Di talché

Silvana Sarlo di Reggio Calabria chiede: è corretta l'espressione di talché, usata spesso nelle sentenze, ma più specificatamente a chiusura di un verbale, come nel caso di "di talché il presente verbale..."?

Risposta

Di talché

A parlare difficile, di talché si dovrebbe dire un connettivo, ma io son rimasto alle mie vecchie scuole elementari, e per me resta congiunzione. Che non pare – nonostante l’aspetto antiquato e anticheggiante – appartenere a un passato molto remoto. Non c’è nel volgare dei primi secoli, mentre ricorre con valore consecutivo il “semplice” tal che, anche nel Dante della Commedia: “Io era tra color che son sospesi, / e donna mi chiamò beata e bella, / tal che di comandare io la richiesi” (Inf. II, 54).

Significherà qualcosa che in una recente pubblicazione che raccoglie alcuni scritti di uno dei più grandi penalisti del XIX secolo, Francesco Carrara, di talché manchi nelle pagine del professore e avvocato ottocentesco, mentre faccia capolino nell’introduzione del curatore, scritta ai giorni nostri? Ecco il passo: “Felice figura di docente/avvocato in cui le due componenti – per così dire – si integrano e si arricchiscono reciprocamente di talché il secondo verifica le riflessioni del primo dandovi concreta operatività, così come il primo attinge dall’esperienza del secondo sollecitazioni altrimenti inimmaginabili” (Luigi Stortoni, Introduzione, in Francesco Carrara, Reminescenze di cattedra e foro, Bologna, Il Mulino, 2008, p. 12).

Del resto, la nostra congiunzione composita neppure appare nelle banche dati storiche della lingua giuridica, come l’Archivio unificato Vocanet-LLI dell’Istituto di teoria e tecniche dell’informazione giuridica. Non che sia molto più fortunato chi vi cerchi solo talché: troverà appena sette occorrenze, sparse tra due sole fonti legislative, il Codice di leggi e costituzioni per gli Stati Estensi del 1771 e la Costituzione del Regno di Sicilia del 1812; nulla invece in opere dottrinali, o in leggi più recenti. E anche la lessicografia storica offre pochi appigli. Anzi, nessuno: di talché non è elevato all’onore di lemma, e nei vari dizionari sotto la voce talché non compaiono esempi in cui la congiunzione (ops!... il connettivo) sia preceduta dal di. Nonostante ciò, spigolando qua e là tra vecchie pagine di secoli più o meno lontani, qualche di talché s’incontra, anche fuori dall’ambito giuridico: “La qualità assunta dai contendenti, fissa la personalità giuridica dell’attore e del reo, di talché mutandosi qualità, si muta altresì la persona” (Giurisprudenza civile della Corte di Cassazione di Napoli, a cura di Luigi Capuano e Vincenzo Napolitani, Napoli, Stabilimento tipografico degli scienziati, letterati ed artisti, vol. III, 1864, p. 173); quasi un secolo prima: “Essendo dunque di pari costruzione le Terme napolitane, esse occupavano quel luogo, che additammo nella Topografia co’ Numeri 193, e 197; fra del Circo, e del Ginnasio; di talché infino a di’ nostri vi è rimasta la denominazione sul sito di Cortebagno“ (Niccolò Carletti, Topografia universale della città di Napoli, Napoli, nella Stamperia raimondiana, 1776, p. 155). Ma la frequenza è sempre tale da far ritenere più che giustificata la scelta degli autori di vocabolari di non dare troppo peso all’espressione. Anche perché non c’è da sbagliarsi: i significati e la funzione son sempre gli stessi di talché scempio, e il lettore non corre il rischio di essere tratto in inganno da quella preposizione premessa a riempimento della congiunzione.

Eppure, l’odierna lingua del diritto non l’ignora, e non solo quella della pratica. “Usato di solito nel linguaggio forense” marca il Sabatini Coletti 2006 (Dizionario della lingua italiana, Milano, Rizzoli Larousse, 2005, s.v. talché). Di talché si può leggere assai di frequente in sentenze, sia con valore consecutivo, sia con valore dichiarativo. Per rendersene conto basta sfogliare un repertorio elettronico, e già saranno utili le prime massime in cui ci si imbatte: “In tema di interesse e legittimazione all’impugnativa di titoli edilizi presupposto fondamentale è la vicinitas che presuppone in estrema sintesi un nesso tra l’intervento edilizio o urbanistico e la sfera giuridica del soggetto che tale iniziativa censura in via giurisdizionale di talché l’intervento sia in grado di incidere in maniera oggettivamente apprezzabile sulla sfera del ricorrente” (Tar Liguria, sez. I, 26 novembre 2012, n. 1507); “la Corte ha respinto la tesi dei ricorrenti secondo cui la sentenza impugnata aveva errato nel richiamare l’art. 2227 c.c., sostenendo invece che nel caso in esame, si sarebbe dovuto applicare l’art. 2237 c.c., che disciplina il recesso del cliente del contratto di prestazione intellettuale, di talché secondo i criteri ivi previsti, la Corte territoriale avrebbe dovuto liquidare le spese sostenute dai professionisti, ed il compenso ad essi spettante per l’opera svolta” (Cassazione civile, II sez., 09 novembre 2012, n. 19524, in Diritto & Giustizia 2012, 12 novembre). Che s’usi altrettanto spesso in dottrina, s’è già fornito l’esempio, e può bastare.

Non è una sgrammaticatura, piuttosto appartiene al genere di quei vocaboli che talvolta i giuristi adoprano per conferire alla loro lingua sembianze auliche e paludate. Non serve certo alla chiarezza dei contenuti del discorso giuridico, tutt’altro; di talché sarebbe certo il caso che se ne perdesse il vizio.

 

Federigo Bambi

Piazza delle lingue: Lingua e diritto

18 gennaio 2013


Agenda eventi

  Evento di Crusca

  Collaborazione di Crusca

  Evento esterno


Avvisi

Nuovo regolamento per gli utenti della Biblioteca

Avviso dalla biblioteca

Dal 3 gennaio 2023, per gli studiosi che accedono alla Biblioteca è in vigore un nuovo regolamento.

Ordine di servizio

Avviso da Crusca

In ottemperanza alla normativa vigente, si raccomanda a tutti coloro che frequentano, a vario titolo, la Villa medicea di Castello, l’osservanza delle seguenti regole da adottare per il contenimento dei consumi energetici:
- all’interno della Villa l’esercizio degli impianti termici di climatizzazione alimentati a gas naturale è consentito per 11 ore giornaliere dall’8 novembre al 7 aprile (art. 1 comma 2 del Decreto del Ministro della Transizione ecologica del 6 ottobre 2022);
- la media ponderata delle temperature dell'aria, misurate nei singoli ambienti di ciascun locale della Villa per la climatizzazione invernale non deve essere superiore a 19 gradi centigradi, più 2 gradi centigradi di tolleranza (art. 19-quater del Decreto legge n. 17 del 1° marzo 2022);
- l’apertura delle finestre per il ricambio dell’aria deve essere limitata allo stretto necessario;
- regolare la luminosità della luce artificiale a seconda della luminosità esterna;
- spegnere le luci, il monitor del PC e il fancoil quando ci si allontana dalla propria postazione di lavoro e al termine del proprio orario di lavoro;
- non stampare mail o altri documenti, se non strettamente necessario.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Scomparsa l'accademica Bice Mortara Garavelli

26 gen 2023

Antichi maestri: un allestimento teatrale appositamente pensato per la Crusca

11 nov 2022

Scomparso lo storico della lingua Andrea Dardi

02 nov 2022

Due spettacoli teatrali alla villa medicea di Castello

26 ott 2022

Scomparso l'accademico Luciano Agostiniani

20 ott 2022

L’italiano e i giovani. Come scusa? Non ti followo: il libro edito dall'Accademia in occasione della Ventiduesima Settimana della lingua italiana nel mondo

15 ott 2022

Tre visite guidate riservate ai soci UniCoop Firenze e Amici dell'Accademia della Crusca

10 ott 2022

Sao ko kelle terre. Piccola storia della lingua italiana: al MUNDI uno spettacolo dedicato alla lingua italiana

23 set 2022

Vai alla sezione