Origins and foundation

The origins of the Accademia della Crusca can be traced back to the decade 1570 to 1580, and to the meetings of a group of friends who called themselves the "brigata dei crusconi" ('brigade of coarse bran'). They chose the name to distance themselves from the rigid pedantry of the Accademia fiorentina, in opposition to which they organized the cruscate, playful meetings with trivial speeches and conversations.However, literary intentions were not totally absent from these very early years of activity, which included debates and readings of some cultural value that dealt with works and authors in the vulgar tongue. Those traditionally cited as the founders of the Accademia are Giovan Battista Deti, called il Sollo; Anton Francesco Grazzini, il Lasca; Bernardo Canigiani, il Gramolato; Bernardo Zanchini, il Macerato; Bastiano de’ Rossi, l’Inferigno, joined in October 1582 by Lionardo Salviati, l’Infarinato, who gave the decisive push towards the transformation of the aims of the Accademia and indicated the normative role that the Accademia would assume from that moment onwards.

Salviati himself gave new meaning to the name Crusca ('bran'), establishing the use of the symbology related to flour and to the process of bread-making, and giving the Accademia the purpose of "separating the flour (the good language) from the bran (the bad language)", following the language model first advocated by Bembo and then by Salviati himself, a model that was based on the supremacy of the Florentine vulgar tongue, modelled on the authors of the 14th Century.
 
The first meeting in which the laws and statutes of the Accademia began to be discussed took place on 26 January 1583, but the opening ceremony of the Accademia only took place two years later, on 25 March 1585. In 1589, year of Salviati’s death, the functions of the arciconsolo ('archconsul'), counsellors, censors, castaldo ('land agent'), massaio ('farm manager') and secretary were established, and in 1590, the frullone, the vessel used to separate the flour from the husk, was chosen as the symbol of the Accademia, together with the motto taken from a verse by Petrarch “il più bel fior ne coglie” ('she gathers the fairest flower').

They also decided that all the objects and furniture of the Accademia should have names relating to grain, bran, and bread, including the personal coats of arms of the Academicians, the "pale", wooden shovels which were painted with a symbolic image, together with the nickname of each Academician and his chosen motto. 

Attività

OIM - Osservatorio degli Italianismi nel Mondo

Incontra la Crusca. Per scoprire la lingua e la cultura italiana

Vocabolario dantesco


Agenda eventi


Avvisi

Il Museo della lingua italiana: una svolta nella politica linguistica nazionale?: il Tema di N. Maraschio

Avviso da Crusca

La discussione è aperta nella sezione "Il Tema".

"Italiano digitale", XIII, 2020/2 (aprile-giugno)

Avviso da Crusca

Il nuovo fascicolo è interamente disponibile in rete.

Una nuova banca dati in rete: la Stazione Lessicografica

Avviso da Crusca

Un sistema di consultazione integrato di dizionari di italiano in rete, aperto a tutti. La Stazione è raggiungibile dalla sezione Scaffali digitali.
> www.stazionelessicografica.it

Biblioteca dell’Accademia della Crusca: servizi in emergenza covid-19 - AGGIORNATO AL 26 AGOSTO 2020

Avviso dalla biblioteca

Modalità di accesso alla sala consultazione e alle collezioni della Biblioteca aggiornate al 26 agosto 2020.
> Accesso alla biblioteca

Biblioteca dell'Accademia - Donazioni

Avviso dalla biblioteca

La Biblioteca accetta in dono unicamente opere attinenti ai propri ambiti disciplinari.
Le opere inviate non saranno comunque restituite al donatore.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Al Bargello due mostre dedicate a Dante, con la collaborazione dell'Accademia

24 set 2020

Una buona notizia dal sito dell’INPS: switch off diventa passaggio

20 set 2020

Il museo della lingua italiana a Firenze: un progetto che si realizza

11 ago 2020

L’italiano non è una lingua da confinare. Intervista a Claudio Marazzini

27 apr 2020

Il nuovo direttore dell'Opera del Vocabolario Italiano

20 apr 2020

Le celebrazioni del centenario della nascita di Gianfranco Folena

14 apr 2020

Il perfetto italiano del primo ministro albanese Edi Rama e l'amicizia tra le nostre due nazioni

09 apr 2020

25 marzo, ore 18: appuntamento al balcone per il primo Dantedì

24 mar 2020

Vai alla sezione