Surfare

Alcuni utenti ci hanno segnalato il verbo surfare tra le parole nuove. Pur non trattandosi di un vero e proprio neologismo, si tratta di una formazione che presenta aspetti interessanti.

Risposta

Surfare

Surfare è senza dubbio una parola che mostra in modo trasparente la modalità di formazione: al nome inglese surf è stata applicata la desinenza verbale italiana della prima coniugazione -are (quella ancora maggiormente produttiva nella formazione di nuovi verbi, come ad esempio linkare, becappare, dribblare, ecc.). Anche se si tratta sicuramente di una formazione recente, non può essere considerato un neologismo: è infatti un verbo ormai comunemente utilizzato e già attestato anche in alcuni vocabolari. In particolare nel GDLI è registrato con la definizione 'praticare il surfing' e datato 1993, mentre il GRADIT contempla solo l'accezione più vecchia di 'ballare il surf' (1966). La base inglese surf infatti, oltre ai significati correnti di 'tavola da surf' e di 'windsurf', negli anni Sessanta è stata utilizzata anche per indicare un ballo nordamericano i cui movimenti ricordavano quelli di chi pratica il surfing e, proprio dalla parola in questa accezione, ha avuto origine il verbo derivato surfare nel significato di 'ballare il surf'. La forma quindi risale alla seconda metà degli anni Sessanta anche se con un altro significato rispetto a quello attuale. Il ballo poi è passato di moda e con lui si è perso anche l'uso del verbo in questa particolare accezione. Il derivato surfare ha ripreso campo nel significato che tutti conosciamo all'inizio degli anni Novanta, questa volta sulla base surf nel suo significato proprio.

Una novità però la possiamo individuare in una nuova accezione che questo verbo ha assunto nel linguaggio dell'informatica: già prevista nel Gergo telematico di Maurizio Codogno (1993-1998, visibile in rete all'indirizzo http://xmau.com/gergo/index.html) con la seguente definizione: "Sinonimo di navigare, usato però generalmente col significato di un'azione più leggera: insomma, se hai bisogno di cercare informazioni navighi, altrimenti surfi semplicemente. (Il verbo è intransitivo, anche se è facile trovare un complemento d'oggetto interno, come in "surfare la rete"). Etim.: calco dall'inglese surf.", è entrata recentemente nel Vocabolario della lingua italiana Zingarelli (Bologna, Zanichelli, 2004), dove, sotto la voce surfare è stata aggiunta la definizione di 'esplorare la rete Internet passando da un sito all'altro', potremmo dire una sorta di zapping in rete in cui al concetto di 'navigare' che prevede una certa continuità e scorrevolezza si contrappone l'idea di spizzicare qua e là nella rete, con un andamento meno fluido. L'affermazione di questo nuovo significato è stata probabilmente favorita dalla diffusione del termine surfing nella stessa accezione: già nel GRADIT infatti alla voce surfing, marcata come termine specialistico dell'informatica, è contemplata come terza accezione quella di 'navigazione in Internet per pura curiosità, senza scopi particolari'; si ritrova poi registrata nel Dizionario di informatica di Giuseppe De Sanctis (Roma, Il Calamo, 2005) con la seguente spiegazione 'Al pari dell'espressione navigare, è una metafora dell'utilizzo di Internet, e in particolare del Word Wide Web, per dire "esplorare casualmente le risorse offerte dai links". Il surfing è analogo allo zapping televisivo [p. 388].

A cura di Raffaella Setti
Redazione Consulenza Linguistica
Accademia della Crusca

10 giugno 2005


Agenda eventi

  Evento di Crusca

  Collaborazione di Crusca

  Evento esterno


Avvisi

Nuovo regolamento per gli utenti della Biblioteca

Avviso dalla biblioteca

Dal 3 gennaio 2023, per gli studiosi che accedono alla Biblioteca è in vigore un nuovo regolamento.

Ordine di servizio

Avviso da Crusca

In ottemperanza alla normativa vigente, si raccomanda a tutti coloro che frequentano, a vario titolo, la Villa medicea di Castello, l’osservanza delle seguenti regole da adottare per il contenimento dei consumi energetici:
- all’interno della Villa l’esercizio degli impianti termici di climatizzazione alimentati a gas naturale è consentito per 11 ore giornaliere dall’8 novembre al 7 aprile (art. 1 comma 2 del Decreto del Ministro della Transizione ecologica del 6 ottobre 2022);
- la media ponderata delle temperature dell'aria, misurate nei singoli ambienti di ciascun locale della Villa per la climatizzazione invernale non deve essere superiore a 19 gradi centigradi, più 2 gradi centigradi di tolleranza (art. 19-quater del Decreto legge n. 17 del 1° marzo 2022);
- l’apertura delle finestre per il ricambio dell’aria deve essere limitata allo stretto necessario;
- regolare la luminosità della luce artificiale a seconda della luminosità esterna;
- spegnere le luci, il monitor del PC e il fancoil quando ci si allontana dalla propria postazione di lavoro e al termine del proprio orario di lavoro;
- non stampare mail o altri documenti, se non strettamente necessario.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Scomparsa l'accademica Bice Mortara Garavelli

26 gen 2023

Antichi maestri: un allestimento teatrale appositamente pensato per la Crusca

11 nov 2022

Scomparso lo storico della lingua Andrea Dardi

02 nov 2022

Due spettacoli teatrali alla villa medicea di Castello

26 ott 2022

Scomparso l'accademico Luciano Agostiniani

20 ott 2022

L’italiano e i giovani. Come scusa? Non ti followo: il libro edito dall'Accademia in occasione della Ventiduesima Settimana della lingua italiana nel mondo

15 ott 2022

Tre visite guidate riservate ai soci UniCoop Firenze e Amici dell'Accademia della Crusca

10 ott 2022

Sao ko kelle terre. Piccola storia della lingua italiana: al MUNDI uno spettacolo dedicato alla lingua italiana

23 set 2022

Vai alla sezione