didattica a distanza (DAD)

Ambito d'uso: lingua comune

Ambito d'origine: scuola

Rilancio

Categoria grammaticale:

loc. f. inv.

Definizione

'Insegnamento impartito in passato attraverso corrispondenza postale, poi tramite la televisione e la radio, oggi anche soprattutto attraverso gli strumenti informatici e telefonici, per ovviare alla distanza fisica tra docente e discente'.

Etimologia

Didattica a distanza: composto dal sostantivo femminile didattica (voce dotta dal lat. mediev. didattica [ars] ‘arte dell’insegnamento’), dalla preposizione semplice a e dal sostantivo femminile distanza.

DAD: acronimo di didattica a distanza composto prendendo le prime lettere delle parole che compongono la locuzione.

Prima attestazione

Didattica a distanza: 1990
Anche all’università si è avviato, con quest’anno accademico, un programma europeo (Euro Pace) di didattica a distanza, via satellite. Gli atenei interessati sono a Roma e a Catania, il Politecnico di Milano e quello di Torino. (Enrica Maggio, Gramsci fa la pace con Sturzo all’ombra del computer, repubblica.it, 29/12/1990) 

DAD (o DaD, Dad): 2020
Ma, dal centro alla periferia, non per tutti gli studenti di Roma la Dad, la didattica a distanza anti-Covid inaugurata due settimane fa, funziona allo stesso modo. [...] Certo, rimane la mancanza del contatto umano. Eppure, lo confermano i dati degli Studenti medi, per l’84% di loro l’esperienza con la Dad è positiva. (Arianna Di Cori, Valentina Lupia, La scuola, repubblica.it, 25/3/2020)

Periodo di affermazione:

2020

Presenza sui dizionari

Nessuna

Repertori

Treccani Neologismi online (2020)

Diffusione al: 7 luglio 2020

Google: 3.940.000 r.
"Corriere della Sera": 840 r. p.a. 2005
"la Repubblica": 833 r. p.a. 29/12/1990

Note

La locuzione didattica a distanza (abbreviata con l’acronimo DAD) è un rilancio che nel 2020, in seguito alla chiusura delle scuole su tutto il territorio nazionale tra i molti provvedimenti governativi presi per arginare l’epidemia di Covid-19, si è caricato di un peso semantico nuovo e ben più consistente. Didattica a distanza esiste fin dalla metà dell’Ottocento e ha indicato, negli anni, un insegnamento a distanza declinato attraverso i mezzi di comunicazione sempre più evoluti: prima la corrispondenza postale, poi la televisione e la radio, infine i mezzi digitali informatici e telematici. Oggi didattica a distanza si riferisce all’insieme di tutte quelle pratiche messe in atto durante il periodo emergenziale che ha costretto a casa studenti e docenti: comprende sia le vecchie strategie comunicative (tranne quelle postali cartacee), sia altre più recenti e consolidate (come ad esempio il registro elettronico o l’e-book), sia nuove modalità virtuali tra cui le piattaforme atte a ricreare la cosiddetta “classe virtuale”. Si serve di tutti i dispositivi comunicativi possibili: computer, tablet e cellulari. La didattica a distanza, oltre a coinvolgere anche le lezioni pratiche come nelle scuole ad indirizzo alberghiero o di alta formazione musicale e coreutica, viene associata anche a quelle attività educative extrascolastiche, praticate spesso per diletto.

Per quanto riguarda la diffusione di didattica a distanza, a partire da fine febbraio 2020, in seguito alle prime chiusure scolastiche nelle zone più a rischio al nord Italia, la locuzione ha cominciato a essere impiegata all’interno dei testi legislativi ed istituzionali, poi all’interno di quelli giornalistici fino a entrare nella lingua di uso comune. D’altra parte le prime occorrenze dell’acronimo DAD (sciolto sempre, quale spiegazione, in didattica a distanza) risalgono a fine marzo 2020, segno questo che da una parte la locuzione ha raggiunto piena lessicalizzazione e dall’altra che l’acronimo ancora non è “indipendente” lessicalmente. Sinonimo di didattica a distanza è teledidattica e accanto a questo bisogna ricordare una serie di termini, molti dei quali usati impropriamente in maniera sinonimica: formazione a distanza, l’anglismo e-learning, e-didattica, didattica digitale, didattica online, smart learning.

Esempi d'uso

  • Cosa si intende per attività didattica a distanza.  Le attività di didattica a distanza, come ogni attività didattica, per essere tali, prevedono la costruzione ragionata e guidata del sapere attraverso un’interazione tra docenti e alunni. Qualsiasi sia il mezzo attraverso cui la didattica si esercita, non cambiano il fine e i principi. [...] Il collegamento diretto o indiretto, immediato o differito, attraverso videoconferenze, videolezioni, chat di gruppo; la trasmissione ragionata di materiali didattici, attraverso il caricamento degli stessi su piattaforme digitali e l’impiego dei registri di classe in tutte le loro funzioni di comunicazione e di supporto alla didattica, con successiva rielaborazione e discussione operata direttamente o indirettamente con il docente, l’interazione su sistemi e app interattive educative propriamente digitali: tutto ciò è didattica a distanza.  (Nota del Ministero dell’Istruzione del 17/3/2020, n. 388, Emergenza sanitaria da nuovo coronavirus. Prime indicazioni operative per le attività didattiche a distanza
  • La didattica a distanza è cresciuta rapidamente: aiuta la diffusione di libri e sta uscendo dal suo spazio di surroga della lezione in classe. [...] Quel lavoro dice che uno studente su tre, in questi quarantacinque giorni di lezioni a distanza, ha scaricato un nuovo ebook: sono due milioni, adesso, e raddoppiano quelli acquisiti nel corso dell’anno scolastico. Ancora, 691 mila docenti (su 900 mila) hanno seguito almeno un seminario in rete (webinar) erogato gratuitamente dagli editori scolastici, [sic] Gratuitamente, ecco. [...] Le case editrici scolastiche, che rappresentano l’87 per cento del mercato librario, spiegano che ancora oggi il lavoro sui libri di carta resta il cuore della didattica a distanza. (Corrado Zunino, Coronavirus, la scuola a distanza è cresciuta: 4,4 milioni di lavori digitali scaricati, repubblica.it, sez. Scuola, 16/4/2020) 
  • Vorrei chiarire che la «Dad», acronimo di Didattica a distanza è stata una soluzione di emergenza per una situazione inedita, inimmaginabile e non la si può tradurre in lezione frontale. I momenti di video-lezione, specialmente per i bambini piccoli, sono stati per tante classi un ambito di condivisione e di «vicinanza» per mantenere vivo quel filo rosso dei contatti che non vogliamo né avremmo mai voluto spezzare. La «Dad», invece, ha rappresentato l’occasione per partecipare a tutte le proposte didattiche che nel tempo i docenti hanno preparato per il loro bambini [...]. (Lettera inviata da Mara Granvillana alla rubrica di Giangiacomo Schiavi, Una didattica ricca di stimoli e un nuovo alfabeto digitale, “Corriere della Sera”, 11/6/2020, p. 13)
  • Nei giorni del lockdown ha «vissuto male la DaD, le lezioni online, l’assenza di contatto con prof e compagni di classe, un “buongiorno” e un “arrivederci” virtuali non prenderanno mai il posto di un saluto vis a vis». (Laura Barbuscia, La diciottenne che recensisce i premi Strega, repubblica.it, 15/6/2020)
Miriam Di Carlo

Approfondimenti e link

30 luglio 2020


Agenda eventi

  Evento di Crusca

  Collaborazione di Crusca

  Evento esterno


Avvisi

Nuovo regolamento per gli utenti della Biblioteca

Avviso dalla biblioteca

Dal 3 gennaio 2023, per gli studiosi che accedono alla Biblioteca è in vigore un nuovo regolamento.

Ordine di servizio

Avviso da Crusca

In ottemperanza alla normativa vigente, si raccomanda a tutti coloro che frequentano, a vario titolo, la Villa medicea di Castello, l’osservanza delle seguenti regole da adottare per il contenimento dei consumi energetici:
- all’interno della Villa l’esercizio degli impianti termici di climatizzazione alimentati a gas naturale è consentito per 11 ore giornaliere dall’8 novembre al 7 aprile (art. 1 comma 2 del Decreto del Ministro della Transizione ecologica del 6 ottobre 2022);
- la media ponderata delle temperature dell'aria, misurate nei singoli ambienti di ciascun locale della Villa per la climatizzazione invernale non deve essere superiore a 19 gradi centigradi, più 2 gradi centigradi di tolleranza (art. 19-quater del Decreto legge n. 17 del 1° marzo 2022);
- l’apertura delle finestre per il ricambio dell’aria deve essere limitata allo stretto necessario;
- regolare la luminosità della luce artificiale a seconda della luminosità esterna;
- spegnere le luci, il monitor del PC e il fancoil quando ci si allontana dalla propria postazione di lavoro e al termine del proprio orario di lavoro;
- non stampare mail o altri documenti, se non strettamente necessario.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Scomparsa l'accademica Bice Mortara Garavelli

26 gen 2023

Antichi maestri: un allestimento teatrale appositamente pensato per la Crusca

11 nov 2022

Scomparso lo storico della lingua Andrea Dardi

02 nov 2022

Due spettacoli teatrali alla villa medicea di Castello

26 ott 2022

Scomparso l'accademico Luciano Agostiniani

20 ott 2022

L’italiano e i giovani. Come scusa? Non ti followo: il libro edito dall'Accademia in occasione della Ventiduesima Settimana della lingua italiana nel mondo

15 ott 2022

Tre visite guidate riservate ai soci UniCoop Firenze e Amici dell'Accademia della Crusca

10 ott 2022

Sao ko kelle terre. Piccola storia della lingua italiana: al MUNDI uno spettacolo dedicato alla lingua italiana

23 set 2022

Vai alla sezione