Sulla reggenza di intenzione: intenzione di...?

Giuseppe Arlotta ha interpellato la nostra redazione di consulenza linguistica in quanto gli è stato contestato l'uso della frase "è intenzione del governo di impedire ogni abuso", ripresa dall'edizione del 1990 del Dizionario della Lingua italiana Devoto-Oli. In particolare il problema è sulla reggenza del sostantivo intenzione seguito da infinito: in questo caso richiede o no la preposizione di?

Risposta

Sulla reggenza di intenzione: intenzione di ...?

Il sostantivo intenzione deriva dal latino intentiōne(m), tratto da intĕndere 'tendere verso, protendere', in senso fig. 'volgere, dirigere' e quindi 'rivolgere (l'animo, la mente, il pensiero o l'attenzione a qualcosa)'. Questa voce verbale è infatti composta da in- 'verso', anteposto a tĕndere 'tendere, volgere, dirigere', in senso fig. 'tendere (a qualcosa)' e quindi 'aspirare, volgersi, sforzarsi, cercare di, far di tutto per'. Il sostantivo intentiōne(m) traduce infatti il greco éntasis 'fatica, sforzo' e, in senso fig., 'sforzo per capire'.

Il termine intenzione può essere impiegato nel costrutto (non) è / era intenzione di qualcuno o (non) è / era mia (sua ecc.) intenzione, seguito da un verbo all'infinito, preceduto o no da di, oppure con il verbo finito introdotto da che oppure avere intenzione seguito da di + infinito. Svolgendo una breve indagine in diacronia e consultando il materiale registrato nell'archivio elettronico LIZ 2001, troviamo che il costrutto con essere  può essere introdotto con o senza il di preposizionale:

 

"E le sue ragioni, che Aristotile dice a rompere costoro ed affermare la veritade, non è mia intenzione qui narrare,..." (D. Alighieri, Convivio - Tratt. 3,5.7);   

"Quello che le sante leggi della amicizia vogliono che l'uno amico per l'altro faccia, non è mia intenzione di spiegare al presente, ..." (G. Boccaccio, Decameron - Giorn. 10, nov. 8.17);

"E perché non è mia intenzione occupare i luoghi d'altri, descriverrò particularmente, insino al 1434, solo le cose seguite drento alla città" (N. Machiavelli, Istorie fiorentine - Proemio);     

"So che m'ama e so ch'è sua intenzione di guarirmi" (T. Tasso, Lettere - S10.1);   

"SERV.\... cosa dite mai? Sono servitore di casa, ed è intenzione del padrone che siate anche voi servita" (C. Goldoni, Le inquietudini di Zelinda - At.3, sc.18.6); 

"Non è mia intenzione tracciare, neppure per sommi capi, la storia dell'umorismo presso le genti latine e segnatamente in Italia" (L. Pirandello, L'Umorismo - Parte 1,6.1).

 

Per quanto riguarda il costrutto con avere è sistematico l'introduzione della dipendente con di in tutti gli autori, dal trecento a oggi.

 

Questa è la realtà accertata anche per l'italiano contemporaneo dal GRADIT: quando la dipendente è soggettiva è preferibile il costrutto senza preposizione; quando è (di fatto) oggettiva si preferisce il di: "avere i. di fare qsa., non è nelle mie intenzioni, non è mia i. partire" (GRADIT, s.v. intenzione).

 

Per approfondimenti:

  • DELI = Dizionario Etimologico della Lingua Italiana, di Manlio Cortelazzo e Paolo Zolli, ripubblicato in seconda ed. in volume unico con il titolo Il nuovo etimologico, a cura di Manlio Cortelazzo e Michele A. Cortelazzo, Bologna, Zanichelli, 1999 (con CD-rom).
  • GRADIT = Tullio De Mauro, Grande dizionario italiano dell'uso, Torino, UTET, 1999, 6 voll., con l'aggiunta del vol. VII, Nuove parole italiane dell'uso, 2003 (con CD-rom).
  • LIZ 2001 = Letteratura Italiana Zanichelli, CD-ROM dei testi della letteratura italiana, a cura di Pasquale Stoppelli, Eugenio Picchi, Sistema di interrogazione DBT in collaborazione con il Consiglio Nazionale delle Ricerche, Bologna, Zanichelli, 2001.
  • Luca Serianni, Grammatica italiana. Italiano comune e lingua letteraria, Torino, UTET, 1989.

 

A cura di Manuela Cainelli

Redazione Consulenza Linguistica

Accademia della Crusca

                                                                                                     

17 luglio 2008


Agenda eventi


Avvisi

Certificazione verde COVID-19 e accesso all'Accademia della Crusca

Avviso da Crusca

Per accedere all'Accademia della Crusca, dal 15 ottobre al 31 dicembre 2021 (o comunque fino al perdurare dello stato di emergenza), è fatto obbligo di possedere e di esibire, su richiesta, la certificazione verde COVID-19.

La lingua di Dante non può parlare di scienza. Il MUR esclude l'italiano nel bando per i fondi FIS

Avviso da Crusca

Il nuovo Tema di Claudio Marazzini. Partecipa alla discussione

Servizi in emergenza Covid-19 - Aggiornamenti del 4 agosto 2021

Avviso dalla biblioteca

Il Presidente dell’Accademia della Crusca, in ottemperanza alla vigente normativa per il contrasto e il contenimento della pandemia da Covid-19, impartisce le seguenti indicazioni:

La Biblioteca dell’Accademia della Crusca è aperta al pubblico con gli orari consueti.
Si elencano di seguito le modalità di accesso alla sala di consultazione e alle collezioni della Biblioteca, in vigore fino alla cessazione dello stato di emergenza epidemiologica da Covid-19. Leggi tutto

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

EFNIL: rinnovamento del comitato esecutivo

12 ott 2021

Il Dante della Crusca in prestito alle Scuderie di Quirinale

27 set 2021

Mostra “Della nostra favella questo divin poema è la miglior parte”. Dante e la Crusca

23 mar 2021

La parola fresca di giornata. 365 giorni con Dante

01 gen 2021

"Dentro la Crusca, dentro l'italiano": le iniziative nate dalla collaborazione 2020/2021 tra l'Accademia e UniCoop Firenze

01 gen 2021

L'Accademia della Crusca e le celebrazioni del 2021, anno dantesco

02 gen 2021

Vai alla sezione