bullizzare

Ambito d'uso: lingua comune,

Ambito d'origine: sociologia,

Categoria grammaticale: v. tr.

Definizione

Sottoporre qualcuno a un trattamento fisicamente, verbalmente o psicologicamente violento, usando eventualmente anche la rete per amplificare l’effetto di umiliazione.

Etimologia

Derivato di bullo con il suff. -izzare, con il probabile influsso di to bully trans. ‘to treat in an overbearing manner; to intimidate, overawe’ [‘trattare in modo prepotente; intimidire’].

Prima attestazione

2000
"3.2. La tutela giuridica del lavoratore «bullizzato» in Inghilterra. Anche in Inghilterra lo studio del mobbing (o, meglio, bullying) come fenomeno unitario è una novità recente" (Pier Giuseppe Monateri, ‎Marco Bona, ‎Umberto Oliva, Mobbing: vessazioni sul lavoro, Giuffrè, 2000).

Periodo di affermazione: 2016-2017

Presenza sui dizionari

Devoto-Oli 2018, Garzanti 2017, Vocabolario Treccani 2017, Zingarelli 2017

Diffusione al: 15 aprile 2018

Forme cercate: bullizzare, bullizzava, bullizzavano, bullizzato/-i/-a/-e
Google: 199.880 r.
Corriere della sera: 24 r. totali (2014: 1 r.; 2016: 8 r.; 2017: 10 r.; 2018 [1/1- 31/3]: 4 r.); p.a. 2014
Repubblica: 32 r. totali (2007: 1 r; 2013: 6 r.; 2016: 8 r.; 2017: 18 r.; 2018 [1/1- 31/3]: 5 r.); p.a. 2007
Stampa: 44 r. totali (2015: 1 r.; 2016: 5 r.; 2017: 26 r.; 2018 [1/1- 31/3]: 12 r.); p.a. 2015

Note

Bullizzare, che sostituisce le locuzioni compiere atti di bullismo (suqualcuno), sottoporre (qualcuno) ad atti di bullismo e, al passivo, subire / essere vittima di atti di bullismo, ha come concorrenti bulleggiare e bullare rivelatisi però meno efficaci.

Oltre a essere in linea con la grande produttività del suffisso -izzare nell’italiano contemporaneo, la voce trova un parallelismo in almeno altri tre verbi con cui condivide tratti del significato: stalkerizzare, mobbizzare (anch’esso recepito dalla lessicografia contemporanea) e nonnizzare, originariamente legato alla pratica del nonnismo delle caserme, sconosciuto alla lessicografia, ma presente nei forum in rete dove si nonnizzano i nuovi iscritti.

Il verbo ha generato il sostantivo bullizzazione, riportato solo nel Nuovo Devoto-Oli, che lo data 2016, e in ZINGARELLI 2018, mentre è assente negli archivi della “Repubblica”, del “Corriere della sera” e della “Stampa”. La rete fornisce poche centinaia di attestazioni (493 compreso il plurale al 16/4/2018), alcune significative per l’ambito in cui si registrano. Non si sono trovate attestazioni su Google libri, ma la rete fornisce almeno cinque occorrenze per il 2015 in articoli e testi informativi, anche a carattere istituzionale.

Esempi d'uso

  • "Matteo, studente modello, che gli amici deridevano dicendogli "sei gay". E lui, nove giorni fa, si è ucciso. […] Perché spiega Alessandro Galvani, ex ragazzino gay "bullizzato" come dice lui stesso e oggi segretario dell’associazione, «se la scuola e i coetanei sono ostili al teenager gay, la famiglia può essere un muro invalicabile […]»" (Maria Novella De Luca, l dolore di scoprirsi gay adolescenti, il 60% si rifiuta “la Repubblica”, 11/4/2007).
  • "I protagonisti: vittime, bulli, spettatori. La violenza giovanile riguarda comportamenti dannosi che possono iniziare in giovane età e proseguire fino all’età adulta. Le persone coinvolte possono essere vittime, aggressori o spettatori di quanto accade. Rientrano in una classificazione di “violenza giovanile” diversi tipi di comportamenti:  alcuni comportamenti aggressivi, come bullizzare, schiaffeggiare o spintonare qualcuno, possono causare ferite emotive più profonde di quelle fisiche. Altri comportamenti, come rubare o aggredire, possono provocare anche seri danni fisici" (Bullismo, bersagli senza difese: "Ma non lasciamoli soli" - Il dossier di Telefono Azzurro sul bullismo e il cyberbullismo. Il lavoro degli operatori del Centro Nazionale di Ascolto 1.96.96, Repubblica.it, 19/9/2016).
  • "Quali conseguenze. È importante non sottovalutare il problema ed agire tempestivamente, poiché le conseguenze del fenomeno sul piano psicologico, sia a breve che a lungo termine, possono essere gravi sia per le vittime, sia per i bulli e per gli osservatori, come i dati sopra riportati evidenziano. Diversi studi internazionali indicano come esperienze (dirette o indirette) di bullismo sono associate ad una maggiore probabilità di incorrere in difficoltà comportamentali, emotive o di adattamento. Gli adolescenti che bullizzano i propri pari hanno una maggiore probabilità di sviluppare comportamenti devianti o delinquenziali, hanno minori performance scolastiche, sono più a rischio di drop-out scolastico e hanno maggiori probabilità di portare a scuola armi o oggetti pericolosi per l’incolumità propria o altrui" (Ibidem).
Matilde Paoli

Approfondimenti e link

6 febbraio 2019


Agenda eventi


Avvisi

L’Accademia della Crusca nomina 13 nuovi accademici corrispondenti

Avviso da Crusca

Maggiori informazioni sono disponibili nelle sezioni "Ufficio stampa" e "Notizie".

Biblioteca dell'Accademia - Donazioni

Avviso dalla biblioteca

La Biblioteca accetta in dono unicamente opere attinenti ai propri ambiti disciplinari.
Le opere inviate non saranno comunque restituite al donatore.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

L’Accademia della Crusca nomina 13 nuovi accademici corrispondenti

06 nov 2019

Vai alla sezione