termoscanner

Varianti: termo-scanner, termo scanner, thermoscanner

Rilancio

Categoria grammaticale:

sost. m. inv.

Definizione

Strumento per la misurazione a distanza della temperatura tramite rilevamento delle emissioni infrarosse della superficie del corpo. Evita il contatto fisico e permette di controllare in tempo reale la temperatura alle persone che transitano in aree pubbliche (aeroporti, stazioni, esercizi pubblici, musei, ecc.).

Etimologia

Composto dal formante termo- ‘calore’, ‘temperatura’ e scanner letteralmente ‘esaminatore’, ‘analizzatore’ (dall’ing. (to) scan ‘esaminare’) e, in ambito scientifico, dispositivo che esamina sistematicamente l’oggetto in osservazione impiegando onde elettromagnetiche.

Prima attestazione

1999
“[…] rappresentare la creatura facendone vedere i tratti termici: con un termoscanner si è poi riusciti a riprodurre le gradazioni di colore del corpo umano, accentuandole o diminuendole con il solo ausilio del computer”. (Claudia Mongini e Giovanni Mongini, Storia del cinema di fantascienza. Dal 1995 al 1990 (Fanucci, 1999, p. 86)

Periodo di affermazione:

aprile-maggio 2020

Presenza sui dizionari

Nessuna

Repertori

Treccani online Neologismi 2020

Diffusione al: 17 giugno 2020

Google pp. in it. (intervallo 1/01/2010 – 17/06/2020): termoscanner 111.000 r.; termo scanner + termo-scanner 10.700 r.
“Corriere della Sera”: (dal 1/01/2020 al 10/06/2020) termoscanner 82 r. (0 a gennaio, 7 a febbraio, 8 a marzo, 14 ad aprile, 40 a maggio, 13 a giugno); termo scanner 5 r.; termo-scanner 3 r.
“la Repubblica”: (dal 1/01/2020 al 17/06/2020) termoscanner 425 r. (0 a gennaio, 24 a febbraio, 53 a marzo, 70 ad aprile, 188 a maggio, 90 a giugno); termo scanner 20 r.; termo-scanner 8 r.
“La Stampa”: (dal 1/01/2020 al 3/06/2020) termoscanner 42 r. (0 a gennaio, 5 a febbraio, 5 a marzo, 11 ad aprile, 19 a maggio, 2 a giugno).

Note

Termoscanner è una parola composta dal primo formante termo (‘calore’) e da scanner (dall’ingl. to scan ‘esaminare, analizzare’) ed è il nome dello strumento usato per misurare la temperatura a distanza attraverso la rilevazione delle emissioni infrarosse. Non si tratta di una novità dal punto di vista della tecnologia impiegata: strumenti di termomisurazione sono utilizzati in campo militare fin dall’inizio del XX secolo e si sono diffusi poi in edilizia e in medicina. Il primo termometro dell’arteria temporale in cui è applicata la tecnologia a infrarossi è del 1998 (su brevetto di Francesco Pompei) e, a partire da questo strumento, tra il 2003 e il 2004, in occasione dell’epidemia di Sars, il sistema è stato sviluppato per mettere a punto sistemi in grado di effettuare, in tempi rapidissimi e senza contatto fisico, screening di massa della temperatura corporea. Proprio con questa accezione il termine ha avuto un forte rilancio negli ultimi mesi ed è entrato nel lessico comune: dalla fine di gennaio 2020 il termoscanner è diventato una delle misure di prevenzione e controllo disposti dal Ministero della salute per contrastare la pandemia da Covid-19. Agli ingressi di luoghi pubblici di grande transito (aeroporti, porti, stazioni, ecc.) sono diventate obbligatorie apparecchiature di questo tipo e, insieme all’oggetto, il termine ha cominciato a diffondersi nell’italiano della stampa e della rete, imponendosi progressivamente anche sulle altre varianti grafiche (termo scanner/ termo-scanner / thermoscanner) e su altre denominazioni sinonimiche (come termometro a infrarossi, termometro digitale, termometro a distanza, termometro laser, termorilevatore). Dalle attestazioni raccolte dagli archivi dei quotidiani online e su Google possiamo riportare come prima attestazione un comunicato dell’AGI del 23/01/2020 a seguito dell’attivazione dei termoscanner all’aeroporto di Fiumicino; nelle settimane successive il termine si diffonde notevolmente in ambito giornalistico fino a comparire anche nell’uso del Presidente Giuseppe Conte in un’intervista apparsa sul “Corriere della Sera” il 26/02/2020. I periodi di massima diffusione di termoscanner hanno coinciso con le settimane di riorganizzazione in funzione della riapertura dopo i mesi di confinamento: dalla fine di aprile per tutto il mese di maggio, con picchi di occorrenze nei quotidiani e nelle ricerche in rete (Google Trends), una nuova impennata a giugno dovuta probabilmente all’adeguamento alle misure di sicurezza anche nel settore turistico in vista della stagione estiva. Il termine termoscanner è stato inserito tra i neologismi Treccani, ma non è ancora registrato sui dizionari dell’uso che sicuramente, nelle prossime edizioni, accoglieranno alcune parole entrate nell’uso comune a causa della pandemia. Vedremo se termoscanner sarà una di queste.

Esempi d'uso

  • Dopo avere disposto il divieto dei voli diretti abbiamo immediatamente predisposto l'adozione di alcune misure per tutti i voli provenienti dall'estero. Con i termoscanner abbiamo controllato tutti i passeggeri che sono sbarcati nei nostri aeroporti, soltanto a Fiumicino circa 50.000 passeggeri al giorno. (Monica Guerzoni, Intervista a Giuseppe Conte, “Corriere della Sera”, 26/2/2020)
  • Tanti sono i nomi con cui sono conosciuti i termoscanner come, per esempio, termometri laser, termometri a distanza, termometri ad infrarossi e la tecnologia alla base non è di certo nuova anzi, da sempre è utilizzata nel mondo edilizio per la rilevazione del degrado degli edifici, nel campo militare per permettere la visione notturna e nel campo medico per la diagnosi del tumore al seno mediante angiotermografia dinamica. (Covid19 e termoscanner: rilevare la temperatura corporea a distanza?, biomedicalcue.it, 8/6/2020)
  • I termoscanner più complessi che si trovano negli aeroporti e nelle stazioni – quelli che effettivamente fotografano la temperatura di persone e oggetti attorno a loro, e costano migliaia di euro – sono più precisi perché rilevano più punti contemporaneamente, ma ovviamente non si possono usare fuori da ogni ristorante. (Perché i termoscanner sono imprecisi, ilpost.it, 30/05/2020)
Raffaella Setti

Approfondimenti e link

21 ottobre 2020


Agenda eventi


Avvisi

Bando per l'ammissione al Dottorato di ricerca "Pegaso" in "Linguistica storica, Linguistica educativa e Italianistica", XXXVII ciclo, a.a. 2021-2022

Avviso da Crusca

Il bando (progetto Pegaso) è cofinanziato dalla Regione Toscana e gode della collaborazione dell'Accademia della Crusca e dell'Università degli Studi di Siena. Scadenza della presentazione delle domande: 2 agosto 2021. Maggiori informazioni sono disponibili nella sezione "Notizie".

I risultati delle prove INVALSI 2021

Avviso da CruscaIl Tema di Rosario Coluccia è in rete. Partecipa alla discussione

Chiusura estiva dell'Archivio dell'Accademia

Avviso dall'archivio

L'Archivio dell'Accademia resterà chiuso dal primo al 31 agosto.

Premio Giovanni Nencioni per una tesi di dottorato in linguistica italiana discussa all’estero

Avviso da Crusca

La domanda di partecipazione alla X edizione del Premio Nencioni è disponibile nella sezione "Bandi".

Servizi in emergenza Covid-19 - Aggiornamenti

Avviso dalla biblioteca

Il Presidente dell’Accademia della Crusca, in ottemperanza alla vigente normativa, ed in particolare al DL n. 65 del 18 maggio 2021, impartisce le seguenti indicazioni:

la Biblioteca dell’Accademia della Crusca è aperta al pubblico con gli orari consueti e con le norme indicate nell’Avviso pubblicato il 4 dicembre 2020, tranne le seguenti novità a partire da giovedì 27 maggio 2021:

  • l’accesso alla sala di lettura avviene senza prenotazione;
  • è consentito l’accesso al ballatoio della sala dopo la sanificazione delle mani.

Chiusura estiva dell'Accademia

Avviso da Crusca

L'Accademia della Crusca resterà chiusa dal 9 al 22 agosto compresi. Gli uffici riapriranno regolarmente il lunedì 23.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Crusca e Stensen per la rassegna Come parla e com'è scritto il cinema italiano. Le varietà della lingua tra dialetti, narrativa e film

02 lug 2021

Una visita speciale all'Accademia e alla mostra “Della nostra favella questo divin poema è la miglior parte”. Dante e la Crusca

30 giu 2021

Il Purgatorio. La notte lava la mente: uno spettacolo di Mario Luzi patrocinato dall'Accademia

28 giu 2021

Una mostra virtuale su Dante e la Crusca alla Soprintendenza Archivistica e Bibliografica della Toscana

26 mar 2021

Mostra “Della nostra favella questo divin poema è la miglior parte”. Dante e la Crusca

23 mar 2021

La parola fresca di giornata. 365 giorni con Dante

01 gen 2021

"Dentro la Crusca, dentro l'italiano": le iniziative nate dalla collaborazione 2020/2021 tra l'Accademia e UniCoop Firenze

01 gen 2021

L'Accademia della Crusca e le celebrazioni del 2021, anno dantesco

02 gen 2021

Vai alla sezione