Alla bisogna, abbiamo una risposta

Molti lettori ci chiedono se sia “corretto” usare la locuzione alla bisogna con il valore di ‘in caso di necessità, all’occorrenza’ o se non sia piuttosto da ritenersi, come scrive uno di loro, “un’espressione datata, obsoleta”, nonché incongrua visto che bisogno è maschile. Due domande riguardano la grafia: si scriva alla bisogna o all’abbisogna?

Risposta

Per prima cosa: alla bisogna è una locuzione avverbiale, cioè un insieme di parole con funzione unitaria di avverbio; il suo significato è parafrasabile con “eventualmente, se occorre, all’occorrenza, in caso di necessità”. Condivide questi significati col suo sinonimo che presenta il sostantivo al maschile, al bisogno, di cui è più rara e manierata, anche se neanche al bisogno è molto frequente, ancorché circolante pure nel linguaggio bancario.

E veniamo alle domande dei lettori, cominciando da quelle relative all’ortografia. Poiché le parole del sintagma sono il sostantivo femminile bisogna e la preposizione articolata alla, la grafia corretta è alla bisogna. Qualche pronuncia regionale e l’esistenza del verbo abbisognare possono aver favorito l’equivoco di quei lettori che si chiedevano se fosse da scrivere all’abbisogna invece che alla bisogna. Quanto alla parola, bisogna è, come il suo sinonimo bisogno, una voce di origine francese (cfr. il recente Roberta Cella, Francesismi, Milano, RCS MediaGroup, 2020): alle spalle di bisogno c’è besoing o besoign e a quelle di bisogna besoigne (oggi besogne), entrambi dal fràncone bisunnia (entrato nel latino medievale come bisonium), in cui si può ancora intravedere il francese soin ‘cura, preoccupazione’. Non è il solo caso di due parole che, dallo stesso etimo o da due molto prossimi, sviluppano uguali significati l’una al maschile e l’altra al femminile (es.: tavolo-tavola, orecchio-orecchia, cioccolato-cioccolata). Il sostantivo femminile bisogna è antico in italiano (anche nella forma con mancata chiusura della vocale protonica della sillaba iniziale: besogna) quanto il gemello maschile bisogno e lo usano, tra gli altri, Dante (Purgatorio XXXIII, 29: “Madonna, mia bisogna voi conoscete”) e (ripetutamente) Boccaccio. Oggi la forma femminile è rara, ma lo era, rispetto a quella maschile, già anticamente, se è vero che un commentatore trecentesco di Dante, Francesco Buti, chiosa la citata “mia bisogna” del Poeta, con “li miei bisogni”.

Il sostantivo femminile, che, secondo il Tommaseo, era giudicato antiquato già a fine Seicento, è classificato oggi dai dizionari come raro e letterario ed è di gran lunga scavalcato nell’uso dal suo gemello maschile. Anticamente la parola era usata anche al plurale, specie nel significato di ‘faccende, affari, attività’, con attenuazione del tratto della necessità, come ben spiega il Tommaseo (nel Tommaseo-Bellini alla voce) distinguendola da bisogno: “Bisogna è più affine a Faccenda che a Bisogno, appunto come il fr. distingue Besoin da Besogne; ma l’idea originaria è la ragione del modo, cioè di faccenda che debbasi fare, siccome porta anco il significato del gerundio Res facienda”. Il valore deontico però è rimasto evidente negli usi più frequenti del sintagma alla bisogna, complemento col senso, anche esortativo, di ‘al lavoro, all’opera da farsi’ (D’Annunzio: “m’hai visto alla bisogna”, “leste, alla bisogna”) e con quello di ‘a fare, a compiere il necessario’ (Decamerone II, 9: “[Sicurano] pensando che alla bisogna non era da dare indugio… dal soldano impetrò che…”, cioè, ‘pensando che a fare ciò che occorreva non bisognava indugiare, dal Sultano ottenne con le sue preghiere che…’), da cui si sono sviluppati il significato attuale e la funzione avverbiale odierna (‘all’occorrenza’). Forse, questo valore e funzione si potrebbero già intravedere in un esempio trecentesco dalla Fiorita di Armanino registrato dal TLIO (“se difetto dal mio lato c’è stato, alla bisogna con questa mia spada lo scuserò”, ‘se ho commesso un errore, se sarà necessario lo emenderò con la spada’) e in uno dai Reggimenti e costumi di donna di Francesco da Barberino citato dal GDLI: “No gli dar latte di capra, se puoi, / e meno assai di cuccia...; / ver è che pure, alla bisogna, / quel della pecora più ti concedo”, se non ci fosse il dubbio, specie nel secondo caso, che la punteggiatura (le virgole dell’inciso) dell’editore ottocentesco abbia eccessivamente attualizzato il valore del sintagma. Sono casi comunque che mostrano lo scivolamento del complemento verso l’avverbio sganciato dalla frase (da qui l’isolamento odierno della locuzione con virgole, nello scritto). Funzione e valore di complemento sono tuttavia rimasti, pur rari, sino ad oggi (o ieri), col senso già visto di ‘a fare, a compiere il necessario’, specie in associazione col verbo provvedere (provvedere alla bisogna, è ancora attestato da un paio di romanzi del Premio Strega tra gli anni Ottanta e Novanta, citati dal PTLLIN).

Oggi, come detto, la funzione della locuzione alla bisogna è quella di avverbio di frase, che comunica cioè una valutazione, la cautela del parlante su quanto egli stesso sta dicendo ed è perciò svincolato dalla frase in cui è inserito e ha il senso, qui dichiarato all’inizio, di ‘in caso di necessità’, ‘all’occorrenza’, ‘eventualmente’. Questo formato complesso e questo significato sono gli unici in cui ancora sopravvive il sostantivo femminile bisogna, che è ovviamente legittimo, anche se la parola (e, di conseguenza, la locuzione) è così rara da sembrare manierata ed è quindi da usare con parsimonia.

Vittorio Coletti

13 ottobre 2020


Agenda eventi

  Evento di Crusca

  Collaborazione di Crusca

  Evento esterno


Avvisi

Nuovo regolamento per gli utenti della Biblioteca

Avviso dalla biblioteca

Dal 3 gennaio 2023, per gli studiosi che accedono alla Biblioteca è in vigore un nuovo regolamento.

Ordine di servizio

Avviso da Crusca

In ottemperanza alla normativa vigente, si raccomanda a tutti coloro che frequentano, a vario titolo, la Villa medicea di Castello, l’osservanza delle seguenti regole da adottare per il contenimento dei consumi energetici:
- all’interno della Villa l’esercizio degli impianti termici di climatizzazione alimentati a gas naturale è consentito per 11 ore giornaliere dall’8 novembre al 7 aprile (art. 1 comma 2 del Decreto del Ministro della Transizione ecologica del 6 ottobre 2022);
- la media ponderata delle temperature dell'aria, misurate nei singoli ambienti di ciascun locale della Villa per la climatizzazione invernale non deve essere superiore a 19 gradi centigradi, più 2 gradi centigradi di tolleranza (art. 19-quater del Decreto legge n. 17 del 1° marzo 2022);
- l’apertura delle finestre per il ricambio dell’aria deve essere limitata allo stretto necessario;
- regolare la luminosità della luce artificiale a seconda della luminosità esterna;
- spegnere le luci, il monitor del PC e il fancoil quando ci si allontana dalla propria postazione di lavoro e al termine del proprio orario di lavoro;
- non stampare mail o altri documenti, se non strettamente necessario.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Scomparsa l'accademica Bice Mortara Garavelli

26 gen 2023

Antichi maestri: un allestimento teatrale appositamente pensato per la Crusca

11 nov 2022

Scomparso lo storico della lingua Andrea Dardi

02 nov 2022

Due spettacoli teatrali alla villa medicea di Castello

26 ott 2022

Scomparso l'accademico Luciano Agostiniani

20 ott 2022

L’italiano e i giovani. Come scusa? Non ti followo: il libro edito dall'Accademia in occasione della Ventiduesima Settimana della lingua italiana nel mondo

15 ott 2022

Tre visite guidate riservate ai soci UniCoop Firenze e Amici dell'Accademia della Crusca

10 ott 2022

Sao ko kelle terre. Piccola storia della lingua italiana: al MUNDI uno spettacolo dedicato alla lingua italiana

23 set 2022

Vai alla sezione