Nicoletta Maraschio ricorda Giovanni Nencioni

Maestro per più generazioni

Quando salivo quelle due rampe di scale di via Coverelli che mi portavano da lui sapevo che Giovanni Nencioni mi avrebbe raccolto nel suo studio, affacciato sul ponte di Santa Trinita, in mezzo ai libri e ai fogli che stava scrivendo e mi avrebbe dedicato molto tempo e molta attenzione. Entrando nella sua casa sentivo odore di cera e di carte e potevo parlare a lungo dei suoi e dei miei lavori, in conversazioni affettuose con un maestro che non desiderava apparire tale. Ma Giovanni Nencioni naturalmente è stato un maestro non solo dei suoi allievi diretti come me, ma di più generazioni di linguisti italiani.

Un maestro straordinario, gentile e disponibile, che è stato capace di rinnovare il quadro della ricerca sulla lingua italiana pur senza formare una scuola di studiosi che seguissero da vicino i molti sentieri del cammino da lui tracciato. Ed è questo a mio avviso il segno più chiaro della profondità del suo insegnamento. Nencioni è stato un punto di riferimento fondamentale nel nostro campo di studi (ma non solo in questo!) perché ha riunito in sé ruoli diversi difficilmente conciliabili, quelli dello studioso, dell'insegnante, e del presidente di un'istituzione prestigiosa come l'Accademia della Crusca che ha diretto, tra mille difficoltà, per circa trent'anni.

Nel campo della ricerca Nencioni, soprattutto dagli anni Sessanta in poi, si è aperto allo studio teorico, alle correnti più nuove della linguistica (i suoi seminari in Facoltà e Crusca su Saussure, Bally, Hjelmslev, Chomsky erano molto seguiti), senza mai allontanare tuttavia il suo sguardo dai testi e dai documenti della millenaria storia della lingua italiana: da Dante a Michelangelo poeta, da Verga a Pirandello.

Negli anni Ottanta Nencioni - aveva superato i settant'anni, essendo nato nel 1911 - decise di raccogliere molti dei suoi saggi (Tra grammatica e retorica, 1983; Di scritto e parlato: discorsi linguistici, 1983; Saggi di lingua antica e moderna, 1989; La lingua dei Malavoglia e altri scritti di prosa, poesia e memoria, 1988; Idealismo e realismo nella scienza del linguaggio, 1989). Vissi quel momento con animo incerto, felice di avere finalmente a disposizione tanti lavori importanti dispersi in sedi non facilmente raggiungibili, ma nello stesso tempo timorosa che si trattasse di una sorta di consuntivo. Tornando qualche tempo dopo nel suo studio, Nencioni cominciò a parlarmi con entusiasmo di un libro sul Manzoni che stava cominciando. E di lì a pochi anni nel 1993 sarebbe uscito dal Mulino La lingua del Manzoni.

Ma Nencioni non è stato solo capace di seguire i cambiamenti del tempo e di muoversi con grande consapevolezza tra teoria linguistica e pratica testuale, ma ci ha anche insegnato a guardare alla lingua sia come "istituzione" sia come realtà "individuale".

L'Accademia della Crusca che è oggi un moderno istituto di ricerca attivo su molti fronti (dalla scuola alla politica linguistica europea, dallo studio dell'italiano contemporaneo a quello del passato, dalle ricerche filologiche, lessicografiche a quelle grammaticali) gli deve l'impulso fondamentale al rinnovamento e anche un'inedita apertura verso l'esterno realizzata, in primo luogo, attraverso il periodico "La Crusca per voi" da lui fondato.

Attività

Proverbi danteschi: ieri e oggi

Le iniziative dell'Accademia per il 2021, anno dantesco

Dantedì


Agenda eventi

  Evento di Crusca

  Collaborazione di Crusca

  Evento esterno


Avvisi

Nuovo regolamento per gli utenti della Biblioteca

Avviso dalla biblioteca

Dal 3 gennaio 2023, per gli studiosi che accedono alla Biblioteca è in vigore un nuovo regolamento.

Ordine di servizio

Avviso da Crusca

In ottemperanza alla normativa vigente, si raccomanda a tutti coloro che frequentano, a vario titolo, la Villa medicea di Castello, l’osservanza delle seguenti regole da adottare per il contenimento dei consumi energetici:
- all’interno della Villa l’esercizio degli impianti termici di climatizzazione alimentati a gas naturale è consentito per 11 ore giornaliere dall’8 novembre al 7 aprile (art. 1 comma 2 del Decreto del Ministro della Transizione ecologica del 6 ottobre 2022);
- la media ponderata delle temperature dell'aria, misurate nei singoli ambienti di ciascun locale della Villa per la climatizzazione invernale non deve essere superiore a 19 gradi centigradi, più 2 gradi centigradi di tolleranza (art. 19-quater del Decreto legge n. 17 del 1° marzo 2022);
- l’apertura delle finestre per il ricambio dell’aria deve essere limitata allo stretto necessario;
- regolare la luminosità della luce artificiale a seconda della luminosità esterna;
- spegnere le luci, il monitor del PC e il fancoil quando ci si allontana dalla propria postazione di lavoro e al termine del proprio orario di lavoro;
- non stampare mail o altri documenti, se non strettamente necessario.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Scomparsa l'accademica Bice Mortara Garavelli

26 gen 2023

Antichi maestri: un allestimento teatrale appositamente pensato per la Crusca

11 nov 2022

Scomparso lo storico della lingua Andrea Dardi

02 nov 2022

Due spettacoli teatrali alla villa medicea di Castello

26 ott 2022

Scomparso l'accademico Luciano Agostiniani

20 ott 2022

L’italiano e i giovani. Come scusa? Non ti followo: il libro edito dall'Accademia in occasione della Ventiduesima Settimana della lingua italiana nel mondo

15 ott 2022

Tre visite guidate riservate ai soci UniCoop Firenze e Amici dell'Accademia della Crusca

10 ott 2022

Sao ko kelle terre. Piccola storia della lingua italiana: al MUNDI uno spettacolo dedicato alla lingua italiana

23 set 2022

Vai alla sezione