enogastronomo *

Ambito d'uso: lingua comune, ristorazione,

1992

Definizione: persona esperta di vini, della loro degustazione, e nell'arte culinaria o gastronomia

Voce dotta, composta da due formanti; al s.m. "gastronomo", con cui si indica chi è esperto in gastronomia, è infatti anteposto il prefissoide eno-, dal gr. (oînos) "vino".
In base alle regole di formazione dell'italiano, la parola enogastronomo può essere interpretata come esito di composizione neoclassica, così definita perché impiega elementi che trovano origine in lessemi appartenenti alle lingue classiche, greco o latino. Al greco si deve inoltre il caratteristico ordine dei costituenti all'interno dei composti neoclassici, in cui l'elemento semanticamente centrale, ossia il Determinato ("gastronomo") è preceduto dall'elemento accessorio, il Determinante (eno-). La struttura del composto presenta dunque determinazione a sinistra.
Il medesimo prefisso è attestato in altri due composti neoclassici, affini sia nel significante che per ambito di pertinenza semantica, ossia il s.f. enogastronomia e l'agg. enogastronomico, entrambi ormai entrati a far parte del vocabolario comune. Il primo, da ascriversi al sec. XX e indicante complessivamente l'ambito delle competenze relative all'enologia e alla culinaria, è registrato in Devoto Oli 2004/2005, GDLI 2004, GRADIT, Zingarelli 2006; il secondo, datato al 1969 e riferito a quanto riguarda i vini e i cibi, è accolto in Devoto Oli 2004/2005, GDLI 2004, GRADIT, SC 2004, SC 2006 e Zingarelli 2006.
La composizione neoclassica assume un'importanza rilevante nell'italiano contemporaneo, in quanto costituisce una regola di formazione alquanto produttiva. Si può inoltre notare che il tipo di composti con produttività in costante crescita è costituito da parole formate da un elemento legato o non libero, anteposto all'elemento libero, come appunto enogastronomo. La fortuna delle neoformazioni che presentano tale struttura è probabilmente dovuta alla loro trasparenza semantica; la base del composto (cioè il Determinato, l'elemento semanticamente centrale), essendo costituita da una parola autonoma, ne facilita la comprensione.
Questa parola, dapprima probabilmente impiegata nell'ambito di trasmissioni televisive (quali ad esempio «La prova del cuoco», condotta dalla giornalista Antonella Clerici) e in relazione a rassegne o congressi relativi al settore enologico-gastronomico, si è successivamente diffusa attraverso i giornali.
Per quanto riguarda le attestazioni di questo termine, Google indicizza un numero di circa 19.500 occorrenze.

Attestazioni

  • Corriere della sera (10/12/1992): spiega Franco Ronchi, enogastronomo e titolare del nuovo tipo di fastfood ... Oggi come oggi, molta gente segue un regime dimagrante e deve stare attenta ai grassi; altri sono vegetariani, altri ancora sono allergici ad alcune componenti particolarmente raffinate o "pasticciate", che spesso rientrano nella preparazione dei pasti tradizionali
  •  Corriere della sera (11/12/2002): Nasce da un'idea di Beppe Bigazzi, istrionico enogastronomo che affianca Antonella Clerici nella trasmissione «La prova del cuoco», la cena di oggi al Circolo Ufficiali delle Forze Armate, presenti il ministro dell'Agricoltura Alemanno e il presidente di Civita Maccanico e Franco Ricci, dell'Associazione sommelier
  • Corriere della sera (31/10/2003): Conquistare i palati degli enogastronomi e della gente comune (che magari non può permettersi un costoso pranzo nel ristorante La Pergola dell'hotel Hilton) declinando a modo suo il piatto nazionale per eccellenza
  • Blogs.simplicissimus.it (9.9.2006) Nomination plebiscitaria per il Gastronomo riluttante
    Propongo il blog "Il Gastronomo Riluttante", che propone un punto di vista stimolante e arguto, non privo di punte polemiche, sul mondo del cibo e della ristorazione. Luca Trentini
    Candido il Gastronomo Riluttante perchè è un esempio di intelligente ed interessante diario di un grande appassionato e competente enogastronomo. Argomenti mai banali e scontati, molti approfondimenti interessanti sulla cultura enogastronomica ed in particolare sul concetto un pochino abusato (da altri) di "filiera". I suoi interventi, sempre puntuali ed interessanti, fanno scaturire altrettanto interessanti discussioni ed approfondimenti sul tema. Una perla ed una miniera informativa con pochi "rivali". Alberto Cauzzi

    [a cura di Manuela Cainelli]

 

26 ottobre 2006


Agenda eventi


Avvisi

Prestiti esterni

Avviso dalla bibliotecaI prestiti in corso e in scadenza si considereranno naturalmente prorogati fino alla riapertura della Biblioteca.

Il Tema

Avviso da Crusca

In margine a un’epidemia: risvolti linguistici di un virus - II puntata, di Claudio Marazzini. La discussione è aperta nella sezione "Il Tema".

Chiusura temporanea della sede dell'Accademia

Avviso da CruscaSi comunica che, allo scopo di contrastare il diffondersi dell'epidemia COVID-19, in attuazione del DPCM 1 aprile 2020, l’Accademia della Crusca resterà chiusa fino al 13 aprile 2020 (salvo nuove indicazioni).

"Italiano digitale" IX, 2019/2 (aprile-giugno)

Avviso da Crusca

Il nuovo numero è disponibile nella sezione "Pubblicazioni".

Biblioteca dell'Accademia - Donazioni

Avviso dalla biblioteca

La Biblioteca accetta in dono unicamente opere attinenti ai propri ambiti disciplinari.
Le opere inviate non saranno comunque restituite al donatore.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

25 marzo, ore 18: appuntamento al balcone per il primo Dantedì

24 mar 2020

Due speciali su Dante di Rai Cultura

22 mar 2020

25 marzo 2020: il primo Dantedì

21 mar 2020

Claudio Marazzini intervistato su Nev.it

06 mar 2020

L'accordo tra l'Accademia della Crusca e il Ministero della Pubblica amministrazione

16 feb 2020

Un museo della lingua italiana a Firenze: la proposta del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte

21 gen 2020

Istituito il Dantedì. Ogni 25 marzo Dante Alighieri sarà celebrato a livello nazionale

19 gen 2020

I manifesti futuristi dell'archivio Crusca-Memofonte al programma televisivo "Passato e presente"

Vai alla sezione