Troviamo una soluzione…

Alcuni lettori avvertono (talvolta perplessi, talaltra addirittura ostili) che, in particolare nella comunicazione aziendale, accanto e al posto del verbo risolvere e del suo participio risolto, si vanno diffondendo soluzionare e soluzionato. Un altro lettore segnala l’uso particolare di soluzionare nel significato di ‘trattare con una soluzione chimica’: "La stoffa è stata soluzionata con un prodotto che evita che si sfrangi quando viene tagliata". Queste forme sono accettabili? 

Risposta

 

Troviamo una soluzione…

 

La risposta è sì. L’abitudine di ricavare nuovi verbi in -are da nomi, astratti e anche concreti (abilità > abilitare, benda > bendare, beneficio > beneficiare, cifra > cifrare, contatto > contattare, ecc.) esiste da che italiano è italiano. Soluzionare, poi, non si può più considerare un neologismo: i vocabolari ne fanno risalire la prima attestazione scritta al 1927. Sette anni dopo, nel 1934, il grande linguista Giacomo Devoto, in un articolo di argomento linguistico pubblicato sulla prestigiosa Enciclopedia Italiana Treccani, lo usava come esempio per dar conto del processo derivativo che ne è alla base: "poiché in questo momento si ha una tendenza a ravvivare la categoria dei verbi denominativi, a stringere i rapporti fra sostantivi astratti e verbi dell'azione corrispondente, così si osserva il nascere di verbi come revisionare o soluzionare che sono per il nostro gusto orribili, ma rispondono a un'esigenza più profonda, rispecchiano un processo di espansione morfologica".

Dunque, soluzionare e soluzionato, nei loro diversi significati, sono sicuramente accettabili. Ciò non toglie che si possa continuare a preferire il tradizionale risolvere, almeno quando soluzionare ha questo significato, oppure la forma analitica trovare una/la soluzione.

 

Giuseppe Patota

18 ottobre 2016


Agenda eventi


Avvisi

Biblioteca e Archivio dell'Accademia della Crusca - Servizi in emergenza COVID-19

Avviso dalla biblioteca

In ottemperanza al DPCM del 3 novembre 2020, l’Archivio e la Biblioteca dell’Accademia della Crusca sono chiuse al pubblico fino a giovedì 3 dicembre 2020.
Continuano ad essere attivi, sia per l’Archivio che per la Biblioteca, tutti i servizi da remoto. Maggiori informazioni sono disponibili in allegato.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Dante e la Crusca: Claudio Marazzini interviene alla settimana di studi Dante. Storie, immagini, paesaggi

02 nov 2020

"L'invenzione del giardino": al TGR Bell'Italia un servizio dedicato al giardino della Villa di Castello di Firenze

02 nov 2020

Trent'anni di "Crusca per voi"

07 ott 2020

L'Accademia della Crusca e le celebrazioni del 2021, anno dantesco

05 ott 2020

Il museo della lingua italiana a Firenze: un progetto che si realizza

11 ago 2020

Le celebrazioni del centenario della nascita di Gianfranco Folena

14 apr 2020

Vai alla sezione