termoscanner

Varianti: termo-scanner, termo scanner, thermoscanner

Rilancio

Categoria grammaticale:

sost. m. inv.

Definizione

Strumento per la misurazione a distanza della temperatura tramite rilevamento delle emissioni infrarosse della superficie del corpo. Evita il contatto fisico e permette di controllare in tempo reale la temperatura alle persone che transitano in aree pubbliche (aeroporti, stazioni, esercizi pubblici, musei, ecc.).

Etimologia

Composto dal formante termo- ‘calore’, ‘temperatura’ e scanner letteralmente ‘esaminatore’, ‘analizzatore’ (dall’ing. (to) scan ‘esaminare’) e, in ambito scientifico, dispositivo che esamina sistematicamente l’oggetto in osservazione impiegando onde elettromagnetiche.

Prima attestazione

1999
“[…] rappresentare la creatura facendone vedere i tratti termici: con un termoscanner si è poi riusciti a riprodurre le gradazioni di colore del corpo umano, accentuandole o diminuendole con il solo ausilio del computer”. (Claudia Mongini e Giovanni Mongini, Storia del cinema di fantascienza. Dal 1995 al 1990 (Fanucci, 1999, p. 86)

Periodo di affermazione:

aprile-maggio 2020

Presenza sui dizionari

Nessuna

Repertori

Treccani online Neologismi 2020

Diffusione al: 17 giugno 2020

Google pp. in it. (intervallo 1/01/2010 – 17/06/2020): termoscanner 111.000 r.; termo scanner + termo-scanner 10.700 r.
“Corriere della Sera”: (dal 1/01/2020 al 10/06/2020) termoscanner 82 r. (0 a gennaio, 7 a febbraio, 8 a marzo, 14 ad aprile, 40 a maggio, 13 a giugno); termo scanner 5 r.; termo-scanner 3 r.
“la Repubblica”: (dal 1/01/2020 al 17/06/2020) termoscanner 425 r. (0 a gennaio, 24 a febbraio, 53 a marzo, 70 ad aprile, 188 a maggio, 90 a giugno); termo scanner 20 r.; termo-scanner 8 r.
“La Stampa”: (dal 1/01/2020 al 3/06/2020) termoscanner 42 r. (0 a gennaio, 5 a febbraio, 5 a marzo, 11 ad aprile, 19 a maggio, 2 a giugno).

Note

Termoscanner è una parola composta dal primo formante termo (‘calore’) e da scanner (dall’ingl. to scan ‘esaminare, analizzare’) ed è il nome dello strumento usato per misurare la temperatura a distanza attraverso la rilevazione delle emissioni infrarosse. Non si tratta di una novità dal punto di vista della tecnologia impiegata: strumenti di termomisurazione sono utilizzati in campo militare fin dall’inizio del XX secolo e si sono diffusi poi in edilizia e in medicina. Il primo termometro dell’arteria temporale in cui è applicata la tecnologia a infrarossi è del 1998 (su brevetto di Francesco Pompei) e, a partire da questo strumento, tra il 2003 e il 2004, in occasione dell’epidemia di Sars, il sistema è stato sviluppato per mettere a punto sistemi in grado di effettuare, in tempi rapidissimi e senza contatto fisico, screening di massa della temperatura corporea. Proprio con questa accezione il termine ha avuto un forte rilancio negli ultimi mesi ed è entrato nel lessico comune: dalla fine di gennaio 2020 il termoscanner è diventato una delle misure di prevenzione e controllo disposti dal Ministero della salute per contrastare la pandemia da Covid-19. Agli ingressi di luoghi pubblici di grande transito (aeroporti, porti, stazioni, ecc.) sono diventate obbligatorie apparecchiature di questo tipo e, insieme all’oggetto, il termine ha cominciato a diffondersi nell’italiano della stampa e della rete, imponendosi progressivamente anche sulle altre varianti grafiche (termo scanner/ termo-scanner / thermoscanner) e su altre denominazioni sinonimiche (come termometro a infrarossi, termometro digitale, termometro a distanza, termometro laser, termorilevatore). Dalle attestazioni raccolte dagli archivi dei quotidiani online e su Google possiamo riportare come prima attestazione un comunicato dell’AGI del 23/01/2020 a seguito dell’attivazione dei termoscanner all’aeroporto di Fiumicino; nelle settimane successive il termine si diffonde notevolmente in ambito giornalistico fino a comparire anche nell’uso del Presidente Giuseppe Conte in un’intervista apparsa sul “Corriere della Sera” il 26/02/2020. I periodi di massima diffusione di termoscanner hanno coinciso con le settimane di riorganizzazione in funzione della riapertura dopo i mesi di confinamento: dalla fine di aprile per tutto il mese di maggio, con picchi di occorrenze nei quotidiani e nelle ricerche in rete (Google Trends), una nuova impennata a giugno dovuta probabilmente all’adeguamento alle misure di sicurezza anche nel settore turistico in vista della stagione estiva. Il termine termoscanner è stato inserito tra i neologismi Treccani, ma non è ancora registrato sui dizionari dell’uso che sicuramente, nelle prossime edizioni, accoglieranno alcune parole entrate nell’uso comune a causa della pandemia. Vedremo se termoscanner sarà una di queste.

Esempi d'uso

  • Dopo avere disposto il divieto dei voli diretti abbiamo immediatamente predisposto l'adozione di alcune misure per tutti i voli provenienti dall'estero. Con i termoscanner abbiamo controllato tutti i passeggeri che sono sbarcati nei nostri aeroporti, soltanto a Fiumicino circa 50.000 passeggeri al giorno. (Monica Guerzoni, Intervista a Giuseppe Conte, “Corriere della Sera”, 26/2/2020)
  • Tanti sono i nomi con cui sono conosciuti i termoscanner come, per esempio, termometri laser, termometri a distanza, termometri ad infrarossi e la tecnologia alla base non è di certo nuova anzi, da sempre è utilizzata nel mondo edilizio per la rilevazione del degrado degli edifici, nel campo militare per permettere la visione notturna e nel campo medico per la diagnosi del tumore al seno mediante angiotermografia dinamica. (Covid19 e termoscanner: rilevare la temperatura corporea a distanza?, biomedicalcue.it, 8/6/2020)
  • I termoscanner più complessi che si trovano negli aeroporti e nelle stazioni – quelli che effettivamente fotografano la temperatura di persone e oggetti attorno a loro, e costano migliaia di euro – sono più precisi perché rilevano più punti contemporaneamente, ma ovviamente non si possono usare fuori da ogni ristorante. (Perché i termoscanner sono imprecisi, ilpost.it, 30/05/2020)
Raffaella Setti

Approfondimenti e link

21 ottobre 2020


Agenda eventi

  Evento di Crusca

  Collaborazione di Crusca

  Evento esterno


Avvisi

Nuovo regolamento per gli utenti della Biblioteca

Avviso dalla biblioteca

Dal 3 gennaio 2023, per gli studiosi che accedono alla Biblioteca è in vigore un nuovo regolamento.

Ordine di servizio

Avviso da Crusca

In ottemperanza alla normativa vigente, si raccomanda a tutti coloro che frequentano, a vario titolo, la Villa medicea di Castello, l’osservanza delle seguenti regole da adottare per il contenimento dei consumi energetici:
- all’interno della Villa l’esercizio degli impianti termici di climatizzazione alimentati a gas naturale è consentito per 11 ore giornaliere dall’8 novembre al 7 aprile (art. 1 comma 2 del Decreto del Ministro della Transizione ecologica del 6 ottobre 2022);
- la media ponderata delle temperature dell'aria, misurate nei singoli ambienti di ciascun locale della Villa per la climatizzazione invernale non deve essere superiore a 19 gradi centigradi, più 2 gradi centigradi di tolleranza (art. 19-quater del Decreto legge n. 17 del 1° marzo 2022);
- l’apertura delle finestre per il ricambio dell’aria deve essere limitata allo stretto necessario;
- regolare la luminosità della luce artificiale a seconda della luminosità esterna;
- spegnere le luci, il monitor del PC e il fancoil quando ci si allontana dalla propria postazione di lavoro e al termine del proprio orario di lavoro;
- non stampare mail o altri documenti, se non strettamente necessario.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Scomparsa l'accademica Bice Mortara Garavelli

26 gen 2023

Antichi maestri: un allestimento teatrale appositamente pensato per la Crusca

11 nov 2022

Scomparso lo storico della lingua Andrea Dardi

02 nov 2022

Due spettacoli teatrali alla villa medicea di Castello

26 ott 2022

Scomparso l'accademico Luciano Agostiniani

20 ott 2022

L’italiano e i giovani. Come scusa? Non ti followo: il libro edito dall'Accademia in occasione della Ventiduesima Settimana della lingua italiana nel mondo

15 ott 2022

Tre visite guidate riservate ai soci UniCoop Firenze e Amici dell'Accademia della Crusca

10 ott 2022

Sao ko kelle terre. Piccola storia della lingua italiana: al MUNDI uno spettacolo dedicato alla lingua italiana

23 set 2022

Vai alla sezione