Un avverbio: specificamente o specificatamente?

Rispondiamo ad A. Pozzuolo ed E. Sgroi che ci hanno scritto per avere chiarimenti sulla scelta di una forma avverbiale: specificamente o specificatamente.

Risposta

Un avverbio: specificamente o specificatamente?

Come noto, -mente è il suffisso attualmente produttivo in italiano per la formazione di avverbi derivati (insieme a -oni: "carponi"). L'avverbio si forma in tal caso dal femminile dell'aggettivo corrispondente a cui si aggiunge il suffisso.

Esistono chiaramente casi in cui non si ritrova una perfetta corrispondenza tra significato dell'aggettivo e dell'avverbio derivato (finalmente 'alla fine') oppure la base aggettivale non è più facilmente trasparente, perché ormai in disuso o addirittura arcaica: è il caso di malamente da malo ma è anche il caso di meritamente dall'aggettivo latineggiante merito: «nonostante sia la forma più sorvegliata ed elegante, proprio per la sua irregolarità morfologica gli si è affiancato sin da epoca antica meritatamente, sentito come più regolare e semanticamente trasparente» (Luca Serianni, Italiano. Grammatica, sintassi, dubbi, Milano, Garzanti, 2000, p. 342; uno studio sulla storia di questi avverbi ora è in Matteo Motolese, Meritamente, "Studi linguistici italiani", XXIII (2) 1997, pp. 268-78).

In questo quadro è chiaro che un avverbio potrà derivare dall'aggettivo specifico ma anche dal participio passato con funzione aggettivale specificato; pertanto si trovano registrati nei principali vocabolari dell'uso attuali sia specificamente che specificatamente. Anche dal punto di vista cronologico, i due avverbi compaiono all'incirca nello stesso periodo, più precisamente il Grande dizionario della lingua italiana di Salvatore Battaglia (Torino, UTET, 1961-2002) segnala come prima occorrenza di specificamente il Convivio di Dante (trattato quarto, XXIII-2) e per specificatamente Iacopo Passavanti autore dello Specchio di vera penitenza (1354), occorrenze confermate peraltro anche nella LIZ 4. Letteratura italiana Zanichelli (a cura di Eugenio Picchi e Pasquale Stoppelli, Bologna, Zanichelli, 2000), che registra oltre a queste prime due attestazioni poche altre presenze di specificatamente (esattamente quindici in I. Passavanti, G. Bruno, T. Costo, P. Sarpi, G. Galilei, G. Leopardi, L. Pirandello) e ancora meno, sei, di specificamente (in Dante, appunto, e in F. Colonna e di nuovo in P. Sarpi e in G. Leopardi).

Entrambe le forme avranno pertanto lo stesso significato di 'in modo specifico, dettagliato' e anche una storia simile che consente di considerarne equivalente l'uso senza particolari marche.

Per approfondimenti:

  • Grande dizionario della lingua italiana, diretto da Salvatore Battaglia, Torino, UTET, 1961-2002
  • LIZ 4. Letteratura italiana Zanichelli, a cura di Eugenio Picchi e Pasquale Stoppelli, Bologna, Zanichelli, 2000
  • Motolese Matteo, Meritamente, "Studi linguistici italiani", XXIII (2) 1997, pp. 268-78
  • Serianni Luca, Italiano. Grammatica, sintassi, dubbi, Milano, Garzanti, 2000

 

A cura di Mara Marzullo
Redazione Consulenza Linguistica
Accademia della Crusca

23 luglio 2004


Agenda eventi


Avvisi

Il Museo della lingua italiana: una svolta nella politica linguistica nazionale?: il Tema di N. Maraschio

Avviso da Crusca

La discussione è aperta nella sezione "Il Tema".

"Italiano digitale", XIII, 2020/2 (aprile-giugno)

Avviso da Crusca

Il nuovo fascicolo è interamente disponibile in rete.

Una nuova banca dati in rete: la Stazione Lessicografica

Avviso da Crusca

Un sistema di consultazione integrato di dizionari di italiano in rete, aperto a tutti. La Stazione è raggiungibile dalla sezione Scaffali digitali.
> www.stazionelessicografica.it

Biblioteca dell’Accademia della Crusca: servizi in emergenza covid-19 - AGGIORNATO AL 26 AGOSTO 2020

Avviso dalla biblioteca

Modalità di accesso alla sala consultazione e alle collezioni della Biblioteca aggiornate al 26 agosto 2020.
> Accesso alla biblioteca

Biblioteca dell'Accademia - Donazioni

Avviso dalla biblioteca

La Biblioteca accetta in dono unicamente opere attinenti ai propri ambiti disciplinari.
Le opere inviate non saranno comunque restituite al donatore.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Una buona notizia dal sito dell’INPS: switch off diventa passaggio

20 set 2020

Il museo della lingua italiana a Firenze: un progetto che si realizza

11 ago 2020

L’italiano non è una lingua da confinare. Intervista a Claudio Marazzini

27 apr 2020

Il nuovo direttore dell'Opera del Vocabolario Italiano

20 apr 2020

Le celebrazioni del centenario della nascita di Gianfranco Folena

14 apr 2020

Il perfetto italiano del primo ministro albanese Edi Rama e l'amicizia tra le nostre due nazioni

09 apr 2020

25 marzo, ore 18: appuntamento al balcone per il primo Dantedì

24 mar 2020

Due speciali su Dante di Rai Cultura

22 mar 2020

Vai alla sezione