contact tracer

Ambito d'uso: mass media, medicina

Ambito d'origine: medicina

Categoria grammaticale:

loc. m. inv. [come loc. f. finora non è documentato]

Definizione

Figura professionale che si occupa di contact tracing ossia addetta all’identificazione e al monitoraggio di tutte le persone entrate in contatto con un individuo affetto da una malattia infettiva.

Etimologia

Prestito integrale dall’inglese contact tracer formato da contact ‘contatto’ e tracer ‘colui (o colei) che rintraccia’.

Prima attestazione

2015
"C’è una cosa comunque di cui don Dante va fiero: i contact tracer. «Abbiamo messo in piedi una squadra di 250 ragazzi che a bordo di una moto, muniti di taccuino e cellulare, rintracciavano le persone che erano venute in contatto con chi si era ammalato di ebola»". (Fabio Bozzato, «Ebola, i morti e le quarantene così abbiamo aiutato a sconfiggerla», corrieredelveneto.corriere.it, 7/11/2015)

"Per sensibilizzare le comunità e contrastare la diffusione di falsi miti, è stata creata una squadra di “contact tracer”: un gruppo di giovani che, percorrendo il territorio in lungo e in largo, muniti di moto, cellulare e taccuino, tracciavano tutti i contatti avuti da un nuovo malato". (Stefano Pasta, Finalmente la Sierra Leone è “Ebola free”, famigliacristiana.it, 8/11/2015)

Periodo di affermazione:

2020

Presenza sui dizionari

Nessuna

Diffusione al: 17 dicembre 2020

Google: 12.000 r.
"Corriere della Sera": 7 r. (p.a. 7/11/2015)
"la Repubblica": 13 r. (p.a. 3/5/2020)

Note

La locuzione contact tracer è un anglismo non adattato composto da contact ‘contatto’ e tracer ‘colui (o colei) che rintraccia’ e indica la figura professionale che si dedica al cosiddetto contact tracing. Il compito del contact tracer è dunque quello di rintracciare tutte le persone entrate in contatto con un individuo affetto da una malattia infettiva, contattarle (per lo più telefonicamente), metterle al corrente dei pericoli riguardanti la malattia, dare loro le indicazioni necessarie per effettuare un isolamento o una quarantena, monitorarle negli spostamenti. Nonostante l’espressione cominci a circolare in lingua inglese già a partire dagli anni Quaranta e sebbene contact tracing compaia nella lingua italiana alla fine degli anni Ottanta, contact tracer non sembra avere attestazioni nei testi in lingua italiana anteriori al 2015, anno in cui viene impiegato in relazione all’epidemia di Ebola. Dopo il 2015 le occorrenze di contact tracer sono sporadiche e occasionali, per lo più con enfasi grafica e corredate da una spiegazione semantica. Il rilancio considerevole della locuzione è avvenuto nel corso del 2020 proprio come conseguenza del dilagare della pandemia di Covid-19: il tracciamento dei contatti è diventata una strategia sanitaria fondamentale nel contenimento della diffusione del virus e la figura professionale del contact tracer ha assunto particolare importanza sia all’interno dell’ambito sanitario sia al di fuori di esso. A differenza di contact tracing, contact tracer non ha attestazioni all’interno dei testi normativi e istituzionali italiani in cui si preferisce parlare di “personale addetto al monitoraggio del contagio”.

Esempi d'uso

  • Si assume! Con o senza le famose applicazioni, sulle quali molti Stati – Italia compresa – sono in ritardo, questo lavoro diventerà cruciale per contenere i contagi. Il Regno Unito non ha ancora la sua app, ma ha già assunto 21mila contact tracer. (Lidia Baratta, Contact tracer, assistenti civici e riapertura delle palestre, linkiesta.it, 25/5/2020) 
Miriam Di Carlo

Approfondimenti e link

11 gennaio 2021


Agenda eventi

  Evento di Crusca

  Collaborazione di Crusca

  Evento esterno


Avvisi

Chiusura straordinaria dell'Accademia

Avviso da Crusca

Avvisiamo gli interessati che la sede dell'Accademia resterà chiusa venerdì 7 aprile 2023.

Ordine di servizio

Avviso da Crusca

In ottemperanza alla normativa vigente, si raccomanda a tutti coloro che frequentano, a vario titolo, la Villa medicea di Castello, l’osservanza delle seguenti regole da adottare per il contenimento dei consumi energetici:
- all’interno della Villa l’esercizio degli impianti termici di climatizzazione alimentati a gas naturale è consentito per 11 ore giornaliere dall’8 novembre al 7 aprile (art. 1 comma 2 del Decreto del Ministro della Transizione ecologica del 6 ottobre 2022);
- la media ponderata delle temperature dell'aria, misurate nei singoli ambienti di ciascun locale della Villa per la climatizzazione invernale non deve essere superiore a 19 gradi centigradi, più 2 gradi centigradi di tolleranza (art. 19-quater del Decreto legge n. 17 del 1° marzo 2022);
- l’apertura delle finestre per il ricambio dell’aria deve essere limitata allo stretto necessario;
- regolare la luminosità della luce artificiale a seconda della luminosità esterna;
- spegnere le luci, il monitor del PC e il fancoil quando ci si allontana dalla propria postazione di lavoro e al termine del proprio orario di lavoro;
- non stampare mail o altri documenti, se non strettamente necessario.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

L'Accademia risponde a un quesito sulla parità di genere negli atti giudiziari posto dal Comitato Pari opportunità del Consiglio direttivo della Corte di Cassazione

09 mar 2023

Le settimane estive della Crusca: corsi per docenti di italiano all’estero

06 mar 2023

L'Accademia collabora all'organizzazione di un corso di perfezionamento sulla scrittura del diritto

17 feb 2023

L'approccio dell'Unione Europea al multilinguismo in uno studio recente pubblicato dalla Commissione per la cultura e l'istruzione (CULT) del Parlamento europeo

15 feb 2023

L'accademica Giovanna Frosini nominata presidente dell'Ente Nazionale Giovanni Boccaccio

14 feb 2023

Scomparsa l'accademica Bice Mortara Garavelli

26 gen 2023

Antichi maestri: un allestimento teatrale appositamente pensato per la Crusca

11 nov 2022

Scomparso lo storico della lingua Andrea Dardi

02 nov 2022

Vai alla sezione