Tradizionale o tradizionalista?

A tutti coloro che ci chiedono ragione del proliferare di aggettivi uscenti in -ista a fianco di formazioni preesistenti e si domandano quali siano le eventuali variazioni di significato di cui il suffisso è portatore, rispondiamo con quanto Salvatore Claudio Sgroi ha scritto nel n. 41 (ottobre 2010 ) della Crusca per voi.

Risposta

Tradizionale o tradizionalista?


«Tradizionale o tradizionalista? E i derivati aggettivali in -ista. Giovanni Parente chiede quale sia la differenza tra i due suffissi.

Il lettore pone invero un problema delicato di scelta semantico-lessicale, che può suscitare nel parlante qualche incertezza, a cui invero i dizionari non sembrano dare una chiara risposta. Il problema riguarda la valenza del suffisso -ista con basi aggettivali, che danno luogo a coppie come quella su indicata di tradizionale / tradizionalista, ma anche coloniale / colonialista, commerciale / commercialista, descrittivo / descrittivista, esistenziale / esistenzialista, formale / formalista, funzionale / funzionalista, generale / generalista, individuale / individualista, logico / logicista, minimale / minimalista, nazionale / nazionalista, prescrittivo / prescrittivista, razionale / razionalista, universale / universalista, ecc. I dizionari, per es. il De Mauro (2000) o il Sabatini-Coletti (2007), registrano opportunamente, con diverso grado di analiticità, anche i suffissi, e nella fattispecie -ista (e -istico), particolarmente produttivo in quanto alla base di una serie aperta di derivati, magari non registrati nei dizionari, ma interpretabili grazie all'informazione sul suffisso -ista (vedi per es. il glucch-ista di una barzelletta di anni fa). Così stando al Sabatini-Coletti, -ista è “suffisso usato per formare aggettivi e sostantivi connessi con i termini in -ismo (futurista, comunista)”, ovvero 'seguace del futurismo' (o oggi, nel linguaggio politico, seguace del movimento finiano 'Futuro e libertà', e scherzosamente 'pre-fascista') e 'che sostiene il comunismo'. O ancora -ista è usato, aggiunge il Sabatini-Coletti, “per formare sostantivi indicanti attività, propensione ecc. (dentista, barista, giurista)”, cioè 'che svolge professione/attività riguardante i denti, il bar, il diritto'. Quanto alla “propensione” indicata dal suffisso -ista, un esempio potrebbe giusto essere il tradizionalista del lettore col valore di 'fortemente aderente all'ideologia tradizionale' contrapposto a tradizionale agg. di relazione, semanticamente neutro, 'della tradizione', es. scrittore tradizionalista versus scrittore tradizionale 'che segue la tradizione'. Inevitabilmente il derivato in -ista (-istico) può facilmente assumere connotazioni negative. Si veda per es. nazionalista col valore di 'aderente all'ideologia del nazionalismo' contrapposto a nazionale agg. di relazione, neutro, 'della nazione', es. politica nazionalista (o nazionalistica) versus politica nazionale. La grammatica prescrittiva 'che indica regole da seguire per l'uso ritenuto (a torto o a ragione) corretto' si differenzia dalla grammatica prescrittivista 'che indica sì regole per l'uso corretto, ma in maniera eccessivamente rigida'. O grammatica descrittiva 'che registra ed espone ordinatamente le forme linguistiche' (così il Sabatini-Coletti), astenendosi cioè da giudizi di valutazione sugli usi da altri ritenuti errati, contrapposta alla grammatica descrittivista particolarmente attenta a spiegare tutti gli usi linguistici sia quelli ritenuti corretti che quelli di uso popolare e quindi etichettati nelle grammatiche prescrittiviste come scorretti. O ancora ragionamento logico 'razionalmente coerente' (così il Sabatini-Coletti) rispetto al ragionamento logicista (o logicistico) 'eccessivamente logico, e quindi astratto'. A questo punto abbiamo offerto al nostro lettori una pista interpretativa che egli stesso potrà in prima persona verificare (ed eventualmente falsificare) applicandola agli esempi di cui sopra, o ad altri casi.»

Salvatore Claudio Sgroi
 

6 maggio 2013


Agenda eventi


Avvisi

Accesso alla Biblioteca - Servizi in emergenza COVID-19

Avviso dalla biblioteca

La Biblioteca dell'Accademia sarà di nuovo aperta a partire dal 20 maggio 2020. Pubblichiamo il vademecum per l'accesso agli utenti.

Riapertura dell'Accademia - Servizi in emergenza COVID-19

Avviso da Crusca

Dal 20 maggio 2020 l'Accademia sarà di nuovo aperta: pubblichiamo il vademecum per l'accesso.

Il Tema: Documento per la ripresa della vita scolastica

Avviso da Crusca

di Rita Librandi, Claudio Giovanardi, Francesco Sabatini. Il commento di chiusura è disponibile nella sezione "Il Tema".

Gruppo Incipit: La notifica del data breach: un anglicismo inopportuno e incomprensibile. Si usi “violazione dei dati”

Avviso da Crusca

Il nuovo comunicato del gruppo Incipit è disponibile nella sezione "Comunicati stampa".

Biblioteca dell'Accademia - Donazioni

Avviso dalla biblioteca

La Biblioteca accetta in dono unicamente opere attinenti ai propri ambiti disciplinari.
Le opere inviate non saranno comunque restituite al donatore.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

L’italiano non è una lingua da confinare. Intervista a Claudio Marazzini

27 apr 2020

Il nuovo direttore dell'Opera del Vocabolario Italiano

20 apr 2020

Le celebrazioni del centenario della nascita di Gianfranco Folena

14 apr 2020

Il perfetto italiano del primo ministro albanese Edi Rama e l'amicizia tra le nostre due nazioni

09 apr 2020

25 marzo, ore 18: appuntamento al balcone per il primo Dantedì

24 mar 2020

Due speciali su Dante di Rai Cultura

22 mar 2020

25 marzo 2020: il primo Dantedì

21 mar 2020

Claudio Marazzini intervistato su Nev.it

06 mar 2020

Vai alla sezione