fasarsi

Ambito d'uso: nuovi media, rete

Ambito d'origine: economia, lavoro, mercato del lavoro

Categoria grammaticale:

v. rifl.

Definizione

Allinearsi, accordarsi nei modi e/o nei tempi con qualcuno o qualcosa.

Etimologia

Derivato dalla forma pronominale (sfasarsi) di sfasare (a sua volta dal sostantivo fase, con l’aggiunta del prefisso privativo s- e della desinenza verbale -are), propriamente ‘variare la fase di una corrente o di una tensione alternata’ e per estensione ‘provocare variazioni negative nel ritmo regolare di un qualsiasi fenomeno; disorientare, far perdere il contatto con la realtà attuale’; privato del prefisso negativo iniziale, il verbo ha assunto il significato contrario di ‘mettersi in fase’ e quindi ‘allinearsi’.

Prima attestazione

1999
Per il capo del Dipartimento di economia del prestigioso Mit della Cambridge statunitense, nei quasi tre decenni che vanno dagli inizi degli anni settanta ai giorni nostri, la costante crescita della disoccupazione […] nei sedici maggiori paesi europei dell'Ocse è dovuta a ben quattro shocks succedutisi nel tempo e contraddistinta da una sequenza che ne mostrerebbe una montante carica negativa nei riguardi del mancato “fasarsi” della domanda con l’offerta di lavoro. (Vittorangelo Orati, Disoccupazione crescente e crisi della macroeconomia, “Il Ponte”, LV, 10, 1999, p. 65)

Periodo di affermazione:

2017/2018

Presenza sui dizionari

Nessuna

Diffusione al: 30 gennaio 2020

Google: 430 r.
"Corriere della Sera": 0 r.
corriere.it: 1 r. (del 2017); “fasato” 1 r. (del 2011)
"la Repubblica": 0 r.; “fasiamoci” 1 r. (del 2001)
"La Stampa": 0 r.

Note

Le prime attestazioni di fasarsi risalgono agli inizi del Duemila, in pubblicazioni di argomento economico e finanziario, con riferimento soprattutto all’allinearsi dei differenti fattori operanti in un mercato (del lavoro, finanziario, monetario, ecc.), ma la diffusione del verbo si è successivamente estesa anche alla lingua d’uso di aziende, pubbliche amministrazioni e altri ambienti lavorativi legati al settore economico-finanziario, entrando presto a far parte delle espressioni tipiche del cosiddetto “aziendalese”.

Nel corso dell’ultimo decennio l’uso di fasarsi ha cominciato a diffondersi anche nella lingua comune, come sinonimo di accordarsi, coordinarsi e simili, con una circolazione che per il momento risulta però ancora ridotta e circoscritta alla rete, per lo più in contesti di registro informale (blog, forum e periodici online). Proprio in virtù della circolazione ancora limitata del nuovo verbo e del suo significato non sempre del tutto trasparente, è consigliabile continuare a ricorrere, anche nel parlato, alle forme verbali già attestate nella nostra lingua per esprimere tale significato.

Esempi d'uso

  • Premesso che ora non lo fanno più e stanno più in casa o nei nostri spazi che altro (dovevano solo fasarsi e capire come erano suddivisi gli spazi), la suddetta signora e famiglia invece non si esime dall’arrecare disturbo - e non solo a noi. (Vicini di casa rumorosi e fastidiosi, post sul forum di “Condominioweb.com”, 8/8/2009)
  • Non è manco necessario passarlo sotto l’acqua fredda o nell’abbattitore per mantenere la croccantezza e il colore, basta solo conoscere il proprio microonde e fasarsi bene sui tempi. (Frattali e microonde, mica cavoli, post sul blog “Solo per gusto”, 19/3/2017)
  • Fantastici, morbidi, comodissimi...bisogna solo fasarsi sulla misura perché sono piuttosto larghe...io ho dovuto renderle e prendere un numero in meno del mio. Belle, belle, belle! (Wow!, recensione sul portale “Amazon”, 13/3/2018)
Sara Giovine

Approfondimenti e link

9 luglio 2020


Agenda eventi

  Evento di Crusca

  Collaborazione di Crusca

  Evento esterno


Avvisi

Nuovo regolamento per gli utenti della Biblioteca

Avviso dalla biblioteca

Dal 3 gennaio 2023, per gli studiosi che accedono alla Biblioteca è in vigore un nuovo regolamento.

Ordine di servizio

Avviso da Crusca

In ottemperanza alla normativa vigente, si raccomanda a tutti coloro che frequentano, a vario titolo, la Villa medicea di Castello, l’osservanza delle seguenti regole da adottare per il contenimento dei consumi energetici:
- all’interno della Villa l’esercizio degli impianti termici di climatizzazione alimentati a gas naturale è consentito per 11 ore giornaliere dall’8 novembre al 7 aprile (art. 1 comma 2 del Decreto del Ministro della Transizione ecologica del 6 ottobre 2022);
- la media ponderata delle temperature dell'aria, misurate nei singoli ambienti di ciascun locale della Villa per la climatizzazione invernale non deve essere superiore a 19 gradi centigradi, più 2 gradi centigradi di tolleranza (art. 19-quater del Decreto legge n. 17 del 1° marzo 2022);
- l’apertura delle finestre per il ricambio dell’aria deve essere limitata allo stretto necessario;
- regolare la luminosità della luce artificiale a seconda della luminosità esterna;
- spegnere le luci, il monitor del PC e il fancoil quando ci si allontana dalla propria postazione di lavoro e al termine del proprio orario di lavoro;
- non stampare mail o altri documenti, se non strettamente necessario.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Scomparsa l'accademica Bice Mortara Garavelli

26 gen 2023

Antichi maestri: un allestimento teatrale appositamente pensato per la Crusca

11 nov 2022

Scomparso lo storico della lingua Andrea Dardi

02 nov 2022

Due spettacoli teatrali alla villa medicea di Castello

26 ott 2022

Scomparso l'accademico Luciano Agostiniani

20 ott 2022

L’italiano e i giovani. Come scusa? Non ti followo: il libro edito dall'Accademia in occasione della Ventiduesima Settimana della lingua italiana nel mondo

15 ott 2022

Tre visite guidate riservate ai soci UniCoop Firenze e Amici dell'Accademia della Crusca

10 ott 2022

Sao ko kelle terre. Piccola storia della lingua italiana: al MUNDI uno spettacolo dedicato alla lingua italiana

23 set 2022

Vai alla sezione