FOMO (fear of missing out)

Ambito d'uso: economia, giovani, nuovi media, psicologia, social media

Ambito d'origine: psicologia

Categoria grammaticale:

sost. f. inv.

Definizione

1. psicol. patologia che consiste nell’ansia di essere estromessi dalla realtà virtuale 2. finanz. ansia di non riuscire a cogliere il miglior investimento finanziario, soprattutto, ma non solo, nell’ambito del mercato virtuale in criptovaluta. 

Etimologia

Dall’inglese FOMO, acronimo di Fear Of Missing Out ossia ‘paura di essere tagliati fuori, estromessi da un evento o un’esperienza piacevole’. 

Prima attestazione

2011
"Va inoltre evidenziata una nuova nevrosi a cui gli utenti dei social network possono essere esposti: si chiama Fomo, dalle iniziali di Fear Of Missing Out, e rappresenta la paura di essere (o di sentirsi) “tagliati fuori”: consiste cioè nel sentimento di solitudine che la socialità digitale può in qualche modo veicolare". (Lorena Toller, Chi c’è in chat?, Roma, Sovera Multimedia, 2011, p. 44)

«Ora scopro che la mia è un’esperienza universale. Ha perfino un nome clinico, la nuova nevrosi creata dai siti sociali. Si chiama Fomo, le iniziali di “fear of missing out”: la paura di essere tagliati fuori. [...] Contro la sindrome Fomo la Turkele propone di cominciare con piccoli esercizi quotidiani: "Ogni tanto, separiamoci dal nostro smart-phone, per riprenderci il controllo su noi stessi"». (Federico Rampini, Sindrome Facebook quando troppi amici ti fanno sentire solo, repubblica.it, 11/4/2011)


Periodo di affermazione:

2018-2020

Presenza sui dizionari

Repertori

Diffusione al: 31 gennaio 2022

Google: 139.000 r.
"Corriere della Sera": 18 r. (p.a. 2013)
Archivio "Corriere della Sera": 1 r. (2015)
"la Repubblica": 30 r. (p.a. 2011)
"La Stampa": 21 r. (p.a. 2013)

Note

La parola FOMO (scritta anche Fomo o FoMO) è acronimo di Fear of Missing Out ‘paura di essere estromessi, tagliati fuori’. Il termine nasce in ambito anglosassone nei primi anni del 2000 per descrivere un’ansia generata da una qualsiasi estromissione sociale e/o dall’impossibilità di partecipare a un evento o a usufruire di un servizio, o di comprare un prodotto e con questo significato è stato registrato nel Merriam-Webster. Nel 2010 circa la parola comincia a essere usata nell’ambito specialistico della psicologia e psichiatria per descrivere la patologia caratterizzata da un’ansia eccessiva (sfociante in disturbi ossessivi e altre manifestazioni simili) dovuta alla dipendenza dal mondo virtuale; con questo significato è stata registrata dall’OED. Con questa accezione la parola è cominciata a circolare massicciamente nei testi in lingua inglese e negli ultimi due anni legati alla pandemia da Covid-19, gli studi e l’interesse per la FOMO si sono moltiplicati facendo sì che la parola sia fuoriuscita dal lessico specialistico; un sintomo di questa tendenza è il conio del neologismo vaccine FOMO, cioè l’ansia di essere estromessi dalla vaccinazione che viene testimoniata, da chi l’ha fatta, attraverso delle foto in tempo reale postate sui social network. Il termine entra nella lingua italiana nel 2011 circa (stando alle prime attestazioni rilevate dal web) e viene subito usato con il significato che ha sviluppato per estensione all’interno delle scienze psicologiche e cioè la patologia legata alla dipendenza dal mondo virtuale, nonostante i primi testi in cui ritroviamo la parola siano di carattere divulgativo e non tecnico-specialistico. Dal 2011 comincia a essere usata sui quotidiani nazionali, mentre entra nei testi specialistici di psicologia italiana soltanto a partire dal 2015. A differenza dell’evoluzione semantica che ha subìto in inglese, nella lingua italiana il termine FOMO è entrato con il significato relativo alla patologia dovuta dalla dipendenza virtuale per poi descrivere un’ansia generica prodotta da un qualsiasi tipo di estromissione sociale, non necessariamente alimentata dal confronto con la realtà virtuale. Con questo significato la parola FOMO (in queste occasioni scritta di solito fomo) è entrata nel lessico giovanile, in contesti ironici e giocosi. Infine negli ultimi anni, con il termine FOMO si descrive anche l’ansia di non riuscire a cogliere il miglior investimento finanziario nell’ambito del mercato virtuale, ossia una paura tipica del trading patologico.

Per quanto riguarda il genere grammaticale, la parola registra molte più occorrenze al femminile ma non mancano esempi di FOMO al maschile: il genere femminile è preferibile e viene preferito perché la testa del composto è fear, il cui traducente italiano è paura, di genere femminile, così come gli iperonimi patologia, malattia.

Esempi d'uso

  • Ora scopro che la mia è un’esperienza universale. Ha perfino un nome clinico, la nuova nevrosi creata dai siti sociali. Si chiama Fomo, acronimo di “fear of missing out”: la paura di essere tagliati fuori. Tanto più acuta se l’evento di cui i vostri amici vi mandano testimonianze in tempo reale si svolge addirittura nelle vicinanze. E voi non ci siete. [...] Ma anziché renderci davvero più “sociali”, questi strumenti tecnologici possono accentuare un senso di solitudine, di opportunità mancate. [...] Contro la sindrome Fomo la Turkle propone di cominciare con piccoli esercizi quotidiani: “Ogni tanto, separiamoci dal nostro smartphone, per riprendere il controllo su noi stessi”. (Federico Rampini, Rete padrona, Milano, Feltrinelli, 2014)
  • Insonnia e ansia, panico per assenza di rete e Sindrome della vibrazione fantasma: sono alcuni sintomi della «nomofobia», la pura di essere sconnessi, evoluzione tecnologica della generica Fomo (Fear of missing out). [...] Ma se la mancanza di connessione vi fa sudare sul serio, eh, lì state attenti perché potreste essere affetti dalla patologia regina del nostro tempo: Fomo si chiama. (Drogati di cellulare? Tranquilli, guarire si può Ecco i sintomi (e le cure) della «nomofobia», corriere.it, s.d.)
  • Ho fomo e vorrei partecipare al fantasanremo ma 1) non so giocarci 2) lo prenderei troppo sul serio e non permettermi di farmi il fegato amaro per il fantasanremo (tweet di @high0per del 30/1/2022)
  • Detto da uno che in investe tutti i risparmi di una vita su qualcosa di rischioso solo per FOMO, ti seguo da quando avevi poco più di 1000 follower, quindi mi ricordo, come è iniziata. Rimani sulla strada, [...]. (tweet di @ElCoyoteCactus1 del 26/1/2022)
Miriam Di Carlo

Approfondimenti e link

18 febbraio 2022


Agenda eventi

  Evento di Crusca

  Collaborazione di Crusca

  Evento esterno


Avvisi

Chiusura straordinaria dell'Accademia

Avviso da Crusca

Avvisiamo gli studiosi che l'Accademia resterà chiusa venerdì 3 giugno.

Accesso all'Archivio

Avviso dall'archivio

Avvisiamo gli studiosi che dal 1° maggio 2022 per accedere all'Archivio non è più necessario esibire la certificazione verde (green pass) né indossare una mascherina, che rimane però fortemente raccomandata nei locali aperti al pubblico o in caso di assembramento.

Accesso alla Biblioteca

Avviso dalla biblioteca

Avvisiamo gli studiosi che dal 1° maggio 2022 per accedere alla Biblioteca non è più necessario esibire la certificazione verde (green pass) né indossare una mascherina, che rimane però fortemente raccomandata nei locali aperti al pubblico o in caso di assembramento.

Norme di accesso alla sede dell'Accademia

Avviso da Crusca

Avvisiamo che dal 1° maggio, a norma del D.L. 24 marzo 2022 n. 24 e dell'Ordinanza del Ministero della Salute del 28 aprile 2022, per accedere ai locali dell'Accademia, all'Archivio e alla Biblioteca non è più necessario esibire la certificazione verde (green pass) né indossare una mascherina, che rimane fortemente raccomandata nei locali aperti al pubblico o in caso di assembramento.

Accesso all'Archivio

Avviso dall'archivio

Avvisiamo gli studiosi che dal 1° aprile 2022, con l’entrata in vigore del Decreto Legge 24/22 (cosiddetto Decreto Riaperture), per accedere all'Archivio dell'Accademia non sarà più necessaria la certificazione verde (green pass), né base né rafforzata. È obbligatorio invece indossare una mascherina chirurgica.

Accesso alla Biblioteca

Avviso dalla biblioteca

Avvisiamo gli studiosi che dal 1° aprile 2022, con l’entrata in vigore del Decreto Legge 24/22 (cosiddetto Decreto Riaperture), per accedere alla Biblioteca non sarà più necessaria la certificazione verde (green pass), né base né rafforzata. È obbligatorio invece indossare una mascherina chirurgica.

Basili & LIMM: in rete la nuova banca dati dedicata agli scrittori immigrati in lingua italiana e alla letteratura italiana della migrazione mondiale

Avviso da Crusca

La banca dati è disponibile negli Scaffali digitali.

Dalla Consulenza linguistica tre risposte a settimana

Avviso da Crusca

Dall'inizio di Gennaio, nella sezione "Consulenza linguistica" del nostro sito sono pubblicate tre risposte a settimana, invece delle consuete due. Grazie all'impegno di accademici, redattori e collaboratori disponiamo di un buon numero di risposte pronte: avremo così modo di ridurre i tempi di attesa di coloro che si sono rivolti a noi.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Gli accademici contro la guerra

04 mar 2022

Le parole di Dante fresche di giornata in onda su Radio 1

27 dic 2021

Federica Mauro, autrice di Dante e le stelle, è insignita dell'onorificenza di Alfiere della Repubblica

28 nov 2021

Il presidente dell'Accademia sull'uso di booster

07 nov 2021

L'Accademica Paola Manni presenta la sua pala

28 ott 2021

Scomparso l'accademico Maurizio Vitale

22 ott 2021

EFNIL: rinnovamento del comitato esecutivo

12 ott 2021

Il Dante della Crusca in prestito alle Scuderie di Quirinale

27 set 2021

Vai alla sezione