Vogliamo rispondervi o vi vogliamo rispondere?

Ai molti lettori che si rivolgono a noi per sciogliere i dubbi su quale sia da ritenere la posizione corretta del pronome personale atono proponiamo la risposta di Luca Serianni, apparsa sul n. 17 (ottobre 1998) della Crusca per voi, alla domanda: "qual è la forma corretta, volersi fare interprete o voler farsi interprete?"

Risposta

 

Vogliamo rispondervi o vi vogliamo rispondere?

 

La collocazione del clitico o pronome personale atono nelle combinazioni verbali è stata oggetto di numerosi studi negli ultimi anni. In particolare, si è tentato di stabilire il cosiddetto meccanismo della "risalita", ossia la possibilità di un clitico di affiggersi all'ultimo verbo della catena verbale (nel nostro esempio il verbo fare: farsi) ma anche di "risalire"  più indietro (qui: volere: volersi), fino al terzultimo verbo di una serie (come in Ce la puoi venire a portare, accanto a Puoi venircela a portare e a Puoi venire a portarcela). Tutte queste combinazioni devono considerasi accettabili, anche se possono non risultare ugualmente familiari nell'uso delle varie regioni italiane.

Andrea Calabrese (nella Grande grammatica italiana di consultazione, a cura di L. Renzi, Bologna, Il Mulino, 1988, vol. I, p. 572) indica in tre le categorie di verbi che, reggendo una frase subordinata all'infinito con pronome enclitico, possono richiamare il pronome come proclitico. Si tratta di:

1. Verbi modali, come volere, dovere, potere, sapere (voglio comprarlo - lo voglio comprare);

2. Verbi aspettuali (ossia quei verbi che indicano una particolare prospettiva dell'atto verbale, in relazione alla durata, alla momentaneità, all'incompiutezza ecc.) come cominciare, finire, continuare (comincio a leggerlo - lo comincio a leggere);

3. verbi di moto, come andare, venire, tornare (vado a trovarlo - lo vado a trovare).

Con altri verbi reggenti la "risalita" del clitico è incerta o francamente inaccettabile.

 

Luca Serianni

 

7 febbraio 2017


Agenda eventi


Avvisi

Il Museo della lingua italiana: una svolta nella politica linguistica nazionale?: il Tema di N. Maraschio

Avviso da Crusca

La discussione è aperta nella sezione "Il Tema".

"Italiano digitale", XIII, 2020/2 (aprile-giugno)

Avviso da Crusca

Il nuovo fascicolo è interamente disponibile in rete.

Una nuova banca dati in rete: la Stazione Lessicografica

Avviso da Crusca

Un sistema di consultazione integrato di dizionari di italiano in rete, aperto a tutti. La Stazione è raggiungibile dalla sezione Scaffali digitali.
> www.stazionelessicografica.it

Biblioteca dell’Accademia della Crusca: servizi in emergenza covid-19 - AGGIORNATO AL 26 AGOSTO 2020

Avviso dalla biblioteca

Modalità di accesso alla sala consultazione e alle collezioni della Biblioteca aggiornate al 26 agosto 2020.
> Accesso alla biblioteca

Biblioteca dell'Accademia - Donazioni

Avviso dalla biblioteca

La Biblioteca accetta in dono unicamente opere attinenti ai propri ambiti disciplinari.
Le opere inviate non saranno comunque restituite al donatore.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Una buona notizia dal sito dell’INPS: switch off diventa passaggio

20 set 2020

Il museo della lingua italiana a Firenze: un progetto che si realizza

11 ago 2020

L’italiano non è una lingua da confinare. Intervista a Claudio Marazzini

27 apr 2020

Il nuovo direttore dell'Opera del Vocabolario Italiano

20 apr 2020

Le celebrazioni del centenario della nascita di Gianfranco Folena

14 apr 2020

Il perfetto italiano del primo ministro albanese Edi Rama e l'amicizia tra le nostre due nazioni

09 apr 2020

25 marzo, ore 18: appuntamento al balcone per il primo Dantedì

24 mar 2020

Due speciali su Dante di Rai Cultura

22 mar 2020

Vai alla sezione