Usi della particella ne

Drazen Volk ci ha contattato per conoscere i diversi possibili usi della particella ne: riportiamo la risposta di Tina Matarrese, pubblicata nell'ultimo numero de La Crusca per voi (n° 27, ottobre 2003).

Risposta

Usi della particella ne

 

«La particella ne deriva dal latino Inde ('di lì'), di cui conserva il valore primario di avverbio di luogo ("entrato in casa, ne uscì subito dopo"). Svolge inoltre funzione di pronome personale o dimostrativo, preceduto da di/da: "non la conosco personalmente, ma ne (= di lei) dicono bene", "chiuso l'affare, non volle più parlarne (= di esso)", "ha visto il film e ne (= da esso) è stata impressionata". Può anche riferirsi a una intera frase: "spero che mi telefoni, ma ne (= di ciò) dubito". In tutti questi casi vediamo il ne fare da complemento di un verbo. Ma può essere anche  complemento di un aggettivo ("abbiamo avviato una bella impresa e ne siamo fieri") e di un nome, nel qual caso equivale a un aggettivo possessivo ("Gli piace Venezia e ama percorrerne le calli" / "Gli piace Venezia e ama percorrere le sue calli").

E ancora il ne può avere significato partitivo in relazione a una certa quantità: "ho comprato la frutta, quanta ne vuoi?".

Come tutti i pronomi personali il ne ha un uso anaforico, fa riferimento cioè a un sintagma espresso nella frase o nel discorso, come in tutti gli esempi sopra portati; e un uso deittico, può servire cioè a indicare un oggetto fisicamente presente nello spazio in cui si svolge il discorso: (chi parla, offrendo dei cioccolatini) "ne vuoi?". E fa anche da pronome di ripresa del tema nelle cosiddette frasi marcate: "di questo ne abbiamo parlato a lungo".

Come tutti i pronomi atoni precede il verbo ad eccezione dell'imperativo positivo e dei modi non finiti ("parlane", "parlarne", "parlandone"). In unione con altro pronome atono occupa sempre il secondo posto ("gliene parlerò", "parlagliene").

La si trova in costruzioni riflessive esprimenti un particolare coinvolgimento del soggetto come andarsene, partirsene e in varie locuzioni di uso comune in cui l'originario valore semantico appare indebolito: non poterne più, aversene a male, non volermene, farne di cotte e di crude ecc.

Va ricordato infine l'uso antico e letterario di ne per ci: "né potrà tanta luce affaticarne" (Dante), che sopravvive in espressioni come "Dio ne scampi e liberi!"»

7 novembre 2003


Agenda eventi

  Evento di Crusca

  Collaborazione di Crusca

  Evento esterno


Avvisi

La chiusura del Tema di Paolo D'Achille e Rita Librandi

Avviso da Crusca

Il commento di chiusura al Tema Domande e risposte ai concorsi per l’insegnamento: facciamo più attenzione è disponibile nella sezione "Il Tema".

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Sao ko kelle terre. Piccola storia della lingua italiana: al MUNDI uno spettacolo dedicato alla lingua italiana

23 set 2022

Giusto, sbagliato, dipende: in uscita un nuovo volume sulla Consulenza linguistica dell'Accademia

05 set 2022

L'accademico Rosario Coluccia alla trasmissione Agorà

17 ago 2022

Scomparso l'accademico Luca Serianni

21 lug 2022

MUNDI. il Museo Nazionale Dell'Italiano in anteprima

05 lug 2022

Nominati 19 nuovi accademici

29 apr 2022

Gli accademici contro la guerra

04 mar 2022

Le parole di Dante fresche di giornata in onda su Radio 1

27 dic 2021

Vai alla sezione