Una risposta che non pecca in chiarezza

Diversi utenti denunciano incertezze nell’uso del verbo peccare, anche in relazione al significato che di volta in volta può assumere: i più chiedono come debba intendersi l’espressione peccare di qualcosa, mentre uno di loro domanda se sia possibile usare peccarmi.

Risposta

I dubbi di chi ci ha scritto sono pienamente comprensibili e perfino condivisibili.
Proviamo a mettere un po’ d’ordine.
Il verbo peccare può avere tre significati diversi ed essere al centro di tre diversi tipi di enunciati, i quali mettono in scena, per così dire, tre diversi tipi di situazione.

Un primo significato del verbo peccare è quello di ‘commettere un peccato’, ‘commettere un’infrazione morale’. In questo caso, il verbo può essere completato dal solo soggetto, come nell’esempio (1), oppure può essere completato dal soggetto e da un nome (indicante l’àmbito relativo al peccato, che è sempre qualcosa di negativo) preceduto dalla preposizione di, come nell’esempio (2). Quando peccare ha questo significato pertinente alla religione e alla morale, il luogo figurato in cui si pecca è indicato da un nome preceduto dalla preposizione in, come nell’esempio (3):

    (1) Padre, perdonatemi perché (io) ho peccato.

    (2) Gli uomini peccano spesso d’invidia, di gola, avarizia, ecc.

    (3) Ho peccato in pensieri, in parole, in opere e in omissioni.

        Un secondo significato del verbo peccare è quello di ‘commettere un errore’. In questo caso, il verbo è completato, oltre che dal soggetto, da un nome indicante l’àmbito in cui si commette l’errore (e anche in questo caso si tratta di un àmbito negativo) preceduto dalla preposizione di, come negli esempi (4) e (5):

          (4) Il tuo ragionamento pecca d’imprecisione.

          (5) Il loro comportamento pecca di slealtà.

              Un terzo significato del verbo peccare è quello di ‘mancare’, ‘avere difetto’. In questo caso, il verbo è completato, oltre che dal soggetto (sempre rappresentato da un oggetto, mai da una persona), da un nome indicante l’àmbito relativo a ciò che manca (che in questo caso è sempre positivo) preceduto dalla preposizione in, come negli esempi (6) e (7):

                (6) Il tuo ragionamento pecca in precisione.

                (7) Il vostro comportamento pecca in correttezza.

                    Su questa base, rispondiamo ai singoli quesiti. “Il verbo peccare – scrive Martina – mi confonde: peccare d’invidia vuol dire ‘essere invidiosi’? Peccare di carisma vuol dire averne poco?”. La risposta è sì nel primo caso e no nel secondo, che richiede un’altra preposizione: Peccare in carisma. Federica incalza: peccare di sincerità significa ‘essere poco sinceri’, come sostengono i suoi amici, o designa una schiettezza estrema, come ritiene lei? Poiché la sincerità non è da considerare un difetto, peccare di sincerità sembra poco ammissibile nel senso di ‘essere di una schiettezza estrema’, mentre per sostenere che una persona è poco sincera bisognerebbe dire peccare in sincerità. La stessa risposta vale per Maurizio a proposito di peccare di modestia. Infine, essendo peccare intransitivo, l’uso riflessivo indicato da Marco è inammissibile.

                    Giuseppe Patota

                    10 novembre 2020


                    Agenda eventi

                      Evento di Crusca

                      Collaborazione di Crusca

                      Evento esterno


                    Avvisi

                    Nuovo regolamento per gli utenti della Biblioteca

                    Avviso dalla biblioteca

                    Dal 3 gennaio 2023, per gli studiosi che accedono alla Biblioteca è in vigore un nuovo regolamento.

                    Ordine di servizio

                    Avviso da Crusca

                    In ottemperanza alla normativa vigente, si raccomanda a tutti coloro che frequentano, a vario titolo, la Villa medicea di Castello, l’osservanza delle seguenti regole da adottare per il contenimento dei consumi energetici:
                    - all’interno della Villa l’esercizio degli impianti termici di climatizzazione alimentati a gas naturale è consentito per 11 ore giornaliere dall’8 novembre al 7 aprile (art. 1 comma 2 del Decreto del Ministro della Transizione ecologica del 6 ottobre 2022);
                    - la media ponderata delle temperature dell'aria, misurate nei singoli ambienti di ciascun locale della Villa per la climatizzazione invernale non deve essere superiore a 19 gradi centigradi, più 2 gradi centigradi di tolleranza (art. 19-quater del Decreto legge n. 17 del 1° marzo 2022);
                    - l’apertura delle finestre per il ricambio dell’aria deve essere limitata allo stretto necessario;
                    - regolare la luminosità della luce artificiale a seconda della luminosità esterna;
                    - spegnere le luci, il monitor del PC e il fancoil quando ci si allontana dalla propria postazione di lavoro e al termine del proprio orario di lavoro;
                    - non stampare mail o altri documenti, se non strettamente necessario.

                    Vai alla sezione

                    Notizie dall'Accademia

                    Scomparsa l'accademica Bice Mortara Garavelli

                    26 gen 2023

                    Antichi maestri: un allestimento teatrale appositamente pensato per la Crusca

                    11 nov 2022

                    Scomparso lo storico della lingua Andrea Dardi

                    02 nov 2022

                    Due spettacoli teatrali alla villa medicea di Castello

                    26 ott 2022

                    Scomparso l'accademico Luciano Agostiniani

                    20 ott 2022

                    L’italiano e i giovani. Come scusa? Non ti followo: il libro edito dall'Accademia in occasione della Ventiduesima Settimana della lingua italiana nel mondo

                    15 ott 2022

                    Tre visite guidate riservate ai soci UniCoop Firenze e Amici dell'Accademia della Crusca

                    10 ott 2022

                    Sao ko kelle terre. Piccola storia della lingua italiana: al MUNDI uno spettacolo dedicato alla lingua italiana

                    23 set 2022

                    Vai alla sezione