Un maleducato ineducato

Abbiamo ricevuto molte domande a proposito di maleducato e ineducato per sapere se si tratta di sinonimi totali o se le due parole hanno significati (e quindi ambiti d’uso) almeno in parte diversi e quindi per capire “quale dei termini è più offensivo”. 

Risposta

 

Un maleducato ineducato

 

Iniziamo col dire che le due parole sono formalmente diverse: ineducato è un derivato, formato da educato (participio passato convertito in aggettivo) col prefisso in- con valore negativo, documentato, secondo il GRADIT già alla fine del sec. XVIII; invece maleducato è un composto, costituito dallo stesso aggettivo educato preceduto dall’avverbio mal(e), attestato (secondo lo stesso dizionario) a partire dall’inizio del Novecento. A rigore, ineducato è il contrario (l’antonimo grammaticale, si direbbe tecnicamente), di educato, mentre maleducato si oppone a beneducato (attestato nella seconda metà dell’Ottocento); ma educato, come aggettivo, significa appunto ‘educato bene’ e quindi anche questa distinzione è poco più che formale. Invece la differenza essenziale è che ineducato può essere usato solo come aggettivo, mentre maleducato può anche avere valore sostantivato (sei un maleducato!). Entrambi possono essere riferiti sia a persone sia a cose, ma nel caso di maleducato il valore di ‘che non ha ricevuto una buona educazione, che ha modi sgarbati e incivili’, dunque con riferimento personale (ho dei vicini maleducati; lei è un maleducato!, ecc.), è primario rispetto a quello di ‘che rivela cattiva educazione’, detto di cose (atteggiamento maleducato, risposta maleducata, ecc.); ineducato, almeno oggi, è usato più spesso per qualificare cose (comportamento ineducato) che non persone (una commessa ineducata).

Che ci sia una gradualità tra i due, sul piano della langue, è opinabile; invece negli usi individuali è possibile che, con riferimento a persone, ineducato, nel senso letterale di ‘che non ha avuto alcuna educazione’, sia considerato più grave di maleducato, nel senso di ‘che è stato educato male’. Ma è anche vero che ineducato potrebbe riferirsi a singoli gesti, espressioni, comportamenti, parole, laddove l’uso di maleducato potrebbe implicare una più generale assenza di buona creanza (chiamando in causa anche la formazione familiare).

Di certo, tra le due voci c’è una differenza nella frequenza d’uso: soltanto maleducato è presente (se pure con una sola occorrenza, al femminile, a Napoli) nel corpus di testi parlati usati per il LIP; invece nei romanzi italiani compresi nel PTLLIN si trova un unico esempio di ineducato (al femminile, ne Il nome della rosa di Umberto Eco), mentre maleducato (anche al femminile e al plurale) ha 29 occorrenze in 19 testi. Giustamente, dunque, il GRADIT colloca maleducato tra le parole di alta disponibilità (che rientrano a loro volta nel “vocabolario di base”) e ineducato nel più ampio vocabolario comune.

 

Paolo D’Achille 

 

26 aprile 2016


Agenda eventi


Avvisi

Il Museo della lingua italiana: una svolta nella politica linguistica nazionale?: il Tema di N. Maraschio

Avviso da Crusca

La discussione è aperta nella sezione "Il Tema".

"Italiano digitale", XIII, 2020/2 (aprile-giugno)

Avviso da Crusca

Il nuovo fascicolo è interamente disponibile in rete.

Una nuova banca dati in rete: la Stazione Lessicografica

Avviso da Crusca

Un sistema di consultazione integrato di dizionari di italiano in rete, aperto a tutti. La Stazione è raggiungibile dalla sezione Scaffali digitali.
> www.stazionelessicografica.it

Biblioteca dell’Accademia della Crusca: servizi in emergenza covid-19 - AGGIORNATO AL 26 AGOSTO 2020

Avviso dalla biblioteca

Modalità di accesso alla sala consultazione e alle collezioni della Biblioteca aggiornate al 26 agosto 2020.
> Accesso alla biblioteca

Biblioteca dell'Accademia - Donazioni

Avviso dalla biblioteca

La Biblioteca accetta in dono unicamente opere attinenti ai propri ambiti disciplinari.
Le opere inviate non saranno comunque restituite al donatore.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Una buona notizia dal sito dell’INPS: switch off diventa passaggio

20 set 2020

Il museo della lingua italiana a Firenze: un progetto che si realizza

11 ago 2020

L’italiano non è una lingua da confinare. Intervista a Claudio Marazzini

27 apr 2020

Il nuovo direttore dell'Opera del Vocabolario Italiano

20 apr 2020

Le celebrazioni del centenario della nascita di Gianfranco Folena

14 apr 2020

Il perfetto italiano del primo ministro albanese Edi Rama e l'amicizia tra le nostre due nazioni

09 apr 2020

25 marzo, ore 18: appuntamento al balcone per il primo Dantedì

24 mar 2020

Due speciali su Dante di Rai Cultura

22 mar 2020

Vai alla sezione