dissare

Ambito d'uso: giovani, musica, musica trap, social media, musica rap

Ambito d'origine: musica rap, musica

Categoria grammaticale:

v. tr.; talvolta anche usato assolutamente.

Definizione

a) Insultare mordacemente qualcuno o qualcosa attraverso il testo di una canzone (specialmente un cantante rivale);
b) per estensione, denigrare e screditare qualcosa o qualcuno.

Etimologia

Adattamento del verbo inglese (to) dis con l'aggiunta, all’infinito, della desinenza italiana -are della prima coniugazione.

Prima attestazione

a): 2004
"Disgustibus
Per chi dissa, per chi si eclissa
per chi non piscia, per chi si abissa
[...]
Disgustibus
Per lo sfidante blasfemo
Per te sono nessuno solo nel caso tu sei polifemo
Mi fai pena, a me risulta facile
Lasciarti esanime poi dissare la tua lapide
(dalla canzone Disgustibus di Vacca feat. Jack the Smoker, uscita nel 2004; testo consultabile su genius.com)"

b): 2015
"E’ [sic] scontro aperto tra 2 King indiscussi del mondo social: Giancarlo Magalli ha dissato Gianni Morandi, tecnicamente sarebbe più giusto parlare di flame ma l’essenza del discorso è la stessa, alla base della faida ci sarebbe il rifiuto di un feat, pardon, di un selfie, proposto da Magalli a Morandi. ([s.f.], Magalli ha dissato Gianni Morandi, mondorap.it, 30/9/2015)"

Periodo di affermazione:

2018-2020

Presenza sui dizionari

Nessuna

Diffusione al: 4 dicembre 2021

[ricerche dal 2000]
Google (pp. in ita): dissato 2.020 r., dissati 1.830 r., dissare 1.060 r., dissano 713 r., dissata 67 r.; disso 27.100 r. [alta presenza di rumore], 5.130 r. [presenza di rumore], dissa 4.880 r. [presenza di rumore]
"Corriere della Sera": 1 r. (dissa), p. a. 2018
"la Repubblica": 3 r. (dissare: 2 r.; dissato: 1r.), p.a. 2016
"La Stampa": 1 r. (dissare), p.a. 2017

Note

A partire dai primi anni Duemila, il verbo dissare è entrato a far parte del gergo della musica rap italiana, che attinge spesso al serbatoio lessicale angloamericano: dissare, infatti, è un adattamento del verbo inglese (to) dis con l'aggiunta, all’infinito, della desinenza italiana -are, con raddoppiamento della consonante. In lingua inglese dis, diffuso peraltro anche nella variante grafica diss e nato dall'accorciamento di (to) disrespect, è registrato dai dizionari anglosassoni col significato di 'parlare senza rispetto o criticare' ed è etichettato come termine "informale" (cfr. Lexico.com) o come termine dello slang, diffusosi inizialmente negli Stati Uniti, dov'era in uso soprattutto fra le comunità afroamericane (cfr. OED).

In italiano la parola ha avuto un duplice percorso semantico. È entrata dapprima come gergalismo del linguaggio dei rapper (e più di recente in quello dei trapper), quindi è stata veicolata – rispetto all'inglese – col solo significato ristretto di 'insultare causticamente qualcuno o qualcosa attraverso il testo di una canzone', ed è usata transitivamente o, più raramente, con valore assoluto. Per lungo tempo, all'incirca fino al 2018, l'uso di dissare è rimasto strettamente ancorato al genere musicale dell'hip hop; il verbo, dunque, ricorre all'interno di canzoni italiane, in traduzioni di canzoni straniere (che hanno certamente contribuito alla fortuna della parola) e, in generale, in tutti quei contesti che riguardano l'universo rap (blog, forum, articoli e libri).

Negli ultimissimi anni, accanto all'uso gergale se ne sta affiancando un altro più generale: dissare, infatti, scavalcate le rime della musica rap e trap, ha allargato il proprio significato ed esteso i propri ambiti d'uso fino a diventare sinonimo di insultare, beffare, e a essere perciò utilizzato nel senso di 'denigrare e screditare qualcosa o qualcuno' (non più esclusivamente attraverso il testo di una canzone). Precisiamo che già fra il 2015 e il 2017 troviamo episodiche occorrenze di dissare con significato esteso (quindi con riferimento ad alterchi non disputati a suon di rime all'interno di canzoni), ma si tratta sempre di usi provenienti per lo più dall'universo rap. Dal 2018, invece, notiamo una crescita dell'uso di dissare in direzione di nuovi ambiti, per esempio in notizie riguardanti il mondo dello spettacolo e della tv oppure sui social network in post in cui si descrivono eventi legati alla quotidianità; di notevole portata, inoltre, le riflessioni metalinguistiche su dissare, prodotte quasi esclusivamente in rete.

In ultimo, poniamo brevemente l'attenzione su una parola che – molto verosimilmente – ha dato manforte alla diffusione di dissare: parliamo di dissing, voce linguisticamente e concettualmente correlata a dissare e che conta numerose occorrenze in italiano dai primi anni Duemila ad oggi, con 30.400 risultati su Google e 1.290 su Google Libri (solo pagine in italiano). A differenza del verbo, il sostantivo maschile dissing (prestito non adattato dall'inglese) figura in qualche repertorio dell'italiano, quale ad esempio Slengo (dove dissing è definito «offesa tra amici, parola che significa "mancare di rispetto"») o la sezione "Neologismi" Treccani del 2018.

Esempi d'uso

  • Addirittura leggo ancora commenti del tipo: «i dissing in questa musica sono inutili, non dovrebbero esistere, non dovevi dissare quell'artista, adesso rispondi a quell'altro artista, ti ha nominato in un testo quindi devi rispondere [...]». (Fabri Fibra, I soldi non finiscono mai, Rizzoli, Milano, 2011)
  • Cioè, certo che li faccio, come tutti, ma la maggior parte dei miei dissing riguarda persone che mi hanno davvero fatto un torto [...]. Per me dissare è come tirare un pugno, ma in modo più elegante e senza sporcarmi le mani. (GionnyScandal, La via di casa mia, Rizzoli, 2017)
  • Guerre Social. Quando i Club si "dissano" in rete (titolo di un articolo sportivo pubblicato da Antonio Minoia su com, 24/10/2018)
  • Unboxingcringedissingreactionchallenge sono alcuni tra i termini che più ascoltiamo e assimiliamo (senza però averne troppa consapevolezza) quando scegliamo di guardare un video. Come se spacchettareessere in imbarazzoinsultarereazione e sfida siano improvvisamente usciti dai nostri dizionari o diventati obsoleti. Tanta è la volontà di sentirci più vicini ai modelli americani e cercare di essere sempre in tendenza che abbiamo sentito la necessità di adattare persino i nostri vocaboli, originando un brutto e inutile refuso degli originali: unboxarecringiaredissarereactionare (Gianluca Callari, Studia l'inglese, se non lo conosci sei fuori dal mondo!, ilgiornalepopolare.it, 17/12/2019)
  • DISSING – Quello che tutti fanno a voi ogni volta che parlate. Quello che vi sto facendo anche io, adesso. Quello che si fa nei programmi tv per costruirsi un personaggio e avere successo. Ma anche e soprattutto quello che fanno i rapper fra di loro. Si dissano: si insultano a vicenda, nei loro pezzi, spesso senza nessun motivo. (Valeria Montebello, Vocabolario per boomer, "Il Foglio quotidiano", 16/11/2021, pag. I)
Barbara Patella

Approfondimenti e link

13 gennaio 2022


Agenda eventi

  Evento di Crusca

  Collaborazione di Crusca

  Evento esterno


Avvisi

Nuovo regolamento per gli utenti della Biblioteca

Avviso dalla biblioteca

Dal 3 gennaio 2023, per gli studiosi che accedono alla Biblioteca è in vigore un nuovo regolamento.

Ordine di servizio

Avviso da Crusca

In ottemperanza alla normativa vigente, si raccomanda a tutti coloro che frequentano, a vario titolo, la Villa medicea di Castello, l’osservanza delle seguenti regole da adottare per il contenimento dei consumi energetici:
- all’interno della Villa l’esercizio degli impianti termici di climatizzazione alimentati a gas naturale è consentito per 11 ore giornaliere dall’8 novembre al 7 aprile (art. 1 comma 2 del Decreto del Ministro della Transizione ecologica del 6 ottobre 2022);
- la media ponderata delle temperature dell'aria, misurate nei singoli ambienti di ciascun locale della Villa per la climatizzazione invernale non deve essere superiore a 19 gradi centigradi, più 2 gradi centigradi di tolleranza (art. 19-quater del Decreto legge n. 17 del 1° marzo 2022);
- l’apertura delle finestre per il ricambio dell’aria deve essere limitata allo stretto necessario;
- regolare la luminosità della luce artificiale a seconda della luminosità esterna;
- spegnere le luci, il monitor del PC e il fancoil quando ci si allontana dalla propria postazione di lavoro e al termine del proprio orario di lavoro;
- non stampare mail o altri documenti, se non strettamente necessario.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Scomparsa l'accademica Bice Mortara Garavelli

26 gen 2023

Antichi maestri: un allestimento teatrale appositamente pensato per la Crusca

11 nov 2022

Scomparso lo storico della lingua Andrea Dardi

02 nov 2022

Due spettacoli teatrali alla villa medicea di Castello

26 ott 2022

Scomparso l'accademico Luciano Agostiniani

20 ott 2022

L’italiano e i giovani. Come scusa? Non ti followo: il libro edito dall'Accademia in occasione della Ventiduesima Settimana della lingua italiana nel mondo

15 ott 2022

Tre visite guidate riservate ai soci UniCoop Firenze e Amici dell'Accademia della Crusca

10 ott 2022

Sao ko kelle terre. Piccola storia della lingua italiana: al MUNDI uno spettacolo dedicato alla lingua italiana

23 set 2022

Vai alla sezione