Uno scoprimento non è (più) una scoperta

Ci sono pervenute due domande che chiedono se è corretto l’uso della parola scoprimento per riferirsi alla cerimonia con cui si espone al pubblico per la prima volta una targa, o se piuttosto non bisognerebbe parlare di scoperta.

Risposta

 

Uno scoprimento non è (più) una scoperta

 

La risposta ai due quesiti può anche essere "lapidaria", visto l’oggetto delle due domande: sì, scoprimento è la parola giusta, perché oggi questo sostantivo ha quasi solo il valore che serve nei due casi proposti, cioè di togliere ciò che copre qualcosa alla vista. In passato, invece, il suo significato coincideva spesso e volentieri con quello di scoperta, atto che rende noto ciò che prima non si conosceva (scoperta, spesso, fa il paio con invenzione, il cui etimo remoto è legato appunto al concetto di trovare) e (soprattutto) suo risultato.

Fino all’Ottocento l’uso di scoprimento per scoperta era frequente e lo si trova in molti titoli di antichi libri di storia e relazioni di viaggio. All’inverso, la parola scoperta ha da sempre il significato suddetto e mantiene il valore che la apparenta a scoprimento ormai solo nel lessico minerario, dove indica la ripulitura di un minerale dagli strati che lo coprono. Vero è che si leggono e sentono non pochissimi casi di "scoperta della lapide" per indicare il suo scoprimento (è accaduto ancora per quella delle vittime della Costa Concordia), ma sarebbe bene evitare questi usi, che generano inutili equivoci.

Per chi ne vuol sapere di più su questi nomi d’azione (quelli in -mento e quelli da participio passato femminile), che in parte si fanno concorrenza (abbinamento/abbinata) e più spesso, fortunatamente, si specializzano (schiarimento/schiarita, spianamento/spianata, scorrimento/scorsa), può vedere Maria Grossmann e Franz Rainer (a cura di), La formazione delle parole in italiano, Tübingen, Niemeyer, 2004, pp. 323-351.

 

Vittorio Coletti

 

7 ottobre 2016


Agenda eventi


Avvisi

Incontri virtuali per visitare la mostra “Della nostra favella questo divin poema è la miglior parte”. Dante e la Crusca

Avviso da Crusca

Gli incontri virtuali gratuiti saranno tenuti da Domenico De Martino nei giorni giovedì 13 maggio (alle ore 11) e mercoledì 26 maggio (alle ore 16).
Maggiori informazioni sulla mostra e indicazioni su come prenotarsi sono disponibili qui.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Una mostra virtuale su Dante e la Crusca alla Soprintendenza Archivistica e Bibliografica della Toscana

26 mar 2021

Mostra “Della nostra favella questo divin poema è la miglior parte”. Dante e la Crusca

23 mar 2021

La parola fresca di giornata. 365 giorni con Dante

01 gen 2021

"Dentro la Crusca, dentro l'italiano": le iniziative nate dalla collaborazione 2020/2021 tra l'Accademia e UniCoop Firenze

01 gen 2021

L'Accademia della Crusca e le celebrazioni del 2021, anno dantesco

02 gen 2021

Vai alla sezione