Dunoso, dunare o dunale?

Alcuni lettori ci chiedono se per riferirsi alla duna costiera sia corretto l'aggettivo dunale o dunare oppure dunoso: si dice ambiente, ecosistema dunale, dunare o dunoso?

Risposta

Dei tre aggettivi i dizionari contemporanei, sia quelli storici sia quelli dell’uso, hanno registrato finora solo dunoso, con il significato di ‘che ha i caratteri della duna, o che è costituito di dune, ricco di dune’, e con l’aggiunta degli esempi deserto dunoso, litorale dunoso, coste dunose, territori dunosi ecc. L’aggettivo dunoso è datato nei dizionari, come prima attestazione, 1956, ma se ne trova già la presenza negli “Atti del primo convegno tecnico sugli Indirizzi produttivi della trasformazione agraria nel Mezzogiorno” (Istituto Poligrafico dello Stato, 1954, p. 188): “Dando uno sguardo alle superfici ancora disponibili e riscattabili eventualmente alla coltura, è dato di constatare che lungo i litorali esistono zone dunose ed arenili abbandonati in quanto ritenuti sterili ed inadatti alla coltura”. Passando alla stampa, in un articolo del “Corriere della Sera” del 13 novembre 1960, p. 16, si legge: “Per accelerare il deflusso delle acque alluvionali, ora che l’entrata è bloccata, è stata pure allargata la breccia aperta in località Bacuco nell’argine dunoso”. L’unica attestazione letteraria rintracciata è tratta dal libro di Fabio Fiori, Adriatico, piccole storie di mare e di costa, (Roma, Nuova iniziativa editoriale, 2003), in cui l’autore ha scritto: “Ma sulla riva del mare, nei giorni di nebbia, le ombre evocano ricordi e può capitare di scambiare il fronte alberghiero con quello dunoso”.

Più tardi accanto a dunoso si sono diffusi anche gli aggettivi dunare e dunale. Se ne trovano numerose attestazioni nella stampa. Per esempio, nel “Corriere della Sera” del 7 giugno 1991, p. 36: “In tutta la regione – si afferma in una nota – su oltre 270 chilometri di costa non ne rimangono che una ventina di ambienti dunari ancora parzialmente integri lungo il litorale del Parco Nazionale del Circeo”. E il 12 ottobre 2002, sempre nel “Corriere della Sera” (Roma, p. I) Fulco Pratesi scriveva: “Sistema dunale che in pochi anni rischia di essere del tutto devastato”.

Le attestazioni di dunoso, dunare e dunale nella stampa quotidiana si infittiscono nel corso degli anni, e anche nella letteratura specialistica del settore i tre aggettivi sono ben documentati (se ne trovano numerose attestazioni nell’Enciclopedia Treccani online), ma negli ultimi anni dunale e dunare sembrano prevalere numericamente su dunoso, termine forse avvertito come meno tecnico. In effetti, una differenza di significato tra dunoso e dunale/dunare ci sarebbe: infatti, gli aggettivi formati col suffisso -oso “esprimono la presenza, la rilevanza, la qualità, l'effetto di ciò che è indicato dal sostantivo di base” (GRADIT), quelli in -ale e in -are indicano invece una semplice relazione con il sostantivo di base; dunque dunoso significa ‘ricco di dune’, caratterizzato dalla presenza di dune’, mentre dunale o dunare ‘proprio della duna’, ‘relativo alle dune’.

La diffusione di dunale può essere favorita anche dalla quasi coincidenza con l’inglese dunal, usato nella letteratura scientifica in lingua inglese.

In conclusione, si tratta di tre aggettivi tutti corretti, formati regolarmente.


Valeria Della Valle


4 febbraio 2020


Agenda eventi

  Evento di Crusca

  Collaborazione di Crusca

  Evento esterno


Avvisi

Nuovo regolamento per gli utenti della Biblioteca

Avviso dalla biblioteca

Dal 3 gennaio 2023, per gli studiosi che accedono alla Biblioteca è in vigore un nuovo regolamento.

Ordine di servizio

Avviso da Crusca

In ottemperanza alla normativa vigente, si raccomanda a tutti coloro che frequentano, a vario titolo, la Villa medicea di Castello, l’osservanza delle seguenti regole da adottare per il contenimento dei consumi energetici:
- all’interno della Villa l’esercizio degli impianti termici di climatizzazione alimentati a gas naturale è consentito per 11 ore giornaliere dall’8 novembre al 7 aprile (art. 1 comma 2 del Decreto del Ministro della Transizione ecologica del 6 ottobre 2022);
- la media ponderata delle temperature dell'aria, misurate nei singoli ambienti di ciascun locale della Villa per la climatizzazione invernale non deve essere superiore a 19 gradi centigradi, più 2 gradi centigradi di tolleranza (art. 19-quater del Decreto legge n. 17 del 1° marzo 2022);
- l’apertura delle finestre per il ricambio dell’aria deve essere limitata allo stretto necessario;
- regolare la luminosità della luce artificiale a seconda della luminosità esterna;
- spegnere le luci, il monitor del PC e il fancoil quando ci si allontana dalla propria postazione di lavoro e al termine del proprio orario di lavoro;
- non stampare mail o altri documenti, se non strettamente necessario.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Scomparsa l'accademica Bice Mortara Garavelli

26 gen 2023

Antichi maestri: un allestimento teatrale appositamente pensato per la Crusca

11 nov 2022

Scomparso lo storico della lingua Andrea Dardi

02 nov 2022

Due spettacoli teatrali alla villa medicea di Castello

26 ott 2022

Scomparso l'accademico Luciano Agostiniani

20 ott 2022

L’italiano e i giovani. Come scusa? Non ti followo: il libro edito dall'Accademia in occasione della Ventiduesima Settimana della lingua italiana nel mondo

15 ott 2022

Tre visite guidate riservate ai soci UniCoop Firenze e Amici dell'Accademia della Crusca

10 ott 2022

Sao ko kelle terre. Piccola storia della lingua italiana: al MUNDI uno spettacolo dedicato alla lingua italiana

23 set 2022

Vai alla sezione