demedicalizzazione

Ambito d'uso: medicina, sociologia

Ambito d'origine: medicina, sociologia

Rilancio Tecnicismo

Categoria grammaticale:

sost. f.    

Definizione

1. 'necessità di ridurre il ricorso alle pratiche mediche e all’assunzione di farmaci' 2. 'sottrazione di eventi e di attività di ambito socio-sanitario alla sfera di competenza della medicina'

Etimologia

Si può considerare o un deverbale di demedicalizzare (di cui un esempio in Google libri risale al 1974) o un derivato formato dal prefisso de- e dal sostantivo medicalizzazione.

Prima attestazione

1975
«Se le dimensioni dei fatti sono quelle che espone, Ivan Illich ha certamente ragione di non credere all’utilità di correttivi. Ma che cosa si può fare, allora? Proponendo, come già la “descolarizzazione”, la “demedicalizzazione”, Illich propone in definitiva che la medicina non sia più concepita come salvezza. L’idolo scenda dall'altare, e l'uomo assuma i rischi della propria condizione senza eluderli con l’attesa illusoria di prodigi terapeutici.» (Sergio Quinzio, Medici e religione. Esculapio salvatore, “La Stampa”, 28/2/1975, p. 3)

Presenza sui dizionari

Nessuna

Diffusione al: 29 novembre 2021

Google: 7.760 r.
“la Repubblica”: 16 r. (1989: 1 r; 1996: 1 r.; 1999: 1 r.; 2005: 2 r.; 2008: 1 r.; 2011: 2 r.; 2014: 1 r.; 2017: 2 r.; 2018: 1 r.; 2021: 3 r.)
“Corriere della Sera”: 4 r. (1981: 1 r.; 1991: 1 r.; 1995: 1 r.; 2008: 1 r.)
“La Stampa”: 4 r. (1975: 1 r.; 1980: 1 r.; 1991: 1 r.; 2004: 1 r.)


Note

Il termine demedicalizzazione, attestato alla metà degli anni Settanta, ha conosciuto agli inizi del nuovo Millennio una notevole ripresa e con essa un ampliamento della sua sfera semantica. Oltre al significato di partenza, infatti, di ‘necessità di ridurre il ricorso alle pratiche mediche’ come tentativo di contrasto alla diffusione dell’ipermedicalizzazione, si attesta anche quello più recente di ‘sottrazione alla sfera di competenza della medicina di eventi o di attività correlate all’assistenza sanitaria’. Ad esempio, come dimostrano alcuni articoli giornalistici recenti, ultimamente si parla di demedicalizzazione in riferimento all’abbandono da parte della componente medica dei servizi di emergenza e di pronto soccorso del 118. Da un punto di vista linguistico, la parola è ben formata; come ipermedicalizzazione, sembra destinata ad aumentare la sua diffusione.

Esempi d'uso

  • «La risposta italiana alla comprensibile domanda di demedicalizzazione del parto è data, per ora, dal sorgere di “case parto” (strutture che riproducono un ambiente di tipo domestico collocate in prossimità di un centro ospedaliero)» (Maurizio Tucci, Come si nasce oggi in Italia, “Corriere della Sera”, 23/11/2008, p. 50)
  • Guardiamo con fiducia alla azione del Ministro della Salute, Roberto Speranza, del Governo, del Parlamento, perché si eviti lo scempio della progressiva demedicalizzazione del 118 e perché il nuovo Sistema 118 che verrà non rinnovi i reiterati catastrofici errori di visione politica, dall'evidenza così pervasiva e destruente, commessi nell'ultimo decennio (s.f., Balzanelli, ‘medici vanno via dal 118, è abbandono di massa’, articolo in www.ansa.it, 22/9/2021)
  • E, intanto, assistiamo alla chiusura di punti di primo intervento, alla demedicalizzazione di postazioni territoriali sia del 118 che dell’ex guardia medica, oggi Servizio di Continuità Assistenziale (s.f., Demedicalizzazione e chiusura di postazioni emergenza, allarme da Baldari e Masotti (Fp Cgil), articolo in www.catanzaroinforma.it, 26/10/2021)
Kevin De Vecchis

Approfondimenti e link

29 novembre 2021

Piazza delle lingue: Lingua e saperi


Agenda eventi

  Evento di Crusca

  Collaborazione di Crusca

  Evento esterno


Avvisi

Nuovo regolamento per gli utenti della Biblioteca

Avviso dalla biblioteca

Dal 3 gennaio 2023, per gli studiosi che accedono alla Biblioteca è in vigore un nuovo regolamento.

Ordine di servizio

Avviso da Crusca

In ottemperanza alla normativa vigente, si raccomanda a tutti coloro che frequentano, a vario titolo, la Villa medicea di Castello, l’osservanza delle seguenti regole da adottare per il contenimento dei consumi energetici:
- all’interno della Villa l’esercizio degli impianti termici di climatizzazione alimentati a gas naturale è consentito per 11 ore giornaliere dall’8 novembre al 7 aprile (art. 1 comma 2 del Decreto del Ministro della Transizione ecologica del 6 ottobre 2022);
- la media ponderata delle temperature dell'aria, misurate nei singoli ambienti di ciascun locale della Villa per la climatizzazione invernale non deve essere superiore a 19 gradi centigradi, più 2 gradi centigradi di tolleranza (art. 19-quater del Decreto legge n. 17 del 1° marzo 2022);
- l’apertura delle finestre per il ricambio dell’aria deve essere limitata allo stretto necessario;
- regolare la luminosità della luce artificiale a seconda della luminosità esterna;
- spegnere le luci, il monitor del PC e il fancoil quando ci si allontana dalla propria postazione di lavoro e al termine del proprio orario di lavoro;
- non stampare mail o altri documenti, se non strettamente necessario.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Scomparsa l'accademica Bice Mortara Garavelli

26 gen 2023

Antichi maestri: un allestimento teatrale appositamente pensato per la Crusca

11 nov 2022

Scomparso lo storico della lingua Andrea Dardi

02 nov 2022

Due spettacoli teatrali alla villa medicea di Castello

26 ott 2022

Scomparso l'accademico Luciano Agostiniani

20 ott 2022

L’italiano e i giovani. Come scusa? Non ti followo: il libro edito dall'Accademia in occasione della Ventiduesima Settimana della lingua italiana nel mondo

15 ott 2022

Tre visite guidate riservate ai soci UniCoop Firenze e Amici dell'Accademia della Crusca

10 ott 2022

Sao ko kelle terre. Piccola storia della lingua italiana: al MUNDI uno spettacolo dedicato alla lingua italiana

23 set 2022

Vai alla sezione