termoscanner

Varianti: termo-scanner, termo scanner, thermoscanner

Rilancio

Categoria grammaticale:

sost. m. inv.

Definizione

Strumento per la misurazione a distanza della temperatura tramite rilevamento delle emissioni infrarosse della superficie del corpo. Evita il contatto fisico e permette di controllare in tempo reale la temperatura alle persone che transitano in aree pubbliche (aeroporti, stazioni, esercizi pubblici, musei, ecc.).

Etimologia

Composto dal formante termo- ‘calore’, ‘temperatura’ e scanner letteralmente ‘esaminatore’, ‘analizzatore’ (dall’ing. (to) scan ‘esaminare’) e, in ambito scientifico, dispositivo che esamina sistematicamente l’oggetto in osservazione impiegando onde elettromagnetiche.

Prima attestazione

1999
“[…] rappresentare la creatura facendone vedere i tratti termici: con un termoscanner si è poi riusciti a riprodurre le gradazioni di colore del corpo umano, accentuandole o diminuendole con il solo ausilio del computer”. (Claudia Mongini e Giovanni Mongini, Storia del cinema di fantascienza. Dal 1995 al 1990 (Fanucci, 1999, p. 86)

Periodo di affermazione:

aprile-maggio 2020

Presenza sui dizionari

Nessuna

Repertori

Treccani online Neologismi 2020

Diffusione al: 17 giugno 2020

Google pp. in it. (intervallo 1/01/2010 – 17/06/2020): termoscanner 111.000 r.; termo scanner + termo-scanner 10.700 r.
“Corriere della Sera”: (dal 1/01/2020 al 10/06/2020) termoscanner 82 r. (0 a gennaio, 7 a febbraio, 8 a marzo, 14 ad aprile, 40 a maggio, 13 a giugno); termo scanner 5 r.; termo-scanner 3 r.
“la Repubblica”: (dal 1/01/2020 al 17/06/2020) termoscanner 425 r. (0 a gennaio, 24 a febbraio, 53 a marzo, 70 ad aprile, 188 a maggio, 90 a giugno); termo scanner 20 r.; termo-scanner 8 r.
“La Stampa”: (dal 1/01/2020 al 3/06/2020) termoscanner 42 r. (0 a gennaio, 5 a febbraio, 5 a marzo, 11 ad aprile, 19 a maggio, 2 a giugno).

Note

Termoscanner è una parola composta dal primo formante termo (‘calore’) e da scanner (dall’ingl. to scan ‘esaminare, analizzare’) ed è il nome dello strumento usato per misurare la temperatura a distanza attraverso la rilevazione delle emissioni infrarosse. Non si tratta di una novità dal punto di vista della tecnologia impiegata: strumenti di termomisurazione sono utilizzati in campo militare fin dall’inizio del XX secolo e si sono diffusi poi in edilizia e in medicina. Il primo termometro dell’arteria temporale in cui è applicata la tecnologia a infrarossi è del 1998 (su brevetto di Francesco Pompei) e, a partire da questo strumento, tra il 2003 e il 2004, in occasione dell’epidemia di Sars, il sistema è stato sviluppato per mettere a punto sistemi in grado di effettuare, in tempi rapidissimi e senza contatto fisico, screening di massa della temperatura corporea. Proprio con questa accezione il termine ha avuto un forte rilancio negli ultimi mesi ed è entrato nel lessico comune: dalla fine di gennaio 2020 il termoscanner è diventato una delle misure di prevenzione e controllo disposti dal Ministero della salute per contrastare la pandemia da Covid-19. Agli ingressi di luoghi pubblici di grande transito (aeroporti, porti, stazioni, ecc.) sono diventate obbligatorie apparecchiature di questo tipo e, insieme all’oggetto, il termine ha cominciato a diffondersi nell’italiano della stampa e della rete, imponendosi progressivamente anche sulle altre varianti grafiche (termo scanner/ termo-scanner / thermoscanner) e su altre denominazioni sinonimiche (come termometro a infrarossi, termometro digitale, termometro a distanza, termometro laser, termorilevatore). Dalle attestazioni raccolte dagli archivi dei quotidiani online e su Google possiamo riportare come prima attestazione un comunicato dell’AGI del 23/01/2020 a seguito dell’attivazione dei termoscanner all’aeroporto di Fiumicino; nelle settimane successive il termine si diffonde notevolmente in ambito giornalistico fino a comparire anche nell’uso del Presidente Giuseppe Conte in un’intervista apparsa sul “Corriere della Sera” il 26/02/2020. I periodi di massima diffusione di termoscanner hanno coinciso con le settimane di riorganizzazione in funzione della riapertura dopo i mesi di confinamento: dalla fine di aprile per tutto il mese di maggio, con picchi di occorrenze nei quotidiani e nelle ricerche in rete (Google Trends), una nuova impennata a giugno dovuta probabilmente all’adeguamento alle misure di sicurezza anche nel settore turistico in vista della stagione estiva. Il termine termoscanner è stato inserito tra i neologismi Treccani, ma non è ancora registrato sui dizionari dell’uso che sicuramente, nelle prossime edizioni, accoglieranno alcune parole entrate nell’uso comune a causa della pandemia. Vedremo se termoscanner sarà una di queste.

Esempi d'uso

  • Dopo avere disposto il divieto dei voli diretti abbiamo immediatamente predisposto l'adozione di alcune misure per tutti i voli provenienti dall'estero. Con i termoscanner abbiamo controllato tutti i passeggeri che sono sbarcati nei nostri aeroporti, soltanto a Fiumicino circa 50.000 passeggeri al giorno. (Monica Guerzoni, Intervista a Giuseppe Conte, “Corriere della Sera”, 26/2/2020)
  • Tanti sono i nomi con cui sono conosciuti i termoscanner come, per esempio, termometri laser, termometri a distanza, termometri ad infrarossi e la tecnologia alla base non è di certo nuova anzi, da sempre è utilizzata nel mondo edilizio per la rilevazione del degrado degli edifici, nel campo militare per permettere la visione notturna e nel campo medico per la diagnosi del tumore al seno mediante angiotermografia dinamica. (Covid19 e termoscanner: rilevare la temperatura corporea a distanza?, biomedicalcue.it, 8/6/2020)
  • I termoscanner più complessi che si trovano negli aeroporti e nelle stazioni – quelli che effettivamente fotografano la temperatura di persone e oggetti attorno a loro, e costano migliaia di euro – sono più precisi perché rilevano più punti contemporaneamente, ma ovviamente non si possono usare fuori da ogni ristorante. (Perché i termoscanner sono imprecisi, ilpost.it, 30/05/2020)
Raffaella Setti

Approfondimenti e link

21 ottobre 2020


Agenda eventi

  Evento di Crusca

  Collaborazione di Crusca

  Evento esterno


Avvisi

Chiusura straordinaria dell'Accademia

Avviso da Crusca

Avvisiamo gli studiosi che l'Accademia resterà chiusa venerdì 3 giugno.

Accesso all'Archivio

Avviso dall'archivio

Avvisiamo gli studiosi che dal 1° maggio 2022 per accedere all'Archivio non è più necessario esibire la certificazione verde (green pass) né indossare una mascherina, che rimane però fortemente raccomandata nei locali aperti al pubblico o in caso di assembramento.

Accesso alla Biblioteca

Avviso dalla biblioteca

Avvisiamo gli studiosi che dal 1° maggio 2022 per accedere alla Biblioteca non è più necessario esibire la certificazione verde (green pass) né indossare una mascherina, che rimane però fortemente raccomandata nei locali aperti al pubblico o in caso di assembramento.

Norme di accesso alla sede dell'Accademia

Avviso da Crusca

Avvisiamo che dal 1° maggio, a norma del D.L. 24 marzo 2022 n. 24 e dell'Ordinanza del Ministero della Salute del 28 aprile 2022, per accedere ai locali dell'Accademia, all'Archivio e alla Biblioteca non è più necessario esibire la certificazione verde (green pass) né indossare una mascherina, che rimane fortemente raccomandata nei locali aperti al pubblico o in caso di assembramento.

Accesso all'Archivio

Avviso dall'archivio

Avvisiamo gli studiosi che dal 1° aprile 2022, con l’entrata in vigore del Decreto Legge 24/22 (cosiddetto Decreto Riaperture), per accedere all'Archivio dell'Accademia non sarà più necessaria la certificazione verde (green pass), né base né rafforzata. È obbligatorio invece indossare una mascherina chirurgica.

Accesso alla Biblioteca

Avviso dalla biblioteca

Avvisiamo gli studiosi che dal 1° aprile 2022, con l’entrata in vigore del Decreto Legge 24/22 (cosiddetto Decreto Riaperture), per accedere alla Biblioteca non sarà più necessaria la certificazione verde (green pass), né base né rafforzata. È obbligatorio invece indossare una mascherina chirurgica.

Basili & LIMM: in rete la nuova banca dati dedicata agli scrittori immigrati in lingua italiana e alla letteratura italiana della migrazione mondiale

Avviso da Crusca

La banca dati è disponibile negli Scaffali digitali.

Dalla Consulenza linguistica tre risposte a settimana

Avviso da Crusca

Dall'inizio di Gennaio, nella sezione "Consulenza linguistica" del nostro sito sono pubblicate tre risposte a settimana, invece delle consuete due. Grazie all'impegno di accademici, redattori e collaboratori disponiamo di un buon numero di risposte pronte: avremo così modo di ridurre i tempi di attesa di coloro che si sono rivolti a noi.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Gli accademici contro la guerra

04 mar 2022

Le parole di Dante fresche di giornata in onda su Radio 1

27 dic 2021

Federica Mauro, autrice di Dante e le stelle, è insignita dell'onorificenza di Alfiere della Repubblica

28 nov 2021

Il presidente dell'Accademia sull'uso di booster

07 nov 2021

L'Accademica Paola Manni presenta la sua pala

28 ott 2021

Scomparso l'accademico Maurizio Vitale

22 ott 2021

EFNIL: rinnovamento del comitato esecutivo

12 ott 2021

Il Dante della Crusca in prestito alle Scuderie di Quirinale

27 set 2021

Vai alla sezione