Sull'uso dell'imperfetto congiuntivo al posto del presente

Molte persone sottopongono alla nostra attenzione l'impiego del congiuntivo imperfetto con valore esortativo in luogo del presente, sottolineandone la diffusione anche in aree in cui non è tradizionale. La stessa provenienza della richieste è indicativa: ci scrivono dal centro-sud (da Roma e dalla provincia di Salerno), ma anche dalla Toscana (da Grosseto, dalla provincia di Firenze, da Lucca), e dal nord della penisola (dall'area metropolitana di Bologna, da Milano, da Verona). A questa domanda ha risposto Paolo D'Achille sulla rivista La Crusca per voi (n. 39 ottobre 2009): eccone il testo.

Risposta

 

Sull'uso dell'imperfetto congiuntivo al posto del presente

 

Alessandro Feni ci scrive dicendo che continua a notare in televisione, ma non solo, forme e costrutti sulla cui correttezza si interroga da tempo. In particolare egli riporta una frase del C.T. dell'Italia Marcello Lippi del 14/10/2010 che, imprecando contro i tifosi che “consigliavano” ai giocatori in campo di andare a lavorare, diceva: “che andassero loro a lavorare!”. Il nostro lettore domanda se non sarebbe più corretto dire: “che vadano loro a lavorare!”.

 

L’uso dell’imperfetto congiuntivo al posto del presente in frasi principali che hanno valore esortativo è certamente un tratto marcato come centromeridionale, estraneo alla tradizionale norma italiana. In un articolo di alcuni anni fa, Luca Serianni (La lingua italiana tra norma e uso, in Riflettere sulla lingua, a cura di Carla Marello e Giacomo Mondelli, Firenze, La Nuova Italia, 1991, pp. 37-52, a p. 48) lo etichettava come “un costrutto […] tipicamente romanesco e meridionale e generalmente malvisto altrove”, da considerare “ai margini della norma italiana”. Successivamente, però, l’uso dell’imperfetto al posto del presente è andato diffondendosi: questo imperfetto si sente in TV non solo in bocca a parlanti romani (Paolo Bonolis) e meridionali (Antonio Di Pietro), ma anche (se pure meno spesso) a toscani (è il caso di Marcello Lippi, indicato dal nostro lettore) e settentrionali (l’ex ministro della giustizia Roberto Castelli), si rileva talvolta nel doppiaggio (dove del resto i “romaneschismi non avvertiti” sono tutt’altro che rari) e affiora persino in testi scritti, cartacei (stampa, narrativa) e in rete. Dunque, il costrutto dallo status di “regionalismo” sta passando a quello di tratto “substandard”: è cioè ancora considerato “scorretto” o comunque non del tutto corretto (come rileva appunto il nostro lettore), ma risulta diffuso nell’uso parlato nazionale (come “a me mi piace”). È molto probabile che all’espansione dell’imperfetto in questo contesto abbia contribuito proprio la cospicua presenza nella lingua diffusa dalla televisione, che veicola parole, forme e costrutti di matrice sia settentrionale (piuttosto che con valore di oppure), sia romana e meridionale (come in questo caso).

C’è da dire che, rispetto al presente, l’imperfetto conferisce al verbo una sfumatura semantica un po’ diversa: questo tempo infatti, sia all’indicativo sia al congiuntivo, esprime spesso la categoria (modale, più che temporale) dell’irrealtà (o, come si dice tecnicamente, della “non fattualità” o della “controfattualità”). Così, nelle frasi ottative (altre frasi principali che richiedono il congiuntivo, come “Lo volesse il cielo”, ecc.) “l’alternanza tra congiuntivo presente e congiuntivo imperfetto riflette il tipo di desiderio, che si presenta alla coscienza del parlante ora come realizzabile (congiuntivo presente), ora come irrealizzabile (congiuntivo imperfetto)” (Luca Serianni, Grammatica italiana. Italiano comune e lingua letteraria. Suoni, forme, costrutti, con la collaborazione di Alberto Castelvecchi, Torino, Utet, 1988, p. 444, cap. XIII, § 36). Analogamente, dunque, dicendo “che andassero loro a lavorare”, invece di “che vadano loro a lavorare”, il parlante sembra esprimere il proprio scetticismo circa la realizzabilità dell’evento, a dispetto del valore esortativo del suo enunciato.

 

Paolo D’Achille

Piazza delle lingue: La variazione linguistica

14 settembre 2015


Agenda eventi

  Evento di Crusca

  Collaborazione di Crusca

  Evento esterno


Avvisi

Chiusure straordinarie della Biblioteca

Avviso dalla biblioteca

La Biblioteca dell’Accademia della Crusca resterà chiusa nei seguenti giorni: 9 e 10 dicembre, 24 dicembre, 27-31 dicembre, 7 gennaio 2022.

Chiusure straordinarie dell'Accademia della Crusca

Avviso da Crusca

L’Accademia della Crusca resterà chiusa nei seguenti giorni: 9 e 10 dicembre, 24 dicembre, 27-31 dicembre, 7 gennaio 2022.

Certificazione verde COVID-19 e accesso all'Accademia della Crusca

Avviso da Crusca

Per accedere all'Accademia della Crusca, dal 15 ottobre al 31 dicembre 2021 (o comunque fino al perdurare dello stato di emergenza), è fatto obbligo di possedere e di esibire, su richiesta, la certificazione verde COVID-19.

La lingua di Dante non può parlare di scienza. Il MUR esclude l'italiano nel bando per i fondi FIS

Avviso da Crusca

Il nuovo Tema di Claudio Marazzini. Partecipa alla discussione

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Federica Mauro, autrice di Dante e le stelle, è insignita dell'onorificenza di Alfiere della Repubblica

28 nov 2021

Il presidente dell'Accademia sull'uso di booster

07 nov 2021

L'Accademica Paola Manni presenta la sua pala

28 ott 2021

Scomparso l'accademico Maurizio VItale

22 ott 2021

EFNIL: rinnovamento del comitato esecutivo

12 ott 2021

Il Dante della Crusca in prestito alle Scuderie di Quirinale

27 set 2021

Mostra “Della nostra favella questo divin poema è la miglior parte”. Dante e la Crusca

23 mar 2021

La parola fresca di giornata. 365 giorni con Dante

01 gen 2021

Vai alla sezione