del Decreto legge n. 17 del 1° marzo 2022);
- l’apertura delle finestre per il ricambio dell’aria deve essere limitata allo stretto necessario;
- regolare la luminosità della luce artificiale a seconda della luminosità esterna;
- spegnere le luci, il monitor del PC e il fancoil quando ci si allontana dalla propria postazione di lavoro e al termine del proprio orario di lavoro;
- non stampare mail o altri documenti, se non strettamente necessario.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Scomparsa l'accademica Bice Mortara Garavelli

26 gen 2023

Antichi maestri: un allestimento teatrale appositamente pensato per la Crusca

11 nov 2022

Scomparso lo storico della lingua Andrea Dardi

02 nov 2022

Due spettacoli teatrali alla villa medicea di Castello

26 ott 2022

Scomparso l'accademico Luciano Agostiniani

20 ott 2022

L’italiano e i giovani. Come scusa? Non ti followo: il libro edito dall'Accademia in occasione della Ventiduesima Settimana della lingua italiana nel mondo

15 ott 2022

Tre visite guidate riservate ai soci UniCoop Firenze e Amici dell'Accademia della Crusca

10 ott 2022

Sao ko kelle terre. Piccola storia della lingua italiana: al MUNDI uno spettacolo dedicato alla lingua italiana

23 set 2022

Vai alla sezione