Ponte a Greve, 8 novembre 2018: Politica linguistica oggi

L'8 novembre 2018 si è tenuto, alla Coop.fi di Ponte a Greve, l'incontro Politica linguistica oggi. I due relatori, Nicoletta Maraschio e Paolo Caretti, visibilmente emozionati dalla loro prima conferenza assieme, come da loro stessi dichiarato, hanno intrattenuto un folto pubblico su aspetti recenti e meno recenti degli interventi dello Stato nell'ambito della lingua.

Quando si parla di "politica linguistica", il pensiero non può che andare a quanto messo in atto dal fascismo: una politica contro i dialetti e contro le lingue straniere. Proprio il ricordo di quel tempo ha fatto sì che dall'era post-fascista in poi l'Italia si sia sempre caratterizzata per una scarsa politica linguistica, laddove altre nazioni hanno messo in atto politiche statali di sostegno alla lingua nazionale. Il punto è, come ha ricordato Nicoletta Maraschio, che una politica linguistica, implicita o esplicita, esiste sempre. Quella attuale, che sembra, per l'appunto, non esistere, ha permesso che si formasse una coscienza linguistica debole, secondo le parole di Francesco Sabatini, che va di pari passo con una coscienza nazionale debole.

Di questi tempi, ha continuato la professoressa Maraschio, nessuna misura può di fatto essere esclusivamente nazionale, perché c'è una dimensione europea di cui occorre tenere conto. Il punto cruciale è che oggi si stanno accentuando le disuguaglianze linguistiche, cognitive e sociali, e che la scuola non riesce a sopperire a questa tendenza. In più, nonostante le politiche comuni, le lingue europee hanno ancora oggi pesi diversi all'interno dell'Unione. Ogni lingua, quindi, dovrebbe essere prima di tutto rafforzata nel proprio paese, per superare, ma con basi solide, l'idea del monolinguismo che ha come conseguenza il monoculturalismo.

In Europa, ha concluso Maraschio, esiste invece un innegabile sostrato culturale comune, e quindi occorrerebbe lavorare per mettere in risalto quanto unisce le varie lingue europee (che è molto, tanto da garantire una vera e propria intercomprensione romanza) piuttosto che quanto divide.

Il professor Caretti si è soffermato sulla situazione dell'italiano e delle altre lingue nell'insegnamento universitario, rilevando prima di tutto come in realtà l'italiano non sia lingua ufficiale della Repubblica, dato che questo è un implicito dell'articolo 6 della Costituzione. Ed è altrettanto vero che l'inglese, in questo momento, è la lingua della scienza. Ciononostante, l'idea di somministrare interi corsi universitari in lingua straniera è pericolosa, perché ciò contribuirebbe a far perdere alla lingua italiana le sue massime funzioni cognitive: quelle di comunicare le nozioni più complesse sia in ambito scientifico che umanistico. Nessuno, ribadisce il professor Caretti, si è mai dichiarato contro il plurilinguismo: corsi di studio misti, con intere materie insegnate in lingue straniere, esistono da tempo e sono visti con favore. L'unica soluzione da non perseguire è quella di sostituire completamente la lingua nazionale con un'altra, per forza di cose, peraltro, meno interiorizzata della propria lingua madre. Tutto questo, infatti, porterebbe a perdite rilevanti anche nella trasmissione della materia stessa. Insomma, la prospettiva deve continuare a rimanere quella dell'aggiunta di competenze linguistiche, non della sostituzione.

Le questioni affrontate hanno generato un vivace dibattito, con molti interventi che hanno, in linea di massima, manifestato preoccupazione per lo stato di salute dell'italiano; preoccupazione, peraltro, che è stata almeno in parte ridimensionata dalle risposte dei due professori, che tuttavia hanno rimarcato l'esigenza di una nuova coscienza linguistica da parte degli italiani, da perseguire sia nel "macro" (scuola, istituzioni, politiche statali) sia nel "micro" (curando le proprie personali competenze linguistiche). Riassumendo: più che preservato, l'italiano va amato. 

 

a cura di Vera Gheno

Attività

Le iniziative dell'Accademia per il 2021, anno dantesco

Dantedì

OIM - Osservatorio degli Italianismi nel Mondo


Agenda eventi

  Evento di Crusca

  Collaborazione di Crusca

  Evento esterno


Avvisi

Chiusure straordinarie della Biblioteca

Avviso dalla biblioteca

La Biblioteca dell’Accademia della Crusca resterà chiusa nei seguenti giorni: 9 e 10 dicembre, 24 dicembre, 27-31 dicembre, 7 gennaio 2022.

Chiusure straordinarie dell'Accademia della Crusca

Avviso da Crusca

L’Accademia della Crusca resterà chiusa nei seguenti giorni: 9 e 10 dicembre, 24 dicembre, 27-31 dicembre, 7 gennaio 2022.

Certificazione verde COVID-19 e accesso all'Accademia della Crusca

Avviso da Crusca

Per accedere all'Accademia della Crusca, dal 15 ottobre al 31 dicembre 2021 (o comunque fino al perdurare dello stato di emergenza), è fatto obbligo di possedere e di esibire, su richiesta, la certificazione verde COVID-19.

La lingua di Dante non può parlare di scienza. Il MUR esclude l'italiano nel bando per i fondi FIS

Avviso da Crusca

Il nuovo Tema di Claudio Marazzini. Partecipa alla discussione

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Federica Mauro, autrice di Dante e le stelle, è insignita dell'onorificenza di Alfiere della Repubblica

28 nov 2021

Il presidente dell'Accademia sull'uso di booster

07 nov 2021

L'Accademica Paola Manni presenta la sua pala

28 ott 2021

Scomparso l'accademico Maurizio VItale

22 ott 2021

EFNIL: rinnovamento del comitato esecutivo

12 ott 2021

Il Dante della Crusca in prestito alle Scuderie di Quirinale

27 set 2021

Mostra “Della nostra favella questo divin poema è la miglior parte”. Dante e la Crusca

23 mar 2021

La parola fresca di giornata. 365 giorni con Dante

01 gen 2021

Vai alla sezione