Uno scoprimento non è (più) una scoperta

Ci sono pervenute due domande che chiedono se è corretto l’uso della parola scoprimento per riferirsi alla cerimonia con cui si espone al pubblico per la prima volta una targa, o se piuttosto non bisognerebbe parlare di scoperta.

Risposta

 

Uno scoprimento non è (più) una scoperta

 

La risposta ai due quesiti può anche essere "lapidaria", visto l’oggetto delle due domande: sì, scoprimento è la parola giusta, perché oggi questo sostantivo ha quasi solo il valore che serve nei due casi proposti, cioè di togliere ciò che copre qualcosa alla vista. In passato, invece, il suo significato coincideva spesso e volentieri con quello di scoperta, atto che rende noto ciò che prima non si conosceva (scoperta, spesso, fa il paio con invenzione, il cui etimo remoto è legato appunto al concetto di trovare) e (soprattutto) suo risultato.

Fino all’Ottocento l’uso di scoprimento per scoperta era frequente e lo si trova in molti titoli di antichi libri di storia e relazioni di viaggio. All’inverso, la parola scoperta ha da sempre il significato suddetto e mantiene il valore che la apparenta a scoprimento ormai solo nel lessico minerario, dove indica la ripulitura di un minerale dagli strati che lo coprono. Vero è che si leggono e sentono non pochissimi casi di "scoperta della lapide" per indicare il suo scoprimento (è accaduto ancora per quella delle vittime della Costa Concordia), ma sarebbe bene evitare questi usi, che generano inutili equivoci.

Per chi ne vuol sapere di più su questi nomi d’azione (quelli in -mento e quelli da participio passato femminile), che in parte si fanno concorrenza (abbinamento/abbinata) e più spesso, fortunatamente, si specializzano (schiarimento/schiarita, spianamento/spianata, scorrimento/scorsa), può vedere Maria Grossmann e Franz Rainer (a cura di), La formazione delle parole in italiano, Tübingen, Niemeyer, 2004, pp. 323-351.

 

Vittorio Coletti

 

7 ottobre 2016


Agenda eventi

  Evento di Crusca

  Collaborazione di Crusca

  Evento esterno


Avvisi

Nuovo regolamento per gli utenti della Biblioteca

Avviso dalla biblioteca

Dal 3 gennaio 2023, per gli studiosi che accedono alla Biblioteca è in vigore un nuovo regolamento.

Ordine di servizio

Avviso da Crusca

In ottemperanza alla normativa vigente, si raccomanda a tutti coloro che frequentano, a vario titolo, la Villa medicea di Castello, l’osservanza delle seguenti regole da adottare per il contenimento dei consumi energetici:
- all’interno della Villa l’esercizio degli impianti termici di climatizzazione alimentati a gas naturale è consentito per 11 ore giornaliere dall’8 novembre al 7 aprile (art. 1 comma 2 del Decreto del Ministro della Transizione ecologica del 6 ottobre 2022);
- la media ponderata delle temperature dell'aria, misurate nei singoli ambienti di ciascun locale della Villa per la climatizzazione invernale non deve essere superiore a 19 gradi centigradi, più 2 gradi centigradi di tolleranza (art. 19-quater del Decreto legge n. 17 del 1° marzo 2022);
- l’apertura delle finestre per il ricambio dell’aria deve essere limitata allo stretto necessario;
- regolare la luminosità della luce artificiale a seconda della luminosità esterna;
- spegnere le luci, il monitor del PC e il fancoil quando ci si allontana dalla propria postazione di lavoro e al termine del proprio orario di lavoro;
- non stampare mail o altri documenti, se non strettamente necessario.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Scomparsa l'accademica Bice Mortara Garavelli

26 gen 2023

Antichi maestri: un allestimento teatrale appositamente pensato per la Crusca

11 nov 2022

Scomparso lo storico della lingua Andrea Dardi

02 nov 2022

Due spettacoli teatrali alla villa medicea di Castello

26 ott 2022

Scomparso l'accademico Luciano Agostiniani

20 ott 2022

L’italiano e i giovani. Come scusa? Non ti followo: il libro edito dall'Accademia in occasione della Ventiduesima Settimana della lingua italiana nel mondo

15 ott 2022

Tre visite guidate riservate ai soci UniCoop Firenze e Amici dell'Accademia della Crusca

10 ott 2022

Sao ko kelle terre. Piccola storia della lingua italiana: al MUNDI uno spettacolo dedicato alla lingua italiana

23 set 2022

Vai alla sezione