A Maria Agostina Cabiddu la prima edizione del Premio «Benemeriti della lingua italiana»

Il Premio, di nuova istituzione, viene conferito a una persona di riconosciuta alta qualifica culturale, di qualsiasi nazionalità, giudicata “benemerita della lingua italiana” per aver operato in misura rilevante, direttamente o indirettamente, in qualsiasi settore di attività e di studi o con atti generosi anche in campo sociale, per la tutela, la valorizzazione e la diffusione della lingua italiana, ad esclusione di persone che operino professionalmente nel campo della ricerca o dell’insegnamento, scolastico e universitario, della lingua, della linguistica e della filologia italiana”.
Giovedì 9 maggio 2019 il Collegio degli Accademici della Crusca, riunito in seduta ordinaria, ha attribuito la prima edizione del premio internazionale “Crusca – Benemeriti della lingua italiana” alla giurista Maria Agostina Cabiddu, professoressa ordinaria di Istituzioni di diritto pubblico presso il Politecnico di Milano, che ha combattuto una serrata battaglia per mantenere vivo l’uso della lingua italiana nei corsi universitari di istruzione scientifica superiore.
Quando il Senato Accademico del Politecnico di Milano, nel dicembre 2011, deliberò a favore dell’uso esclusivo della lingua inglese nei corsi di laurea magistrale e di dottorato di ricerca, interpretando in modo anomalo la Legge 240/2010 (Legge Gelmini), Maria Agostina Cabiddu, agendo contemporaneamente sul fronte della pubblica opinione e del diritto, organizzò un Comitato di docenti che espresse ripetuti appelli avversi alla decisione del Senato Accademico e contemporaneamente si rivolse alla legge con un ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale (TAR) della Lombardia.
Ottenne così l’annullamento della delibera del Politecnico per manifesta incostituzionalità dell’abolizione della lingua italiana dai corsi di istruzione superiore. Successivamente nel 2017, dopo l’appello del Politecnico e del Ministero dell’Istruzione e dell’Università e della Ricerca, il Consiglio di Stato, pur non escludendo l’attivazione “nell’ambito delle risorse umane, finanziarie e strumentali disponibili di insegnamenti e forme di selezioni svolti in lingua straniera atti a rafforzare l’internazionalizzazione del sistema universitario”, censurava fermamente l’interpretazione aberrante che aveva contestualmente condotto all’esclusione dell’italiano.
I successi ottenuti ai massimi livelli del Diritto non hanno alleggerito i compiti di Maria Agostina Cabiddu perché gli organi di stampa, distorcendo il significato delle delibere della Corte e del Consiglio hanno proposto il più delle volte interpretazioni fuorvianti, dando corso all’idea che la reintroduzione dell’italiano significasse l’espulsione dell’inglese. Controbattere questa falsa immagine è l’impegno, non facile, al quale si dedica ora Maria Agostina Cabiddu.


Ultimi comunicati stampa

La scuola è un'aula e non un video: limiti e rischi dell'insegnamento a distanza

  • 24 apr 2020

Comunicato n. 13: La notifica del data breach: un anglicismo inopportuno e incomprensibile. Si usi “violazione dei dati”

  • 20 apr 2020

#Dantedì e #LaCruscaAcasa

  • 23 mar 2020
  • Lingua e letteratura

Agenda eventi


Avvisi

Accesso alla Biblioteca - Servizi in emergenza COVID-19

Avviso dalla biblioteca

La Biblioteca dell'Accademia sarà di nuovo aperta a partire dal 20 maggio 2020. Pubblichiamo il vademecum per l'accesso agli utenti.

Riapertura dell'Accademia - Servizi in emergenza COVID-19

Avviso da Crusca

Dal 20 maggio 2020 l'Accademia sarà di nuovo aperta: pubblichiamo il vademecum per l'accesso.

Il Tema: Documento per la ripresa della vita scolastica

Avviso da Crusca

di Rita Librandi, Claudio Giovanardi, Francesco Sabatini. Il commento di chiusura è disponibile nella sezione "Il Tema".

Gruppo Incipit: La notifica del data breach: un anglicismo inopportuno e incomprensibile. Si usi “violazione dei dati”

Avviso da Crusca

Il nuovo comunicato del gruppo Incipit è disponibile nella sezione "Comunicati stampa".

Biblioteca dell'Accademia - Donazioni

Avviso dalla biblioteca

La Biblioteca accetta in dono unicamente opere attinenti ai propri ambiti disciplinari.
Le opere inviate non saranno comunque restituite al donatore.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

L’italiano non è una lingua da confinare. Intervista a Claudio Marazzini

27 apr 2020

Il nuovo direttore dell'Opera del Vocabolario Italiano

20 apr 2020

Le celebrazioni del centenario della nascita di Gianfranco Folena

14 apr 2020

Il perfetto italiano del primo ministro albanese Edi Rama e l'amicizia tra le nostre due nazioni

09 apr 2020

25 marzo, ore 18: appuntamento al balcone per il primo Dantedì

24 mar 2020

Due speciali su Dante di Rai Cultura

22 mar 2020

25 marzo 2020: il primo Dantedì

21 mar 2020

Claudio Marazzini intervistato su Nev.it

06 mar 2020

Vai alla sezione