Come indicare gli abitanti del Ghana?

Vari lettori ci chiedono quale sia la forma più corretta per indicare chi è nato o vive nel Ghana tra ghanese, ghanense e ghaneano.

Risposta

Come abbiamo segnalato in precedenti risposte ad analoghe domande (quella sul nome degli abitanti del Camerun, del Bangladesh, della Malaysia, del Gambia), è abbastanza raro trovare in italiano denominazioni univoche per gli abitanti di Stati africani e asiatici costituitisi come tali nel periodo post-coloniale, e quindi in epoca relativamente recente. Così, il frequente reperimento, sui giornali o in rete, di una denominazione che non ci pare di aver mai letto o sentito invece di quella che ci aspetteremmo sulla base di precedenti esperienze ci porta a percepirla come erronea o ci fa sorgere il dubbio su quale sia la forma corretta, specie se abbiamo necessità di adoperarla con riferimento  a immigrati di quei paesi che vivono in Italia.

In realtà, la coesistenza di più forme deve considerarsi normale e in questo caso addirittura fisiologica, in considerazione sia della ricchezza dei suffissi italiani tuttora produttivi per formare etnici (oscillazioni si hanno anche per indicare abitanti di città o regioni del nostro Paese: si pensi a parmigiano e parmense), sia del fatto che la necessità di nominare gli abitanti di paesi lontani si avverte solo saltuariamente, in occasione di fatti di cronaca internazionale per lo più drammatici (conflitti, epidemie, colpi di stato, ecc.), o al massimo periodicamente, col ricorrere di determinate manifestazioni sportive (Olimpiadi, Mondiali di calcio, ecc., in cui gareggiano squadre o atleti provenienti da tutto il mondo) e ciò compromette o rallenta la stabilizzazione di un’unica forma.

Ad accrescere la varietà contribuisce il fatto che spesso gli etnici compaiono in testi tradotti in italiano da altre lingue, e quindi ricalcano i termini corrispondenti usati in inglese, in francese o, soprattutto nel caso dell’America Latina, in spagnolo o in portoghese.

Nel caso del Ghana (il nome, che fa riferimento all’antico impero del Ghana, è stato assunto ufficialmente dallo Stato africano dopo l’indipendenza dalla Gran Bretagna, nel 1957, e si è ormai stabilizzato in italiano come maschile in questa forma, con Gh- davanti ad a), il GRADIT 2007 registra due diversi etnici, ghanaese (con la variante ganaese) e ghaneano, entrambi datati 1987, formati con i due suffissi più produttivi per derivazioni del genere, -ese (che viene in questo caso aggiunto all’intero nome dello Stato) e -ano (che si lega invece alla radice ghan- grazie alla vocale -e-, dovuta – aggiungo io – certamente all’influsso del francese ghanéen e probabilmente funzionale a evitare la sequenza -anan). Il Sabatini-Coletti 2008, oltre a ghaneano (datato anche qui 1987 e considerato formato col suffisso -eano variante di -iano), registra anche ganaense (datato 1965) e così fanno il Garzanti 2017 e il Devoto-Oli 2021 (che di ghaneano, registrato anche come ganeano, offre anche la variante ghaniano), mentre lo Zingarelli 2021 registra solo ghanese (con -ese aggiunto stavolta a ghan-), datato anch’esso al 1987, e così il Vocabolario Treccani online (che segnala anche, come varianti, ghanaese, ganaese, ghanaense, ganaense).

Il Deonomasticon Italicum di Wolfgang Schweickard (DI), che costituisce il repertorio più ampio dei derivati da nomi di luogo, s.v. Ghàna (vol. II, 2006, p. 271), oltre a quasi tutte le forme citate – tra le quali segnaliamo di nuovo, perché corredate di datazione o retrodatate, ghanaense (1960) e ghanese (1980) –, ne segnala altre (al singolare e/o al plurale, come nomi e/o come aggettivi), che hanno avuto isolate attestazioni, e cioè, in ordine di apparizione: ganeesi (1962), ghanaiana (1966, al femminile; la forma mi pare evidentemente calcata sull’inglese Ghanaian), ganense (1995), ganeano e ganiano (1995).

Da parte mia, posso solo segnalare alcune retrodatazioni effettuate grazie a Google Libri (ricerca del 9 febbraio 2021): ghanese (documentato anche in inglese) risale al 1959 (“un giovanissimo giornalista ghanese”, in Chiara Robertazzi, Nota bibliografica sullo Stato di Ghana, “Studi storici”, I, 1959, pp. 208-217: 214), ghaneano (diffuso anche in spagnolo) al 1964 (“un proverbio ghaneano”, in Anastasio Tricarico, La scuola in Africa, [Verona], Nigrizia, 1964, p. 41), ghaniano al 1963 (“il ghaniano Norz BRAKO”, in “Ulisse”, VIII, 1963 , p. 65), ghanaese al 1972 (“aziende interessate al mercato ghanaese”, in “Notiziario della Confederazione generale dell’industria italiana”, XXIX, 1972, p. 167), ghanense al 1964 (“aliene dalle attuali intenzioni del presidente ghanense”, in “Giornale degli economisti e annali di economia”, 1964, p. 526).

Il DI indica come sole forme vitali (tale indicazione si ricava dal fatto che le date sono in questo caso precedute da “dal”) ghanaese e ghaneano (quelle registrate nel GRADIT, rispetto al quale il suffisso qui indicato per formare ghaneano è -iano e non -ano), ma, come dimostrano le segnalazioni dei nostri lettori e le registrazioni negli altri dizionari, anche ghanese e ganaense sono da considerare senz’altro corrette e possono quindi essere usate senza timore di sbagliare.

Paolo D'Achille

29 ottobre 2021


Agenda eventi

  Evento di Crusca

  Collaborazione di Crusca

  Evento esterno


Avvisi

Nuovo regolamento per gli utenti della Biblioteca

Avviso dalla biblioteca

Dal 3 gennaio 2023, per gli studiosi che accedono alla Biblioteca è in vigore un nuovo regolamento.

Ordine di servizio

Avviso da Crusca

In ottemperanza alla normativa vigente, si raccomanda a tutti coloro che frequentano, a vario titolo, la Villa medicea di Castello, l’osservanza delle seguenti regole da adottare per il contenimento dei consumi energetici:
- all’interno della Villa l’esercizio degli impianti termici di climatizzazione alimentati a gas naturale è consentito per 11 ore giornaliere dall’8 novembre al 7 aprile (art. 1 comma 2 del Decreto del Ministro della Transizione ecologica del 6 ottobre 2022);
- la media ponderata delle temperature dell'aria, misurate nei singoli ambienti di ciascun locale della Villa per la climatizzazione invernale non deve essere superiore a 19 gradi centigradi, più 2 gradi centigradi di tolleranza (art. 19-quater del Decreto legge n. 17 del 1° marzo 2022);
- l’apertura delle finestre per il ricambio dell’aria deve essere limitata allo stretto necessario;
- regolare la luminosità della luce artificiale a seconda della luminosità esterna;
- spegnere le luci, il monitor del PC e il fancoil quando ci si allontana dalla propria postazione di lavoro e al termine del proprio orario di lavoro;
- non stampare mail o altri documenti, se non strettamente necessario.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Scomparsa l'accademica Bice Mortara Garavelli

26 gen 2023

Antichi maestri: un allestimento teatrale appositamente pensato per la Crusca

11 nov 2022

Scomparso lo storico della lingua Andrea Dardi

02 nov 2022

Due spettacoli teatrali alla villa medicea di Castello

26 ott 2022

Scomparso l'accademico Luciano Agostiniani

20 ott 2022

L’italiano e i giovani. Come scusa? Non ti followo: il libro edito dall'Accademia in occasione della Ventiduesima Settimana della lingua italiana nel mondo

15 ott 2022

Tre visite guidate riservate ai soci UniCoop Firenze e Amici dell'Accademia della Crusca

10 ott 2022

Sao ko kelle terre. Piccola storia della lingua italiana: al MUNDI uno spettacolo dedicato alla lingua italiana

23 set 2022

Vai alla sezione