sindrome post-Covid

Varianti: Sindrome post-Covid; Sindrome Post-Covid; Sindrome post COVID; Sindrome post-COVID; sindrome post Covid; sindrome post-covid; sindrome post-COVID-19

Ambito d'uso: giornalismo, medicina, politica, rete,

Ambito d'origine: medicina,

Tecnicismo

Categoria grammaticale:

loc. sost. f.

Definizione

'condizione patologica in cui i sintomi da COVID-19 continuano a manifestarsi nonostante la guarigione dalla malattia'

Etimologia

Unità polirematica formata dal determinato sindrome e dal determinante post-Covid, composto a sua volta da post e Covid.

Prima attestazione

2020
"C’è chi ha ancora difficoltà respiratorie, chi accusa dolori al torace, chi si sente molto stanco: è la sindrome post Covid, una coda della malattia che per tanti pazienti ha già provocato grande sofferenza e a settimane di distanza dalla dimissione dall’ospedale o dalla guarigione a casa, impedisce ancora di tornare alle normali attività". (s.a., Sindrome post Covid, Codeluppi: “Tre mesi per capire le conseguenze, articolo in www.liberta.it, 25/6/2020)

Periodo di affermazione:

2020-2021

Presenza sui dizionari

Devoto-Oli 2022 [med.]

Diffusione al: 19 settembre 2021

sindrome post-Covid:
Google: 56.600 r.
“Corriere della Sera”: 3 r. (2020: 1 r.; 2021: 2 r.)
“la Repubblica”: 6 r. (2020: 2 r.; 2021: 4 r.)
“La Stampa”: 2 r. (2021: 2 r.)

sindrome post Covid:
Google: 57.000 r.
“Corriere della Sera”: 2 r. (2020: 1 r.; 2021: 1 r.)
“la Repubblica”: 5 r. (2021: 5 r; 2021: 2 r.)
“La Stampa”: 0

Derivati


Note

Il termine sindrome post-Covid nasce con ogni probabilità in ambiente medico e si diffonde poi attraverso la stampa. I primi articoli risalgono a giugno/luglio 2020. Nonostante l’Istituto Superiore di Sanità identifichi con sindrome post-Covid una condizione clinica specifica che rientra all’interno del quadro generale della malattia long Covid (cioè soltanto “i segni e i sintomi che si sono sviluppati durante o dopo un’infezione compatibile con il COVID-19, presenti per più di 12 settimane dopo l’evento acuto e non spiegabili con diagnosi alternative”), l’uso attuale del termine è caratterizzato da un rapporto di sinonimia completa con long Covid. Rispetto alla voce inglese, l’unità polirematica italiana risulta comunque meno utilizzata, anche se supera altre forme concorrenti, quali Covid lungo, Covid a lungo termine o di lungo termine e Covid persistente.

Esempi d'uso

  • Proprio perché la COVID-19 è una malattia nuova, non esistono ancora studi sugli effetti a lungo termine nei guariti all'infezione: nella fase dell'emergenza ci si è concentrati sul salvare la vita dei pazienti, e i primi a guarire, in Cina, sono usciti dagli ospedali solo pochi mesi fa. Tuttavia, un buon numero di persone sopravvissute a forme non necessariamente gravi di covid continua ad avvertire strascichi della malattia per settimane, addirittura mesi. Tanto che molti scienziati ritengono che la “sindrome post-covid” sia da considerarsi una famiglia di disturbi da seguire nel tempo, con fini di ricerca e riabilitativi. (Elisabetta Intini, È ora di parlare della sindrome post-covid, articolo in www.focus.it, 3/7/2020)
  • Una stanchezza estrema che non passa, ma anche affanno o dolore alle articolazioni. Sono alcuni dei sintomi della cosiddetta sindrome post-Covid-19, che continua a tormentare la maggioranza dei 'reduci' dal coronavirus Sars-CoV-2 per settimane, se non addirittura per mesi dopo la guarigione. Una research letter appena pubblicata su 'Jama' da un gruppo di geriatri della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli Irccs e dell'Università Cattolica, campus di Roma, fa il punto della situazione e chiarisce quali sono i sintomi più frequenti e persistenti. (s.a., Da stanchezza estrema a dolori, ecco sindrome post-Covid, articolo in www.adnkronos.com, 13/7/2020)
  • Intanto è un vaccino e non un siero. Errore gravissimo. E poi i danni da post COVID SONO ENORMI. oggi il long COVID è una sindrome post COVID studiata che determina danni gravissimo a lungo termine a quasi tutti gli organi. Compatibile con la persistenza della infezione. (Tweet di @MazzoliSandra del 4/9/2021)
Kevin De Vecchis

Approfondimenti e link

30 settembre 2021


Agenda eventi


Avvisi

Certificazione verde COVID-19 e accesso all'Accademia della Crusca

Avviso da Crusca

Per accedere all'Accademia della Crusca, dal 15 ottobre al 31 dicembre 2021 (o comunque fino al perdurare dello stato di emergenza), è fatto obbligo di possedere e di esibire, su richiesta, la certificazione verde COVID-19.

La lingua di Dante non può parlare di scienza. Il MUR esclude l'italiano nel bando per i fondi FIS

Avviso da Crusca

Il nuovo Tema di Claudio Marazzini. Partecipa alla discussione

Servizi in emergenza Covid-19 - Aggiornamenti del 4 agosto 2021

Avviso dalla biblioteca

Il Presidente dell’Accademia della Crusca, in ottemperanza alla vigente normativa per il contrasto e il contenimento della pandemia da Covid-19, impartisce le seguenti indicazioni:

La Biblioteca dell’Accademia della Crusca è aperta al pubblico con gli orari consueti.
Si elencano di seguito le modalità di accesso alla sala di consultazione e alle collezioni della Biblioteca, in vigore fino alla cessazione dello stato di emergenza epidemiologica da Covid-19. Leggi tutto

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Scomparso l'accademico Maurizio VItale

22 ott 2021

EFNIL: rinnovamento del comitato esecutivo

12 ott 2021

Il Dante della Crusca in prestito alle Scuderie di Quirinale

27 set 2021

Mostra “Della nostra favella questo divin poema è la miglior parte”. Dante e la Crusca

23 mar 2021

La parola fresca di giornata. 365 giorni con Dante

01 gen 2021

"Dentro la Crusca, dentro l'italiano": le iniziative nate dalla collaborazione 2020/2021 tra l'Accademia e UniCoop Firenze

01 gen 2021

L'Accademia della Crusca e le celebrazioni del 2021, anno dantesco

02 gen 2021

Vai alla sezione