Pisa, 25 giugno 2018: Le parole della politica

Le parole della politica è stato il tema del secondo appuntamento del ciclo di incontri organizzati dall’Accademia della Crusca in collaborazione con Unicoop Firenze presso la sede di Cisanello a Pisa. L’incontro si è svolto il 25 giugno, all’indomani del ballottaggio delle elezioni amministrative per eleggere il sindaco di Pisa. Sull’argomento è intervenuto Michele Cortelazzo, professore ordinario di Linguistica italiana all’Università di Padova e accademico dell’Accademia della Crusca. Cortelazzo si è dedicato negli ultimi anni alla semplificazione del linguaggio istituzionale e politico e nel 2016 ha pubblicato il volume Il linguaggio della politica.
Il relatore ha analizzato il modo in cui le strategie comunicative dei politici sono cambiate nel tempo, tracciando un percorso che dalla propaganda radiofonica dei totalitarismi dei primi del ‘900, è giunto alla comunicazione attraverso i social network dei nostri giorni. In particolare, Cortelazzo ha proposto un’attenta analisi del linguaggio della politica più recente. Durante la Prima Repubblica la classe politica, ritenuta più colta dei suoi elettori, usava un linguaggio professorale che ha dato vita al cosiddetto ‘politichese’, una lingua non sempre comprensibile per i cittadini. I politici della Seconda Repubblica hanno invece semplificato e banalizzato la loro comunicazione, usando un italiano in cui l’elettorato può facilmente identificarsi. La tendenza da parte del discorso politico ad adeguarsi al modo di parlare dell’uditorio rientra in quello che viene definito dal linguista Giuseppe Antonelli nel saggio Volgare eloquenza, il passaggio da una fase di ‘superiorità’, in cui il politico è scelto perché migliore dell’elettore, a una di ‘rispecchiamento’, dove il politico è scelto perché uguale all’elettore. La lingua della politica contemporanea è cambiata ulteriormente inaugurando una terza fase che Cortelazzo definisce di ‘iperrispecchiamento’: i politici oggi comunicano attraverso blog, tweet e post adoperando un linguaggio che sembra quasi anticipare le scelte linguistiche dell’elettorato e che esalta gli aspetti più emotivi e meno nobili della realtà, connotandosi per l’uso del turpiloquio, della menzogna e della manipolazione dell’informazione.
L’intervento di Cortelazzo ha affrontato un tema attuale e sentito, che ha coinvolto i presenti stimolando un interessante dialogo.

 

a cura di Veronica Boschi

 

 

Immagini

Attività

Proverbi danteschi: ieri e oggi

Le iniziative dell'Accademia per il 2021, anno dantesco

Dantedì


Agenda eventi

  Evento di Crusca

  Collaborazione di Crusca

  Evento esterno


Avvisi

Chiusura straordinaria

Avviso da Crusca

L'Accademia della Crusca resterà chiusa venerdì 9 dicembre. Gli uffici, la Biblioteca e l'Archivio riapriranno lunedì 12 dicembre.

Chiusura della sala di lettura della Biblioteca

Avviso dalla biblioteca

Da martedì 22 novembre la sala di lettura della Biblioteca è temporaneamente chiusa. I servizi della Biblioteca verranno erogati normalmente lungo tutto il periodo della chiusura, ma è raccomandata agli utenti la prenotazione, data la disponibilità limitata di posti.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Antichi maestri: un allestimento teatrale appositamente pensato per la Crusca

11 nov 2022

Scomparso lo storico della lingua Andrea Dardi

02 nov 2022

Due spettacoli teatrali alla villa medicea di Castello

26 ott 2022

Scomparso l'accademico Luciano Agostiniani

20 ott 2022

L’italiano e i giovani. Come scusa? Non ti followo: il libro edito dall'Accademia in occasione della Ventiduesima Settimana della lingua italiana nel mondo

15 ott 2022

Tre visite guidate riservate ai soci UniCoop Firenze e Amici dell'Accademia della Crusca

10 ott 2022

Sao ko kelle terre. Piccola storia della lingua italiana: al MUNDI uno spettacolo dedicato alla lingua italiana

23 set 2022

Giusto, sbagliato, dipende: il nuovo volume sulla Consulenza linguistica dell'Accademia

05 set 2022

Vai alla sezione