Sul genere di clitoride

Non è la prima volta che ci viene rivolto un quesito a proposito del genere di clitoride, abbiamo quindi deciso di pubblicare la risposta.

Risposta

 

Sul genere di clitoride

 

Clitoride è un termine dotto basato sul greco κλειτορίς -ίδος e creazione del lessico medico. In italiano è registrato a partire dalla IV edizione del Vocabolario degli Accademici della Crusca (1729-1738) con una citazione dalle Osservazioni intorno agli animali viventi (1684) di Francesco Redi in cui si usa la forma al femminile ("Da tal fessura s'innalza una massiccia clitoride soda, dura, acuta in punta, e quasi della stessa grossezza del membro genitale de' maschi"). Una seconda citazione, sempre dalle Osservazioni del Redi appare alle voci ermafrodito e ridicolosamente e anche in questa clitoride è usato al femminile ("Questa così fatta clitoride credo, credo sia stata la cagione, che il volgo de' cacciatori vadasi ridicolosamente immaginando, che le lepri sieno tutte ermafrodite"). Anche la V edizione del Vocabolario degli Accademici (1863-1923, ma il vol. III che contiene la voce è datato 1878), che non riporta la citazione da Redi né alcuna altra, dà la voce come femminile. È il Dizionario della lingua italiana di Nicolò Tommaseo e Bernardo Bellini (1861-1879: vol. I parte II 1865) il primo a notare anche la possibilità di un uso parallelo al maschile: "più com[umenente] fem[minile] che masc[hile]". Nello stesso dizionario si riporta un unico passo dalle Lettere familiari del Magalotti con la forma al femminile. Inoltre alla voce clitorideo la definizione è "Che appartiene alla clitoride". Venendo alla lessicografia contemporanea, i dizionari consultati danno entrambi i generi in libera alternanza, ad eccezione del Grande dizionario italiano dell'uso (2007) diretto da Tullio De Mauro, che nella nota grammaticale dichiara "il termine è comunemente usato spec. al maschile". Infine il Vocabolario Treccani online dà una spiegazione dell'uso al maschile attribuendolo all'influenza del francese: "l’uso come masch. è dovuto a influenza del fr. le clitoris".

Lessicografia a parte cerchiamo di misurare l'uso scritto: il corpus dei libri in italiano messo a disposizione da Google permette una stima numerica decisamente a favore del maschile (la sequenza "il clitoride" registra 8.110 occorrenze, mentre "la clitoride" 2.880). Se si esaminano i risultati distribuiti per secolo vediamo che già nel XVIII la forma maschile, a differenza di quanto registrava la IV Crusca, era dominante (314 a 110) negli stessi testi di anatomia. Nel XIX secolo invece si registra un'inversione di tendenza per cui clitoride preceduto dall'articolo femminile la raggiunge le 428 occorrenze, mentre il clitoride si ferma a 411. L'ascesa del femminile si arresta decisamente nel secolo successivo che mostra un rapporto di 1460 a 495 a favore del maschile; anche l'inizio del nostro secolo registra analoga tendenza (630 a 191). Se poi ci si rivolge al serbatoio indifferenziato e composito della rete, il rapporto è addirittura di 412.000 occorrenze per "il clitoride" rispetto a 31.500 per "la clitoride".

Evidentemente la tendenza è verso il maschile e anche nei testi di medicina e anatomia si va nella stessa direzione: nel Dizionario dei termini di medicina, chirurgia, veterinaria, chimica, farmacia, botanica, fisica e storia naturale di G. B. Fantonetti, A. Leone ed A. Omodei, datato 1849 il sostantivo era considerato esclusivamente di genere femminile, mentre nel Dizionario medico Larousse del 1984 la voce è usata al maschile. Negli anni recenti, tuttavia, molte donne sostengono che sia più opportuno usare il genere femminile; dal momento che esiste la doppia possibilità, si può scegliere l'una o l'altra opzione.

 

A cura di Matilde Paoli
Redazione Consulenza Linguistica
Accademia della Crusca

 

8 novembre 2016


Agenda eventi


Avvisi

Una nuova banca dati in rete: la Stazione Lessicografica

Avviso da Crusca

Un sistema di consultazione integrato di dizionari di italiano in rete, aperto a tutti. La Stazione è raggiungibile dalla sezione Scaffali digitali.

Biblioteca dell’Accademia della Crusca: servizi in emergenza covid-19

Avviso dalla biblioteca

Modalità di accesso alla sala consultazione e alle collezioni della Biblioteca aggiornate al 31 luglio 2020.

Commento di chiusura al Tema di Angela Ferrari

Avviso da Crusca

Il commento di chiusura a L’italiano istituzionale svizzero: come parla la burocrazia confederale? è disponibile nella sezione "Il Tema".

Il Tema Il genere di covid-19 e i giornali italiani, di Claudio Marazzini

Avviso da Crusca

Nella sezione "Il Tema" è possibile intervenire.

Claudio Marazzini rieletto Presidente dell'Accademia della Crusca insieme al nuovo Consiglio

Avviso da CruscaIl presidente Marazzini è rieletto per il suo terzo mandato; il Consiglio è stato rinnovato. Maggiori informazioni sono disponibili nella sezione "Ufficio stampa".

Gruppo Incipit: La notifica del data breach: un anglicismo inopportuno e incomprensibile. Si usi “violazione dei dati”

Avviso da Crusca

Il nuovo comunicato del gruppo Incipit è disponibile nella sezione "Comunicati stampa".

Biblioteca dell'Accademia - Donazioni

Avviso dalla biblioteca

La Biblioteca accetta in dono unicamente opere attinenti ai propri ambiti disciplinari.
Le opere inviate non saranno comunque restituite al donatore.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

L’italiano non è una lingua da confinare. Intervista a Claudio Marazzini

27 apr 2020

Il nuovo direttore dell'Opera del Vocabolario Italiano

20 apr 2020

Le celebrazioni del centenario della nascita di Gianfranco Folena

14 apr 2020

Il perfetto italiano del primo ministro albanese Edi Rama e l'amicizia tra le nostre due nazioni

09 apr 2020

25 marzo, ore 18: appuntamento al balcone per il primo Dantedì

24 mar 2020

Due speciali su Dante di Rai Cultura

22 mar 2020

25 marzo 2020: il primo Dantedì

21 mar 2020

Claudio Marazzini intervistato su Nev.it

06 mar 2020

Vai alla sezione