A proposito del verbo pienare

Sono giunte alla nostra redazione domande sul verbo pienare: alcune riguardano la forma tradizionale di area toscana, altre vertono invece su un uso più recente nel senso di 'fare il pieno di benzina'.

Risposta

La forma verbale pienare per ‘riempire’, ‘colmare’ è oggi sentita indubbiamente scorretta e come tale è esclusa dai vocabolari della nostra lingua o, se accolta, è decisamente qualificata come toscanismo (De Mauro, GRADIT). Uno sguardo ai dizionari storici dimostra tuttavia che, in epoca antica, essa era ammissibile, non solo nel significato proprio, ma anche in una serie di significati secondari di tipo traslato. Il primo esempio noto si può far risalire addirittura a Dante il quale, nella prosa raziocinante del Convivio, in un passaggio di forte rilievo concettuale, scrive: «Con ciò sia cosa che molti più siano quelli che desiderano intendere quelle [canzoni] non litterati che litterati, seguitasi che [il latino] non avrebbe pieno lo suo comandamento come ’l volgare, che da li litterati e non litterati è inteso» (I vii 12), dove l’espressione avrebbe pieno presuppone un pienare nel senso figurato di ‘portare a compimento’, ‘adempiere’. Ben più concreta e aderente al significato primitivo l’attestazione offerta da Boccaccio, nel Decameron, nell’esilarante rappresentazione di Calandrino impegnato nella raccolta delle pietre del Mugnone: «Ma Calandrino non fu guari di via andato, che egli il seno se n’ebbe pieno…» (VIII 3 40). Lo stesso Boccaccio torna ad usare il verbo nel Ninfale fiesolano, con riferimento ai lamenti che riempiono i boschi: «E quanto la fortuna, a’ miei disiri / contraria è stata, posson esser suti / ver testimoni i boschi tutti quanti / di questa valle, sì gli ho pien di pianti!». E perfino nel raffinatissimo Petrarca si legge: «ed era il cielo a l’armonia sì intento / che non se vedea in ramo mover foglia, / tanta dolcezza avea pien l’aere e ‘l vento» (Canzoniere, 156 14). Più tardi, altri autori continuano la tradizione, da Ariosto (Orlando furioso, 14, 133: «Tornò la fiamma sparsa tutta in una / che tra una ripa e l’altra ha ‘l tutto pieno») fino a Carducci («Il Giordani! Oh il Giordani! Quanto m’ha pieno di sé!»; «… quando la fama dei “Promessi Sposi” ebbe piena tutta la penisola»).

Non si può dire che pienare presenti aspetti anomali dal punto di vista strutturale, rientrando nella categoria assai comune nell’italiano dei verbi ricavati da aggettivi, come ad esempio calmare da calmo, gonfiare da gonfio e – afferenti alla medesima area semantica – colmare da colmo, vuotare da vuoto. Quello che tuttavia è d’obbligo notare – e gli esempi riportati sopra ne danno ampia prova – è il ricorrere, costante presso gli autori più antichi, di forme della coniugazione che implicano l’uso dell’ausiliare + il participio passato. Quest’ultimo peraltro è rappresentato non dalla forma pienato, ma da pieno, ovvero dal cosiddetto participio raccorciato o a suffisso zero (o aggettivo verbale che dir si voglia) diffuso nell’italiano antico per i verbi della prima coniugazione (si pensi ad esempio a cerco invece di cercato, tocco invece di toccato, ecc.). Naturalmente a favorire l’uso del participio raccorciato pieno contribuisce anche la vitalità della medesima forma nella sua comune funzione di aggettivo.

È assai probabile che una documentazione così parziale del paradigma, cristallizzatasi di fatto nel modulo avere pieno, dove pieno pur dotato di valore participiale coincide con l’aggettivo, abbia scoraggiato la registrazione del lemma pienare nella prima edizione del Vocabolario degli Accademici della Crusca (1612), che come si sa è sostanzialmente fondata sul canone degli autori trecenteschi. Né l’assenza è stata colmata nelle successive quattro edizioni. L’esclusione dal Vocabolario della Crusca, la più attiva e autorevole officina lessicografica italiana, ha quindi avuto un ruolo decisivo nel decretare il marchio di scorrettezza che ha pesato e pesa su pienare, verbo che comunque è sopravvissuto nell’uso popolare toscano, come fin dall’Ottocento rilevava Pietro Fanfani (Vocabolario dell’uso toscano, 1863), non senza affiorare episodicamente in ambito letterario moderno: lo ritroviamo, ad esempio, nella prosa anticonvenzionale di Giovanni Papini («Io mi tuffavo e perdevo in quel mare di sapienza che nel punto stesso di pienarmi mi dava nuovo appetito e nuova arsione» Un uomo finito; «La sera si pienò la casa dove stavo in quei primi tempi» La seconda nascita) e nella poesia di Carlo Betocchi («e il cuore e il giorno, pienan quelle stanze / che tu abbandoni» Alla moglie).

Quanto alla voce pienare nel senso di ‘fare il pieno di benzina’, non mi risulta che essa sia registrata nei vocabolari. Si tratta comunque di una comprensibile estensione dell’uso primitivo di pienare ‘colmare’ che abbiamo fin qui visto, ovviamente connessa all’affermarsi di pieno come sostantivo nell’espressione fare il pieno ‘riempire il serbatoio di benzina’ affermatasi già nella prima metà del Novecento e registrata da Bruno Migliorini nell’Appendice al Dizionario moderno del Panzini edita nel 1942.

 

Paola Manni

 

Piazza delle lingue: La variazione linguistica

7 settembre 2015


Agenda eventi

  Evento di Crusca

  Collaborazione di Crusca

  Evento esterno


Avvisi

Nuovo regolamento per gli utenti della Biblioteca

Avviso dalla biblioteca

Dal 3 gennaio 2023, per gli studiosi che accedono alla Biblioteca è in vigore un nuovo regolamento.

Ordine di servizio

Avviso da Crusca

In ottemperanza alla normativa vigente, si raccomanda a tutti coloro che frequentano, a vario titolo, la Villa medicea di Castello, l’osservanza delle seguenti regole da adottare per il contenimento dei consumi energetici:
- all’interno della Villa l’esercizio degli impianti termici di climatizzazione alimentati a gas naturale è consentito per 11 ore giornaliere dall’8 novembre al 7 aprile (art. 1 comma 2 del Decreto del Ministro della Transizione ecologica del 6 ottobre 2022);
- la media ponderata delle temperature dell'aria, misurate nei singoli ambienti di ciascun locale della Villa per la climatizzazione invernale non deve essere superiore a 19 gradi centigradi, più 2 gradi centigradi di tolleranza (art. 19-quater del Decreto legge n. 17 del 1° marzo 2022);
- l’apertura delle finestre per il ricambio dell’aria deve essere limitata allo stretto necessario;
- regolare la luminosità della luce artificiale a seconda della luminosità esterna;
- spegnere le luci, il monitor del PC e il fancoil quando ci si allontana dalla propria postazione di lavoro e al termine del proprio orario di lavoro;
- non stampare mail o altri documenti, se non strettamente necessario.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Scomparsa l'accademica Bice Mortara Garavelli

26 gen 2023

Antichi maestri: un allestimento teatrale appositamente pensato per la Crusca

11 nov 2022

Scomparso lo storico della lingua Andrea Dardi

02 nov 2022

Due spettacoli teatrali alla villa medicea di Castello

26 ott 2022

Scomparso l'accademico Luciano Agostiniani

20 ott 2022

L’italiano e i giovani. Come scusa? Non ti followo: il libro edito dall'Accademia in occasione della Ventiduesima Settimana della lingua italiana nel mondo

15 ott 2022

Tre visite guidate riservate ai soci UniCoop Firenze e Amici dell'Accademia della Crusca

10 ott 2022

Sao ko kelle terre. Piccola storia della lingua italiana: al MUNDI uno spettacolo dedicato alla lingua italiana

23 set 2022

Vai alla sezione