ludopatia *

Ambito d'uso: mass media,

1997

Definizione: condizione patologica di dipendenza dal gioco, in particolare dal gioco d’azzardo

Sebbene la prima attestazione giornalistica di ludopatia risalga al 1997, la parola si afferma nel discorso pubblico nel corso del 2012, diffondendosi attraverso i media vecchi e nuovi.

Con la parola ludopatia si fa riferimento alla malattia di chi è dipendente dal gioco, in particolare dal gioco d’azzardo. Nella maggior parte delle attestazioni, non solo giornalistiche, ludopatia ricorre infatti con il significato ristretto di ‘dipendenza dal gioco d’azzardo’, senza che la parola abbia, però, lo statuto scientifico di tecnicismo. Nel lessico medico italiano, il termine che denota tecnicamente e univocamente la patologia è gioco d’azzardo patologico (o il suo acronimo G.A.P.): questo è il tecnicismo adottato e raccomandato nei manuali clinico-diagnostici di riferimento e questo è il termine più frequente nei testi specialistici (solo in via non preferenziale, in ambito specialistico, si usano anche forme sinonimiche come gioco patologico, gioco compulsivo e, più raramente, ludopatia).

Ludopatia è, invece, il termine medico-specialistico in lingua spagnola. La scelta diversa degli specialisti italiani si spiega probabilmente con il fatto che nella forma ludopatia si perde il riferimento specifico alla componente dell’azzardo: alla brevità è stata anteposta la specificità e la precisione del riferimento.

In effetti, la parola ludopatia si presta a designare comportamenti di gioco patologici anche non connessi con il gioco d’azzardo, come per esempio la dipendenza dai videogiochi o da altri tipi di gioco, non necessariamente legati a scommesse o a poste in denaro. Con questa estensione più ampia, la parola viene usata in testi che si occupano del gioco, delle sue forme e delle sue deviazioni, in una prospettiva diversa da quella clinica o epidemiologica: per esempio storica, filosofica, sociologica o anche linguistica. Con valore di iperonimo, cioè con significato esteso, la parola si trova, pur sporadicamente, anche in alcuni testi giornalistici o divulgativi.

Sul piano formale si tratta di un composto “neoclassico”, formato cioè con basi derivate da lingue classiche: ludo- (dal latinolūdu(m) , ‘relativo al gioco’)e -patia (dal greco -pátheia, usato nella lingua medica con il significato di ‘malattia, stato di sofferenza’). La fortuna mediatica di ludopatia è riconducibile, almeno in parte, al fatto che si tratti di una sola parola (contro le tre di gioco d’azzardo patologico) e che sia un composto relativamente trasparente, dal momento che i formanti sono già presenti in parole italiane dell’uso (si considerino ad esempio i composti ludoteca, ludoterapia, il più recente ludolinguistica, e si consideri anche, con lo stesso etimo, l’aggettivo ludico; composti con –patia sono angiopatia, cardiopatia e simili, ma anche omeopatia).

Attestazioni

  • "Stampa" (15/1/1997, p. 26, sez. Società e Cultura): "la dipendenza dai giochi preoccupa medici di tutto il mondo (la ludopatìa è una grave dipendenza psicologica dal gioco che, secondo appositi studi epidemiologici, colpisce mezzo milione di spagnoli, e ne minaccia altri settecentocinquantamila)"
  • "Repubblica" (21/11/2012, p. 26; sez. Commenti): "Si chiama "ludopatia", si valuta che i casi conclamati siano almeno un milione (!), associa la pulsione all' azzardo con la dipendenza da videogame (che è implacabile, e altamente dannosa, anche senza esborso di denaro)"
  • "Corriere della Sera" (9/1/2013, p. 24): "Recentemente la ludopatia, intesa come dipendenza dal gioco d'azzardo, è stata inclusa nelle malattie curabili a carico delle Asl. […] Grazie all'ampiezza dell'offerta, la ludopatia è uscita dai casinò e dalle bische e ha trovato i suoi piccoli altari sacrificali in angoli anonimi di bar e altri esercizi"

Attestazioni lessicografiche

TRECCANI

Per approfondimenti leggi anche la scheda della Consulenza linguistica

[a cura di Maria Cristina Torchia]

 

La parola è stata inserita nel Nuovo Soggettario della Biblioteca Nazionale centrale di Firenze.

Piazza delle lingue: Lingua e saperi

21 febbraio 2013

Piazza delle lingue: Lingua e saperi


Agenda eventi


Avvisi

Il Museo della lingua italiana: una svolta nella politica linguistica nazionale?: il Tema di N. Maraschio

Avviso da Crusca

La discussione è aperta nella sezione "Il Tema".

"Italiano digitale", XIII, 2020/2 (aprile-giugno)

Avviso da Crusca

Il nuovo fascicolo è interamente disponibile in rete.

Una nuova banca dati in rete: la Stazione Lessicografica

Avviso da Crusca

Un sistema di consultazione integrato di dizionari di italiano in rete, aperto a tutti. La Stazione è raggiungibile dalla sezione Scaffali digitali.
> www.stazionelessicografica.it

Biblioteca dell’Accademia della Crusca: servizi in emergenza covid-19 - AGGIORNATO AL 26 AGOSTO 2020

Avviso dalla biblioteca

Modalità di accesso alla sala consultazione e alle collezioni della Biblioteca aggiornate al 26 agosto 2020.
> Accesso alla biblioteca

Biblioteca dell'Accademia - Donazioni

Avviso dalla biblioteca

La Biblioteca accetta in dono unicamente opere attinenti ai propri ambiti disciplinari.
Le opere inviate non saranno comunque restituite al donatore.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Al Bargello due mostre dedicate a Dante, con la collaborazione dell'Accademia

24 set 2020

Una buona notizia dal sito dell’INPS: switch off diventa passaggio

20 set 2020

Il museo della lingua italiana a Firenze: un progetto che si realizza

11 ago 2020

L’italiano non è una lingua da confinare. Intervista a Claudio Marazzini

27 apr 2020

Il nuovo direttore dell'Opera del Vocabolario Italiano

20 apr 2020

Le celebrazioni del centenario della nascita di Gianfranco Folena

14 apr 2020

Il perfetto italiano del primo ministro albanese Edi Rama e l'amicizia tra le nostre due nazioni

09 apr 2020

25 marzo, ore 18: appuntamento al balcone per il primo Dantedì

24 mar 2020

Vai alla sezione