Sulla reggenza di intenzione: intenzione di...?

Giuseppe Arlotta ha interpellato la nostra redazione di consulenza linguistica in quanto gli è stato contestato l'uso della frase "è intenzione del governo di impedire ogni abuso", ripresa dall'edizione del 1990 del Dizionario della Lingua italiana Devoto-Oli. In particolare il problema è sulla reggenza del sostantivo intenzione seguito da infinito: in questo caso richiede o no la preposizione di?

Risposta

Sulla reggenza di intenzione: intenzione di ...?

Il sostantivo intenzione deriva dal latino intentiōne(m), tratto da intĕndere 'tendere verso, protendere', in senso fig. 'volgere, dirigere' e quindi 'rivolgere (l'animo, la mente, il pensiero o l'attenzione a qualcosa)'. Questa voce verbale è infatti composta da in- 'verso', anteposto a tĕndere 'tendere, volgere, dirigere', in senso fig. 'tendere (a qualcosa)' e quindi 'aspirare, volgersi, sforzarsi, cercare di, far di tutto per'. Il sostantivo intentiōne(m) traduce infatti il greco éntasis 'fatica, sforzo' e, in senso fig., 'sforzo per capire'.

Il termine intenzione può essere impiegato nel costrutto (non) è / era intenzione di qualcuno o (non) è / era mia (sua ecc.) intenzione, seguito da un verbo all'infinito, preceduto o no da di, oppure con il verbo finito introdotto da che oppure avere intenzione seguito da di + infinito. Svolgendo una breve indagine in diacronia e consultando il materiale registrato nell'archivio elettronico LIZ 2001, troviamo che il costrutto con essere  può essere introdotto con o senza il di preposizionale:

 

"E le sue ragioni, che Aristotile dice a rompere costoro ed affermare la veritade, non è mia intenzione qui narrare,..." (D. Alighieri, Convivio - Tratt. 3,5.7);   

"Quello che le sante leggi della amicizia vogliono che l'uno amico per l'altro faccia, non è mia intenzione di spiegare al presente, ..." (G. Boccaccio, Decameron - Giorn. 10, nov. 8.17);

"E perché non è mia intenzione occupare i luoghi d'altri, descriverrò particularmente, insino al 1434, solo le cose seguite drento alla città" (N. Machiavelli, Istorie fiorentine - Proemio);     

"So che m'ama e so ch'è sua intenzione di guarirmi" (T. Tasso, Lettere - S10.1);   

"SERV.\... cosa dite mai? Sono servitore di casa, ed è intenzione del padrone che siate anche voi servita" (C. Goldoni, Le inquietudini di Zelinda - At.3, sc.18.6); 

"Non è mia intenzione tracciare, neppure per sommi capi, la storia dell'umorismo presso le genti latine e segnatamente in Italia" (L. Pirandello, L'Umorismo - Parte 1,6.1).

 

Per quanto riguarda il costrutto con avere è sistematico l'introduzione della dipendente con di in tutti gli autori, dal trecento a oggi.

 

Questa è la realtà accertata anche per l'italiano contemporaneo dal GRADIT: quando la dipendente è soggettiva è preferibile il costrutto senza preposizione; quando è (di fatto) oggettiva si preferisce il di: "avere i. di fare qsa., non è nelle mie intenzioni, non è mia i. partire" (GRADIT, s.v. intenzione).

 

Per approfondimenti:

  • DELI = Dizionario Etimologico della Lingua Italiana, di Manlio Cortelazzo e Paolo Zolli, ripubblicato in seconda ed. in volume unico con il titolo Il nuovo etimologico, a cura di Manlio Cortelazzo e Michele A. Cortelazzo, Bologna, Zanichelli, 1999 (con CD-rom).
  • GRADIT = Tullio De Mauro, Grande dizionario italiano dell'uso, Torino, UTET, 1999, 6 voll., con l'aggiunta del vol. VII, Nuove parole italiane dell'uso, 2003 (con CD-rom).
  • LIZ 2001 = Letteratura Italiana Zanichelli, CD-ROM dei testi della letteratura italiana, a cura di Pasquale Stoppelli, Eugenio Picchi, Sistema di interrogazione DBT in collaborazione con il Consiglio Nazionale delle Ricerche, Bologna, Zanichelli, 2001.
  • Luca Serianni, Grammatica italiana. Italiano comune e lingua letteraria, Torino, UTET, 1989.

 

A cura di Manuela Cainelli

Redazione Consulenza Linguistica

Accademia della Crusca

                                                                                                     

17 luglio 2008


Agenda eventi


Avvisi

Accesso alla Biblioteca - Servizi in emergenza COVID-19

Avviso dalla biblioteca

La Biblioteca dell'Accademia sarà di nuovo aperta a partire dal 20 maggio 2020. Pubblichiamo il vademecum per l'accesso agli utenti.

Riapertura dell'Accademia - Servizi in emergenza COVID-19

Avviso da Crusca

Dal 20 maggio 2020 l'Accademia sarà di nuovo aperta: pubblichiamo il vademecum per l'accesso.

Il Tema: Documento per la ripresa della vita scolastica

Avviso da Crusca

di Rita Librandi, Claudio Giovanardi, Francesco Sabatini. Il commento di chiusura è disponibile nella sezione "Il Tema".

Gruppo Incipit: La notifica del data breach: un anglicismo inopportuno e incomprensibile. Si usi “violazione dei dati”

Avviso da Crusca

Il nuovo comunicato del gruppo Incipit è disponibile nella sezione "Comunicati stampa".

Biblioteca dell'Accademia - Donazioni

Avviso dalla biblioteca

La Biblioteca accetta in dono unicamente opere attinenti ai propri ambiti disciplinari.
Le opere inviate non saranno comunque restituite al donatore.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

L’italiano non è una lingua da confinare. Intervista a Claudio Marazzini

27 apr 2020

Il nuovo direttore dell'Opera del Vocabolario Italiano

20 apr 2020

Le celebrazioni del centenario della nascita di Gianfranco Folena

14 apr 2020

Il perfetto italiano del primo ministro albanese Edi Rama e l'amicizia tra le nostre due nazioni

09 apr 2020

25 marzo, ore 18: appuntamento al balcone per il primo Dantedì

24 mar 2020

Due speciali su Dante di Rai Cultura

22 mar 2020

25 marzo 2020: il primo Dantedì

21 mar 2020

Claudio Marazzini intervistato su Nev.it

06 mar 2020

Vai alla sezione