Va bene una pizza a portar via?

Michele Bonatti dalla provincia di Pesaro e Urbino, Donatella Grassi, Marina Marini e Andrea Arcieri da Roma ci chiedono se sia corretto l'uso della locuzione pizza a portar via assai frequente in insegne di locali della capitale.

Risposta

Va bene una pizza a portar via?

 

La domanda posta ci porta a quella parte del discorso rappresentata dalle preposizioni e dalle reggenze che esse determinano.
Possiamo immaginare che il lettore, al posto di pizza a portar via letto nelle insegne o nella pubblicità di molti esercizi commerciali, si sarebbe aspettato pizza da portar via (con da al posto di a).
Questo è certamente legittimo se nell'espressione in questione si vuole vedere una funzione sintattica di tipo finale-destinativo. Come si legge nella grammatica di Luca Serianni (Italiano. Grammatica, sintassi, dubbi, Torino, UTET, 1988), nella parte dedicata alle proposizioni finali implicite, la sequenza nome/aggettivo+preposizione+verbo (con cui si designa la funzione, l'utilizzazione o la destinazione di qualcosa) prevede l'elemento da (si pensi a casa da vendere, libro da leggere, ecc.). Il valore di questi costrutti è propriamente a metà tra il finale e il consecutivo ("ti do un libro da leggere" può essere interpretato sia come "ti do un bel libro affinché tu lo legga", sia come "ti do un libro così bello che merita che tu lo legga"). Serianni ricorda inoltre come, in sintagmi del genere, una certa tradizione grammaticale consideri corretti solo quelli in cui il sostantivo è soggetto dell'infinito (che in tal caso ha valore passivo: "casa da vendere" ovvero "casa che deve essere venduta"), in base alla convinzione che da conferisca valore passivo all'infinito - interpretazione che ritiene peraltro infondata (cfr. A. Leone, Il tipo 'carta da scrivere', "Lingua Nostra" XXXIII, 1-5 e G. Skytte, La sintassi dell'infinito nell'italiano moderno, "Revue Romane", num. supplem. 27).
Se così fosse, ci ritroveremmo davanti a uno di quei casi per cui Cesare Marchi, nel suo libro Impariamo l'italiano (Milano, Rizzoli, 1984), richiama il principio classico dell'Error communis facit ius, ovvero che un errore generalizzato non è più tale. Proprio Marchi, nell'intento di guidare il lettore tra i dubbi e i crucci della nostra lingua, dedica un intero capitolo all'uso delle preposizioni, e lo intitola - nello stile leggero e umoristico che lo contraddistingue - "Sbagliato il gelato alla crema". Per le diverse preposizioni, l'autore propone una serie di esempi che ricordano la lontana tradizione di maestri che, con un intento normativo, si sono occupati di compilare liste di "prescrizione", ovvero elenchi di parole, con al primo posto la voce corretta e al secondo quella giudicata, per vari aspetti, da evitare. Marchi vuole cioè mettere in evidenza come, nella scelta della preposizione (per esprimere un complemento o per introdurre una proposizione), l'uso comune spesso si discosti da una forma tradizionalmente "preferibile".
Continuando, notiamo che nella lingua corrente ritornano altre due espressioni - vuoti a rendere e l'antonimico vuoti a perdere - che presentano la medesima sequenza nome+preposizione+verbo della forma in questione. Ora, nella Grande grammatica di consultazione del Renzi (Bologna, Il Mulino, 2001), tali voci ricorrono nella parte dedicata alla sintassi del periodo ovvero tra le infinitive (intese come frasi subordinate all'infinito), in particolare nella parte intitolata "Infinito come complemento predicativo". Nei sintagmi vuoti a rendere e vuoti a perdere Renzi vede il tipo di costruzione essere da + infinito che significa dovere essere + participio passato (con a al posto di da), nel quale la proposizione infinitiva svolge una funzione predicativa del soggetto, cioè si comporta come un nome o aggettivo riferito al soggetto che completa il significato del predicato (si noti anche l'espressione Come sarebbe a dire). Il senso di questo genere di costrutti è dunque passivo, e pizza a portar via indicherebbe allora un cibo pronto che viene preparato e confezionato perché debba essere, appunto, portato via.
La preposizione da ritorna invece nella locuzione pizza da asporto (che si alterna a pizza a portar via nelle insegne dei negozi e nella pubblicità in rete, e sembra in realtà preponderante nell'uso), in cui essa, anteposta a un sostantivo, ha il valore finale-destinativo che le è proprio (e che ritroviamo in altri costrutti del tipo arma da fuoco, tazzina da caffè, carta da lettere, ecc.).
Entrambe le espressioni attraversano la penisola e non ci sembrano caratterizzate in senso diatopico; lo conferma la pubblicistica presente nel web, che riporta a città e regioni differenti.
A sua volta, pizza a portar via rientra nel più ampio "genere" del cibo a portar via che, sul modello anglo-sassone del take-away, identifica un tipo di ristorazione veloce (da quella tradizionale a quella etnica) sempre più diffuso e di tendenza nelle nostre città.

 


A cura di Chiara Mussomeli 
Redazione Consulenza Linguistica
Accademia della Crusca

 

17 dicembre 2010


Agenda eventi


Avvisi

Biblioteca dell’Accademia della Crusca: servizi in emergenza covid-19

Avviso dalla biblioteca

Modalità di accesso alla sala consultazione e alle collezioni della Biblioteca aggiornate al 31 luglio 2020.

Commento di chiusura al Tema di Angela Ferrari

Avviso da Crusca

Il commento di chiusura a L’italiano istituzionale svizzero: come parla la burocrazia confederale? è disponibile nella sezione "Il Tema".

Il Tema Il genere di covid-19 e i giornali italiani, di Claudio Marazzini

Avviso da Crusca

Nella sezione "Il Tema" è possibile intervenire.

Claudio Marazzini rieletto Presidente dell'Accademia della Crusca insieme al nuovo Consiglio

Avviso da CruscaIl presidente Marazzini è rieletto per il suo terzo mandato; il Consiglio è stato rinnovato. Maggiori informazioni sono disponibili nella sezione "Ufficio stampa".

Gruppo Incipit: La notifica del data breach: un anglicismo inopportuno e incomprensibile. Si usi “violazione dei dati”

Avviso da Crusca

Il nuovo comunicato del gruppo Incipit è disponibile nella sezione "Comunicati stampa".

Biblioteca dell'Accademia - Donazioni

Avviso dalla biblioteca

La Biblioteca accetta in dono unicamente opere attinenti ai propri ambiti disciplinari.
Le opere inviate non saranno comunque restituite al donatore.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

L’italiano non è una lingua da confinare. Intervista a Claudio Marazzini

27 apr 2020

Il nuovo direttore dell'Opera del Vocabolario Italiano

20 apr 2020

Le celebrazioni del centenario della nascita di Gianfranco Folena

14 apr 2020

Il perfetto italiano del primo ministro albanese Edi Rama e l'amicizia tra le nostre due nazioni

09 apr 2020

25 marzo, ore 18: appuntamento al balcone per il primo Dantedì

24 mar 2020

Due speciali su Dante di Rai Cultura

22 mar 2020

25 marzo 2020: il primo Dantedì

21 mar 2020

Claudio Marazzini intervistato su Nev.it

06 mar 2020

Vai alla sezione