sextortion

Varianti: sextorsion

Ambito d'origine: nuovi media, rete,

Categoria grammaticale:

sost. m. o f.

Definizione

Estorsione di denaro, di favori sessuali o altro ai danni di una persona, dietro minaccia di rendere pubblici contenuti personali compromettenti di natura sessuale (messaggi di testo, foto o video).

Etimologia

Prestito integrale dall’inglese sextortion, parola macedonia formata dalla fusione di sex ‘sesso’ e (ex)tortion ‘estorsione’, sul modello di sexting ‘invio, tramite le nuove tecnologie telematiche, di materiale sessualmente esplicito’.

Prima attestazione

2012*
“Spiava le sue vittime attraverso le webcam, entrava negli hard disk, rubava foto e informazioni. E poi le ricattava. Torna a far discutere l'incredibile vicenda dell'hacker messicano Luis Mijangos, arrestato nel settembre del 2011, con l'accusa di aver spiato più di 230 persone, alcune delle quali minorenni. […] L'accusa è di estorsione e “sextortion”, la condanna sette anni di carcere”. (Marta Serafini, L’hacker che rubava le vite via webcam, Corriere.it, sez. Esteri, 15/3/2012). 

*1950 variante “sextorsion” (esempio isolato, anteriore di pochi mesi alla prima attestazione inglese citata nei dizionari)
“Una nuova forma di ricatto è stata adottata ad Hollywood e si chiama “sextorsion”. Protagonisti: Mister B. Klekner, professore universitario, e due graziose fanciulle poco più che ventenni, Helen Keller e T. Hugues. Il vecchio professore incontrò Helen in ascensore e si innamorò di lei, prese in affitto un appartamento e vi installò la fanciulla. […] Allora per obbligare il vecchio avaro a sciogliere i cordoni alla borsa, Helen di accordo con la sua amica installò nell’appartamentino dove avevano luogo i convegni intimi un apparecchio registratore, poi fece sentire i dischi al povero professore, il quale per tre anni fu così ricattato e sborsò novemila dollari”. (B. Cerdonio, Registratore d’amore, “Stampa Sera”, sez. Attualità e aneddoti, p. 3, 3/1/1950)

Periodo di affermazione:

2017/2018

Diffusione al: 12 agosto 2019

Google: 42.600 r. (4.330 r. della variante “sextorsion”)
"Corriere della Sera": 2 r. (1 del 2016, 1 del 2019); “sextorsion” 1 r. (del 2015)
corriere.it: 7 r. (1 del 2012, 2 del 2016, 3 del 2018, 1 del 2019); “sextorsion” 4 r. (1 del 2013, 1 del 2015, 2 del 2018)
"la Repubblica": 13 r. (2 del 2015, 1 del 2016, 3 del 2017, 5 del 2018, 2 del 2019); “sextorsion” 4 r. (1 del 2015, 1 del 2018, 2 del 2019)
"La Stampa": 20 r. (1 del 2014, 1 del 2015, 5 del 2016, 6 del 2017, 4 del 2018, 3 del 2019); “sextorsion” 3 r. (1 del 2016, 1 del 2017, 1 del 2019)

Note

La parola sextortion inizia a diffondersi in italiano nel secondo decennio del Duemila, in seguito al verificarsi, anche nel nostro paese, dei primi casi di estorsione sessuale in rete: il reato di estorsione a sfondo sessuale, esistente da ben prima dell’avvento del nuovo millennio, diviene tuttavia più frequente grazie alle nuove tecnologie informatiche e alla nascita dei social network, che rendono più semplice e immediato lo scambio di quei contenuti di natura sessuale sfruttati dai criminali per ricattare le vittime. Con la crescita esponenziale del fenomeno, tra il 2017 e il 2018 si moltiplicano in rete gli articoli e gli interventi di blog e periodici che affrontano l’argomento per sensibilizzare gli utenti sui pericoli del web e spiegare in che cosa consista tale tipologia di ricatto, contribuendo così a una discreta affermazione del termine nell’uso, quantomeno in quello della rete.

Il termine, attestato in forma minoritaria anche nella variante impropria sextorsion, con parziale adattamento della grafia alla pronuncia (e per influsso del corrispondente italiano estorsione), oscilla ancora nel genere (come del resto spesso avviene per i prestiti dall’inglese di recente introduzione nella nostra lingua), tra il maschile, che risulta al momento prevalente, e il femminile (dovuto, appunto, alla corrispondenza tra extortion e estorsione).

In alternativa a sextortion, si potrebbe ricorrere alle espressioni estorsione sessuale in rete o ricatto sessuale in rete, che tuttavia, pur rappresentando la perfetta traduzione della voce inglese, non sono però altrettanto sintetiche e immediate. Un più valido traducente della forma inglese potrebbe allora essere la neoformazione pornoricatto, già discretamente attestata nell’uso, che avrebbe anche il vantaggio di richiamare per analogia il composto pornovendetta (proposto dal gruppo Incipit come traducente di revenge porn), anch’esso afferente alla sfera semantica dei nuovi reati a sfondo sessuale veicolati dalla rete.

Esempi d'uso

  • Secondo Global Dating Insights, i cyber criminali puntano sempre più a violare i siti di appuntamento online per applicare tecniche di “sextortion”, ovvero estorsione basata su attività sentimentali che lasciano tracce in rete e che potrebbero mettere in imbarazzo almeno uno dei coinvolti. (Antonino Caffo, Perché il dating online è il nuovo obiettivo dei criminali informatici, “la Stampa”, sez. Tecnologia, 20/7/2015) 
  • «Dammi duecento euro o pubblico tutto online»: era questo il ricatto di un 48enne che minacciava di mettere sul web le foto hard di una professionista romana conosciuta su Facebook. L'uomo è stato denunciato dalla polizia postale per estorsione sessuale, la cosiddetta «Sextortion». (Foto hard, ricatto alla donna: «Dammi 200 euro o pubblico tutto», Corriere.it, sez. Cronaca, 2/2/2016) 
  • La Sextortion è un fenomeno criminale che ha già colpito migliaia di utenti del web. La dinamica è sempre la stessa: gli utenti si imbattono in richieste di amicizia provenienti da presunte ragazze giovani e belle. Dall'amicizia si passa alle video chat, che diventano via via sempre più intime fino a quando scatta il ricatto: se la vittima non paga la cifra richiesta, si vedrà pubblicati sui propri profili Facebook o su quelli di familiari e amici, o su dei canali Youtube, i filmati. (Estorsioni a sfondo sessuale dopo video chat: +500% denunce in 3 anni, Repubblica.it, sez. Tecnologia, 24/3/2018) 
Sara Giovine

Approfondimenti e link

28 maggio 2020


Agenda eventi


Avvisi

Il Museo della lingua italiana: una svolta nella politica linguistica nazionale?: il Tema di N. Maraschio

Avviso da Crusca

La discussione è aperta nella sezione "Il Tema".

"Italiano digitale", XIII, 2020/2 (aprile-giugno)

Avviso da Crusca

Il nuovo fascicolo è interamente disponibile in rete.

Una nuova banca dati in rete: la Stazione Lessicografica

Avviso da Crusca

Un sistema di consultazione integrato di dizionari di italiano in rete, aperto a tutti. La Stazione è raggiungibile dalla sezione Scaffali digitali.
> www.stazionelessicografica.it

Biblioteca dell’Accademia della Crusca: servizi in emergenza covid-19 - AGGIORNATO AL 26 AGOSTO 2020

Avviso dalla biblioteca

Modalità di accesso alla sala consultazione e alle collezioni della Biblioteca aggiornate al 26 agosto 2020.
> Accesso alla biblioteca

Biblioteca dell'Accademia - Donazioni

Avviso dalla biblioteca

La Biblioteca accetta in dono unicamente opere attinenti ai propri ambiti disciplinari.
Le opere inviate non saranno comunque restituite al donatore.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Al Bargello due mostre dedicate a Dante, con la collaborazione dell'Accademia

24 set 2020

Una buona notizia dal sito dell’INPS: switch off diventa passaggio

20 set 2020

Il museo della lingua italiana a Firenze: un progetto che si realizza

11 ago 2020

L’italiano non è una lingua da confinare. Intervista a Claudio Marazzini

27 apr 2020

Il nuovo direttore dell'Opera del Vocabolario Italiano

20 apr 2020

Le celebrazioni del centenario della nascita di Gianfranco Folena

14 apr 2020

Il perfetto italiano del primo ministro albanese Edi Rama e l'amicizia tra le nostre due nazioni

09 apr 2020

25 marzo, ore 18: appuntamento al balcone per il primo Dantedì

24 mar 2020

Vai alla sezione