Una risposta a / alla / la settimana?

Molti ci chiedono lumi su costrutti distributivi variamente alternanti: all'anno / l'annoal mese / il mese / a mese; alla settimana / la settimana / a settimana; per volta / alla volta.

Risposta

Una risposta a / alla / la settimana?

Mettiamo sùbito da parte espressioni come a mese, a settimana, che non rientrano in questo gruppo ma indicano, almeno nella lingua più controllata, la durata di tempo per la quale si fornisce un certo servizio o si percepisce un certo compenso: "dalla sarta, dove la sua ragazza era a settimana" (Serao). Gli altri costrutti concorrenti sono intercambiabili: quelli introdotti da per o al (alla), cioè dalle tipiche preposizioni con valore distributivo ("in fila per due", "due a due" ecc.), possono alternarsi con la reggenza preposizionale diretta. Quest'ultima, caratteristica di costrutti incardinati su nomi relativi alla scansione del tempo (come anno, mese, settimana), può esprimere un valore temporale puntuale ("raccontava i preparativi per il ballo che doveva aver luogo la sera": Moravia, cit. in J. Brunet, Grammaire critique de l'italien, 16, Le verbe. 4. Modes et temps, Saint-Denis 2008, p. 230), ma anche indicare un evento che si ripete a intervalli regolari: "la sera beve una tazza di camomilla" 'ogni sera'.

I costrutti di questo tipo erano espressi nei primi secoli attraverso la reggenza diretta: "una fiata l'anno" (Brunetto Latini), "una volta il mese" (Boccaccio), "tre volte la settimana" (San Bernardino da Siena). Tra Quattro e Cinquecento, sembrerebbe soprattutto ad opera di scrittori non fiorentini, cominciano ad apparire le prime attestazioni con la preposizione articolata: "una fiata all'anno" (in un veneziano, il camaldolese Niccolò Manerbi o Malermi), "una volta al mese" (nel senese Pietro Fortini), "una fiata alla settimana" (in una delle relazioni di viaggio compilate da diversi autori ma raccolte, e all'occorrenza tradotte dal latino, dal trevigiano Giovan Battista Ramusio). Successivamente le due possibilità si impiantano stabilmente nell'italiano letterario, come dimostra la convivenza dei costrutti presso il medesimo autore. Qualche esempio: "quaranta ducati all'anno" / "otto mila ducati l'anno" (Goldoni), "dieci scudi al mese" / "14 scudi il mese" (Leopardi), "a tanto al mese" / "a un tanto il mese" (Pirandello), "una volta alla settimana" / "due volte la settimana" (Tozzi).

Discorso analogo va fatto per l'alternanza per volta / alla volta. L'uso più antico presenta per volta: "una pecora per volta" (Novellino), "dugento galee per volta" (Matteo Villani) ecc. Anche qui gli esempi con alla sono più tardi e sembrano provenire da scrittori settentrionali: "più di dieci alla volta" (Ramusio), "cinque alla volta" (nel romagnolo Tommaso Garzoni), "trenta scudi alla volta" (nel piacentino Ferrante Pallavicino). Ma presto il tipo alla volta si diffonde largamente, senza restrizioni di registro; nella prosa degli ultimi due secoli lo troviamo in scrittori di tutt'Italia, dai più sorvegliati ("con uno o più nomi alla volta" Leopardi, "quattro alla volta" D'Annunzio) a quelli più aperti verso l'uso non letterario ("Uno alla volta!" Nievo, "una alla volta" Verga). 

 

Luca Serianni

14 novembre 2014


Agenda eventi

  Evento di Crusca

  Collaborazione di Crusca

  Evento esterno


Avvisi

Chiusura estiva della biblioteca

Avviso da Crusca

A causa della chiusura estiva dell'Accademia della Crusca, la biblioteca resterà chiusa dall'8 al 19 agosto compresi.

Chiusura estiva dell'archivio

Avviso dall'archivio

A causa della chiusura estiva dell'Accademia della Crusca, l'Archivio resterà chiuso dall'8 al 19 agosto compresi.

Chiusura estiva dell'Accademia

Avviso da Crusca

L'Accademia della Crusca resterà chiusa dall'8 al 19 agosto compresi. Gli uffici riapriranno regolarmente il lunedì 22.

Accesso alla Biblioteca

Avviso dalla biblioteca

Avvisiamo gli studiosi che dal 1° maggio 2022 per accedere alla Biblioteca non è più necessario esibire la certificazione verde (green pass) né indossare una mascherina, che rimane però fortemente raccomandata nei locali aperti al pubblico o in caso di assembramento.

Norme di accesso alla sede dell'Accademia

Avviso da Crusca

Avvisiamo che dal 1° maggio, a norma del D.L. 24 marzo 2022 n. 24 e dell'Ordinanza del Ministero della Salute del 28 aprile 2022, per accedere ai locali dell'Accademia, all'Archivio e alla Biblioteca non è più necessario esibire la certificazione verde (green pass) né indossare una mascherina, che rimane fortemente raccomandata nei locali aperti al pubblico o in caso di assembramento.

Accesso all'Archivio

Avviso dall'archivio

Avvisiamo gli studiosi che dal 1° aprile 2022, con l’entrata in vigore del Decreto Legge 24/22 (cosiddetto Decreto Riaperture), per accedere all'Archivio dell'Accademia non sarà più necessaria la certificazione verde (green pass), né base né rafforzata. È obbligatorio invece indossare una mascherina chirurgica.

Accesso alla Biblioteca

Avviso dalla biblioteca

Avvisiamo gli studiosi che dal 1° aprile 2022, con l’entrata in vigore del Decreto Legge 24/22 (cosiddetto Decreto Riaperture), per accedere alla Biblioteca non sarà più necessaria la certificazione verde (green pass), né base né rafforzata. È obbligatorio invece indossare una mascherina chirurgica.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Scomparso l'accademico Luca Serianni

21 lug 2022

MUNDI. il Museo Nazionale Dell'Italiano in anteprima

05 lug 2022

Nominati 19 nuovi accademici

29 apr 2022

Gli accademici contro la guerra

04 mar 2022

Le parole di Dante fresche di giornata in onda su Radio 1

27 dic 2021

Federica Mauro, autrice di Dante e le stelle, è insignita dell'onorificenza di Alfiere della Repubblica

28 nov 2021

Il presidente dell'Accademia sull'uso di booster

07 nov 2021

L'Accademica Paola Manni presenta la sua pala

28 ott 2021

Vai alla sezione