Sulla sovraestensione dell'uso di a rispetto a in: andare a studio

Alessandro Ventura da Matera e Giuseppe Mangione di Andria ci chiedono se sia corretto l'uso di andare a studio in luogo di andare in studio; poiché molti altri utenti hanno fatto richieste analoghe sull'uso della preposizione a in luogo di in, crediamo utile riproporre la risposta data da Luca Serianni ne La Crusca per voi n. 29, pubblicata nell'ottobre 2004.

Risposta

Sulla sovraestensione dell'uso
della preposizione a rispetto a in

 

"La signora Chiara Caroli (Roma) ritiene scorretto l'uso della preposizione semplice in espressioni come Vado a studio e Sto a studio, tipiche dell'uso colloquiale romano, e ne chiede conferma al nostro foglio.

 

La lettrice ha ragione: si tratta di varianti tipicamente regionali, che altrove sarebbero notate e censurate (nel secondo esempio, è regionale anche l'uso di stare in luogo di essere: un tratto linguistico ben vivo da Roma in giù, che si ritrova nelle lingue romanze occidentali: cfr. spagn. e port. estar). A parte l'alternanza tra preposizione semplice e articolata, si può ricordare che l'italiano familiare di Roma, in accordo con altre parlate centromeridionali, ha la tendenza a sovraestendere l'uso di a rispetto a in: una tendenza ancora più accentuata una cinquantina d'anni fa. Invece di andare a studio, i romani di una volta potevano andare a fiume (cioè a farsi un bagno, una vogata o semplicemente a prendere il sole sulle rive del Tevere) e nei romanzi di ambientazione romana di Alberto Moravia, un grande scrittore oggi un po' dimenticato, si leggono vari esempi utili di questo regionalismo sintattico: oltre agli odonimi - in cui a è a tutt'oggi abituale anche presso i romani cólti: a piazza Venezia, a via Condotti - si possono citare frasi come «Un vaso di fiori compagno a quello della camera da letto», «Da quel giorno non sarei stato più amico a nessuno» (attingo gli esempi da un articolo di Gianluca Lauta, Il lessico romanesco e ciociaro di Alberto Moravia, «Studi di lessicografia italiana», xx 2003, pp. 223-282, a p. 241)."

 

Luca Serianni

29 novembre 2008


Agenda eventi

  Evento di Crusca

  Collaborazione di Crusca

  Evento esterno


Avvisi

Chiusura straordinaria

Avviso da Crusca

L'Accademia della Crusca resterà chiusa venerdì 9 dicembre. Gli uffici, la Biblioteca e l'Archivio riapriranno lunedì 12 dicembre.

Chiusura della sala di lettura della Biblioteca

Avviso dalla biblioteca

Da martedì 22 novembre la sala di lettura della Biblioteca è temporaneamente chiusa. I servizi della Biblioteca verranno erogati normalmente lungo tutto il periodo della chiusura, ma è raccomandata agli utenti la prenotazione, data la disponibilità limitata di posti.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Antichi maestri: un allestimento teatrale appositamente pensato per la Crusca

11 nov 2022

Scomparso lo storico della lingua Andrea Dardi

02 nov 2022

Due spettacoli teatrali alla villa medicea di Castello

26 ott 2022

Scomparso l'accademico Luciano Agostiniani

20 ott 2022

L’italiano e i giovani. Come scusa? Non ti followo: il libro edito dall'Accademia in occasione della Ventiduesima Settimana della lingua italiana nel mondo

15 ott 2022

Tre visite guidate riservate ai soci UniCoop Firenze e Amici dell'Accademia della Crusca

10 ott 2022

Sao ko kelle terre. Piccola storia della lingua italiana: al MUNDI uno spettacolo dedicato alla lingua italiana

23 set 2022

Giusto, sbagliato, dipende: il nuovo volume sulla Consulenza linguistica dell'Accademia

05 set 2022

Vai alla sezione