Fare filosofia in italiano: fra Ottocento e Novecento Linguisti e filosofi si confrontano su pensatori in lingua italiana

Firenze, Accademia della Crusca, 7 giugno 2018

Lunedì 11 e martedì 12 giugno 2018 si terrà a Firenze il convegno Fare filosofia in italiano: fra Ottocento e Novecento. Linguisti e filosofi si confrontano su pensatori in lingua italiana, organizzato dall’Accademia della Crusca e dalla Società Filosofica Italiana.

I lavori prendono il via lunedì 11 giugno alle ore 15.00, nella Villa medicea di Castello, con l’introduzione ai lavori del Presidente dell’Accademia della Crusca Claudio Marazzini e proseguiranno in una serie di dialoghi tra linguisti efilosofi dedicati ad alcuni dei pensatori più importanti dell’Ottocento e del Novecento.

 

Un linguista e un filosofo parlano di…                                        

 

Carlo Cattaneo:                   Francesca Geymonat e Fabio Minazzi;

Giacomo Leopardi:             Stefano Gensini e Gaspare Polizzi;

Vincenzo Gioberti:              Massimo Fanfani e Mauro Letterio;

 

per l'Ottocento;

                                                                   

Benedetto Croce:                 Davide Colussi e Giuseppe Giordano;

Giovanni Gentile:                Giuseppe Polimeni e Rosella Faraone;

Guido Calogero:                  Giorgio Graffi e Emidio Spinelli;

 

per il Novecento.

 

Al di là dell’indubbio interesse suscitato dalle figure di questi pensatori italiani e dei fecondi spunti di riflessione che le loro posizioni possono ancor oggi offrire, il segnale che l’Accademia e la Società Filosofica vogliono inviare al mondo della scuola è il seguente: si può e si deve usare la lingua italiana per scopi speculativi e per analisi qualitative di grande impegno.

Non è possibile, come è accaduto di recente, far credere che la dialettica del pensiero si esprima attraverso quello che è stato definito il “debate”, come se la retorica classica, la scuola medievale e la Ratio studiorum gesuitica non avessero proposto da secoli, e in forma anche più raffinata, i medesimi modelli che negli ultimi mesi ci sono giunti attraverso il MIUR, riverniciati con un po’ di modernità tecnologica.

Si può e si deve far filosofia in italiano. Altrimenti, in maniera quasi inavvertita, si snatura l’impostazione filosofica di taglio storico e critico, tipica della tradizione italiana.

 

Ufficio Stampa: 055-454277 / 055-454278 / 392-3478421
ufficiostampa@crusca.fi.it

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Correlati

Convegno Fare filosofia in italiano: fra Ottocento e Novecento - Linguisti e filosofi si confrontano su pensatori in lingua italiana

Ultimi comunicati stampa

Claudio Marazzini rieletto Presidente dell'Accademia della Crusca

  • 01 lug 2020

La scuola è un'aula e non un video: limiti e rischi dell'insegnamento a distanza

  • 24 apr 2020

Comunicato n. 13: La notifica del data breach: un anglicismo inopportuno e incomprensibile. Si usi “violazione dei dati”

  • 20 apr 2020

Agenda eventi


Avvisi

Una nuova banca dati in rete: la Stazione Lessicografica

Avviso da Crusca

Un sistema di consultazione integrato di dizionari di italiano in rete, aperto a tutti. La Stazione è raggiungibile dalla sezione Scaffali digitali.

Biblioteca dell’Accademia della Crusca: servizi in emergenza covid-19

Avviso dalla biblioteca

Modalità di accesso alla sala consultazione e alle collezioni della Biblioteca aggiornate al 31 luglio 2020.

Commento di chiusura al Tema di Angela Ferrari

Avviso da Crusca

Il commento di chiusura a L’italiano istituzionale svizzero: come parla la burocrazia confederale? è disponibile nella sezione "Il Tema".

Il Tema Il genere di covid-19 e i giornali italiani, di Claudio Marazzini

Avviso da Crusca

Nella sezione "Il Tema" è possibile intervenire.

Claudio Marazzini rieletto Presidente dell'Accademia della Crusca insieme al nuovo Consiglio

Avviso da CruscaIl presidente Marazzini è rieletto per il suo terzo mandato; il Consiglio è stato rinnovato. Maggiori informazioni sono disponibili nella sezione "Ufficio stampa".

Gruppo Incipit: La notifica del data breach: un anglicismo inopportuno e incomprensibile. Si usi “violazione dei dati”

Avviso da Crusca

Il nuovo comunicato del gruppo Incipit è disponibile nella sezione "Comunicati stampa".

Biblioteca dell'Accademia - Donazioni

Avviso dalla biblioteca

La Biblioteca accetta in dono unicamente opere attinenti ai propri ambiti disciplinari.
Le opere inviate non saranno comunque restituite al donatore.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

L’italiano non è una lingua da confinare. Intervista a Claudio Marazzini

27 apr 2020

Il nuovo direttore dell'Opera del Vocabolario Italiano

20 apr 2020

Le celebrazioni del centenario della nascita di Gianfranco Folena

14 apr 2020

Il perfetto italiano del primo ministro albanese Edi Rama e l'amicizia tra le nostre due nazioni

09 apr 2020

25 marzo, ore 18: appuntamento al balcone per il primo Dantedì

24 mar 2020

Due speciali su Dante di Rai Cultura

22 mar 2020

25 marzo 2020: il primo Dantedì

21 mar 2020

Claudio Marazzini intervistato su Nev.it

06 mar 2020

Vai alla sezione