impiattare *

Ambito d'uso: mass media, ristorazione

1976

Definizione: Disporre con cura ed eleganza una vivanda nel piatto, per poi servirla

 

Il verbo impiattare, in unione al sostantivo impiattamento e all’aggettivo impiattato, è ormai immancabile in qualsiasi programma televisivo che si occupi di cucina. È lecito quindi chiedersi da dove derivi e quale sia la ragione di tale diffusione. Si tratta di un verbo che si forma comunemente partendo dal sostantivo piatto legato alla terminazione –are della prima coniugazione verbale (la più utilizzata nelle nuove formazioni lessicali). I maggiori dizionari lo attestano solo a partire da anni recenti: impiattare entra infatti nello ZINGARELLI 2013, nel Devoto-Oli 2014 e nel Garzanti online. Il significato non è semplicemente quello neutro di ‘mettere una pietanza nel piatto’, ma assume una connotazione di tipo estetico: per essere servite, le vivande vengono adagiate nel piatto in maniera accurata, con molta attenzione alla presentazione. Siamo di fronte, infatti, ad una parola appartenente al mondo della ristorazione, nel quale assume fondamentale importanza anche l’aspetto esteriore del cibo; non a caso il Treccani 2014 ne spiega il significato delimitandone l’ambito d’uso: “Nel linguaggio della ristorazione”. In realtà, in questo ambito specifico, impiattare si caratterizza come termine non nuovo, anzi, proprio degli usi linguistici di base del settore. La sua recente, massiccia diffusione è piuttosto da attribuire all’uso frequentissimo che se ne fa nelle decine di trasmissioni culinarie che negli ultimi anni hanno popolato i palinsesti delle varie emittenti televisive; in tale contesto è infatti necessaria una maggiore immediatezza e rapidità di linguaggio, pienamente raggiungibili grazie ad un solo verbo rispetto alle forme perifrastiche come mettere o disporre nel piatto. Possiamo trovare prove di questo incremento d’uso nei dati ricavati sul web (luogo di osservazione essenziale delle novità lessicali) dal motore di ricerca Google che, fino a metà degli anni Duemila, registra pochissime attestazioni, le quali poi subiscono un aumento considerevole fino ad oggi.

 

Attestazioni:

 

Attestazioni lessicografiche:

Zingarelli 2013

Devoto-Oli 2014

Garzanti online

Treccani 2014

 

 

[a cura di Irene Pompeo e Benedetta Salvi]

Piazza delle lingue: Lingua e saperi Media

14 settembre 2015

Piazza delle lingue: Lingua e saperi Media


Agenda eventi

  Evento di Crusca

  Collaborazione di Crusca

  Evento esterno


Avvisi

Chiusura dell'Accademia

Avviso da CruscaLa sede dell'Accademia resterà chiusa il 29 marzo 2024.

Il restauro degli infissi dell'Accademia per il concorso Art Bonus 2024

Avviso da CruscaMaggiori informazioni sul concorso e su come votare sono disponibili nella sezione "Notizie".

Visita dell'ultima domenica di marzo

Avviso da Crusca

ATTENZIONE: Per concomitanza con le feste, la visita all'Accademia della Crusca dell'ultima domenica del mese di marzo si terrà domenica 24 marzo 2024 ore 11.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Giornata Internazionale della lingua madre: il contributo video del presidente dell'Accademia Paolo D'Achille

21 feb 2024

"Sao ko kelle terre... Piccola storia della lingua italiana": la Compagnia delle Seggiole in scena alla Villa medicea di Castello con uno spettacolo dedicato alla storia dell'italiano

25 gen 2024

Il restauro degli infissi dell'Accademia per il concorso Art Bonus 2024

25 gen 2024

Scomparso l'Accademico Angelo Stella

15 dic 2023

Corso di formazione per insegnanti Le parole dell’italiano: idee e pratiche efficaci per insegnare e apprendere il lessico

15 nov 2023

25 ottobre 2023: il Collegio della Crusca nomina 10 nuovi accademici

27 ott 2023

Aspettando la Piazza delle lingue: quattro incontri all'Accademia della Crusca

05 ott 2023

L'Accademia della Crusca distribuisce gratuitamente il libro della Ventitreesima Settimana della lingua italiana nel mondo

02 ott 2023

Vai alla sezione