Sul motivo per cui il verbo venire è utilizzato come ausiliare solo nei tempi semplici e non in quelli composti

Sulla scorta delle richieste di alcuni utenti riproponiamo qui una risposta data da Francesco Sabatini sul nostro periodico La Crusca per Voi (n° 29, pp. 8-9), sul motivo per cui il verbo venire è utilizzato come ausiliare solo nei tempi semplici e non in quelli composti.

Risposta

Sul motivo per cui il verbo venire
è utilizzato come ausiliare
solo nei tempi semplici e non in quelli composti

«Marina Hubacech domanda perché il verbo venire è usato come ausiliare solo nei tempi semplici e non in quelli composti.

Premettiamo che il verbo venire si usa per esprimere chiaramente la costruzione passiva quando il participio passato del verbo portante ha anche valore di aggettivo e quindi con l'uso di essere il significato passivo non risulterebbe evidente: dicendo "il vetro è pulito", "la porta era aperta", indichiamo normalmente condizioni in atto (con il verbo essere in funzione di copula, seguito da un aggettivo) e non descriviamo, in forma passiva, azioni compiute da qualcuno. Con altri participi passati invece il rischio non c'è: "Paolo è amato", "l'annuncio era diramato" sono sentiti come passivi. Nei casi ambigui, per esprimere il passivo si ricorre perciò al verbo venire: "il vetro viene pulito (da ...)", "la porta veniva aperta (da ...)". Tale impiego di venire è limitato ai tempi semplici (soprattutto presente e imperfetto dell'indicativo e del congiuntivo: viene, veniva, venga, venisse, e condizionale verrebbe, per fare esempi solo di terza persona singolare; si aggiunga il gerundio venendo; meno necessario l'uso di verrà per sarà e di venne per fu) perché l'ambiguità sussiste solo per questi tempi. Quando, invece, nella costruzione entra il participio stato tutto è chiaro: "il vetro è stato pulito", "la porta era stata aperta".

Si noti un uso speculare. Quando si vuole esprimere più nettamente l'idea di una condizione in atto e durevole, ed evitare invece l'eventuale interpretazione del costrutto come passivo, si sostituisce essere con restare o permanere: in tal caso è meglio dire "la porta resterà aperta" invece di "la porta sarà aperta".»

6 maggio 2005


Agenda eventi


Avvisi

Non ci sono avvisi da mostrare.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Scomparso l'accademico Ivan Klajn

02 apr 2021

Una mostra virtuale su Dante e la Crusca alla Soprintendenza Archivistica e Bibliografica della Toscana

26 mar 2021

Mostra “Della nostra favella questo divin poema è la miglior parte”. Dante e la Crusca

23 mar 2021

La parola fresca di giornata. 365 giorni con Dante

01 gen 2021

"Dentro la Crusca, dentro l'italiano": le iniziative nate dalla collaborazione 2020/2021 tra l'Accademia e UniCoop Firenze

01 gen 2021

L'Accademia della Crusca e le celebrazioni del 2021, anno dantesco

02 gen 2021

Vai alla sezione