Spegnere o spengere?

Molte persone ci chiedono quale sia la forma corretta tra spegnere e spengere: riportiamo la risposta di Silvia Calamai uscita su La Crusca per voi n. 25 (ottobre 2002).

Risposta

Spegnere o spengere?

 

«In Toscana la forma più comune è spengere, variante presente anche nella prosa letteraria, soprattutto di scrittori toscani. La Letteratura Italiana Zanichelli (LIZ) ci offre attestazioni nelle opere di Collodi, Tozzi, Pratesi, Cassola. Ad ogni modo, "è significativo il fatto che in scrittori di altre regioni, anche molto sensibili al modello toscano, predomini generalmente spegnere" (Luca Serianni, Grammatica Italiana, Torino, Utet, 1991, p. 455). Gli autori portati ad esempio sono in questo caso Manzoni e Pirandello. Gerhard Rohlfs, nella sua Grammatica storica della lingua italiana e dei suoi dialetti (Torino, Einaudi, 1966, vol. I Fonetica), dedica un paragrafo al trattamento del nesso ng davanti a vocale palatale (il 256). Il linguista osserva come nella lingua letteraria del Medioevo si trovassero affiancate le forme pungere e pugnere, fingere e fignere, piangere e piagnere, spengere e spegnere, mungere e mugnere, àngiolo e àgnolo. Le varianti con la nasale palatale (gn) erano caratteristiche della lingua antica di Firenze, mentre nell'occidente toscano predominavano le forme con nasale + occlusiva (ng). L'Atlante Italo-svizzero (AIS) - che ci fotografa una situazione linguistica relativa alla prima metà del secolo scorso - documenta la diffusione di gn nella Toscana orientale (Barberino di Mugello, Incisa, Caprese Michelangelo, Chiavaretto, Sinalunga, Cortona), ma non a Firenze, che ha la forma in ng, come l'intera zona ad occidente della linea Firenze-Siena. Alla luce di questi dati, Rohlfs sostiene che il nesso ng sia il continuatore dello sviluppo settentrionale (ed anche la forma predominante nei dialetti del basso Mezzogiorno): cfr. il ligure chiange, il piemontese piangi, il milanese piang, il calabrese pungere, chiangere. Nell'Italia meridionale le varianti con la nasale palatale sono caratteristiche del dialetto napoletano e dell'intera regione dell'alto Mezzogiorno (cfr. il napoletano chiagnere 'piangere'). Nel centro della penisola, queste forme si ritrovano nel Lazio, nell'Umbria (piagne) e nella Toscana orientale. La palatalizzazione della nasale è così spiegata da Rohlfs: "g, una volta palatalizzatasi in forma di fricativa j, entra in stretta relazione con la nasale (nj > ñ) - così come lj è diventata ł - mentre ng rappresenta meglio lo sviluppo normale (come si vede in surgere > sorgere)" (p. 363). Non è infrequente trovare nella lingua italiana una duplicità di esiti che si spiega in certi casi con le diverse aree di provenienza delle parole in questione: l'opposizione spegnere - spengere è appunto uno di questi casi, di fronte ai quali più che in termini di correttezza / scorrettezza si dovrà ragionare in termini di differenti sensibilità stilistiche. A questo proposito, il nostro lettore potrà utilmente leggere le pagine dedicate da Tullio De Mauro (in Storia linguistica dell'Italia Unita, Roma-Bari, Laterza, 1991, pp. 27-35) alla ipertrofia sinonimica di certi settori di lessico, che così tanto ha caratterizzato la storia della nostra lingua».

Silvia Calamai

3 aprile 2009


Agenda eventi


Avvisi

Il Museo della lingua italiana: una svolta nella politica linguistica nazionale?: il Tema di N. Maraschio

Avviso da Crusca

La discussione è aperta nella sezione "Il Tema".

"Italiano digitale", XIII, 2020/2 (aprile-giugno)

Avviso da Crusca

Il nuovo fascicolo è interamente disponibile in rete.

Una nuova banca dati in rete: la Stazione Lessicografica

Avviso da Crusca

Un sistema di consultazione integrato di dizionari di italiano in rete, aperto a tutti. La Stazione è raggiungibile dalla sezione Scaffali digitali.
> www.stazionelessicografica.it

Biblioteca dell’Accademia della Crusca: servizi in emergenza covid-19 - AGGIORNATO AL 26 AGOSTO 2020

Avviso dalla biblioteca

Modalità di accesso alla sala consultazione e alle collezioni della Biblioteca aggiornate al 26 agosto 2020.
> Accesso alla biblioteca

Biblioteca dell'Accademia - Donazioni

Avviso dalla biblioteca

La Biblioteca accetta in dono unicamente opere attinenti ai propri ambiti disciplinari.
Le opere inviate non saranno comunque restituite al donatore.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Al Bargello due mostre dedicate a Dante, con la collaborazione dell'Accademia

24 set 2020

Una buona notizia dal sito dell’INPS: switch off diventa passaggio

20 set 2020

Il museo della lingua italiana a Firenze: un progetto che si realizza

11 ago 2020

L’italiano non è una lingua da confinare. Intervista a Claudio Marazzini

27 apr 2020

Il nuovo direttore dell'Opera del Vocabolario Italiano

20 apr 2020

Le celebrazioni del centenario della nascita di Gianfranco Folena

14 apr 2020

Il perfetto italiano del primo ministro albanese Edi Rama e l'amicizia tra le nostre due nazioni

09 apr 2020

25 marzo, ore 18: appuntamento al balcone per il primo Dantedì

24 mar 2020

Vai alla sezione