Simbologia tradizionale

La simbologia tradizionale dell'Accademia della Crusca rimanda alla farina e a tutti gli oggetti e le operazioni legati al processo di panificazione. Nella parte sottostante è riportata una lista di termini con il corrispondente significato nella simbologia cruscante, in forma di glossarietto, già pubblicato nel volume Quattro secoli di Crusca, curato dall'accademica Severina Parodi.

 

  • Arca dall'omonima cassa per le provviste del grano, madia dell'accademico segretario.
  • Arroto membro aggiunto della deputazione del Vocabolario, dal nome che ebbero in Firenze gli 80 membri aggiunti ai priori uscenti e ai rappresentanti per eleggere i nuovi priori.
  • Bufolata festa popolare carnevalesca, introdotta in Firenze dai tempi del Magnifico, consistente in un palio che si correva mascherati, cavalcando una bufala.
  • Bùgnola cattedra da cui si recitavano le orazioni e cicalate, dal nome del paniere di paglia e vimini di forma sferica in cui riponevano biade, grano e frutta.
  • Buratto frullone (vedi).
  • Campione libro di conti, giornale.
  • Cicalata o cicalamento, ragionamento sopra un tema di poca importanza.
  • Cruscata discorso o dialogo in burla.
  • Diceria ragionamento composto secondo le regole dell'orazione.
  • Dichiarazione "dichiarazione di voce" per il Vocabolario è l'insieme della definizione, esemplificazione e corrispettivi latini e greci che illustra il lemma nonché la lettura della cattedra delle definizioni ed esemplificazioni dei lemmi.
  • Farina (il) dicono le leggi accademiche: "Vi stanno tre libri intitolati Farina, Stacciato e Fiore: nel Farina e nello Stacciato si scrivano e annotino l'opere censurate; nel Fiore le scelte dello Stacciato".
  • Fava o lupino, pallottolina per esprimere il proprio parere nelle votazioni. Secondo la consuetudine fiorentina, le fave di color nero indicavano voto positivo, quelle bianche voto contrario.
  • Fiore V. Farina.
  • Frullone o Buratto, strumento che serviva a separare la farina dalla crusca mediante lo staccio; fu assunto per emblema dell'Accademia. Un armadio a forma di frullone serviva all'arciconsolo per tenervi rinchiuse le leggi, il catalogo ufficiale dei membri dell'Accademia e i tre libri di componimenti intitolati Farina, Stacciato e Fiore.
  • Gerla sedia accademica da cerimonia (i primi esemplari sono databili al 1642) realizzata con una sporta da pane rovesciata con infilata una pala che fungeva da schienale (l’aggiunta della pala fu un’innovazione dovuta a Leopoldo de’ Medici.
  • Impresa stemma personale disegnato su pala, raffigurante un soggetto avente tratto alla granaria. Impresa grande si chiamò lo stemma dell'Accademia col frullone e il motto «Il più bel fior ne coglie».
  • Lupino V. Fava.
  • Pala impresa personale, così chiamata dalla sua forma a pala di mugnaio.
  • Partito votazione; da cui le espressioni «mandare il partito» o «a partito», «vincere il partito», «partito con tutte fave nere», «partito conforme», cioè unanime.
  • Polizzino scheda di votazione, ed anche scheda di spoglio lessicale per il Vocabolario.
  • Spianatoio dall'omonimo strumento; era lo scettro dell'arciconsolo.
  • Stacciato V. Farina; qualche volta semplicemente Staccio.
  • Stravizzo annuale convito nel corso del quale veniva letta la cicalata e si procedeva alle «accuse» dei magistrati del seggio scaduto.
  • Strisciata abbuffata; strisciare, in lingua furbesca, vuol dire mangiare di gusto.
  • Tafferia vaso di legno simile al bacile, usato in Crusca per deporvi le fave dei voti.
  • Tornata seduta accademica.
  • Tramoggia dall'omonima cassetta quadrangolare che sta sopra la macina e contiene i cereali che si devono macinare; serviva per deporvi le composizioni da esaminare.
     

Correlati

La Sala delle Pale

Attività

Le iniziative dell'Accademia per il 2021, anno dantesco

Dantedì

OIM - Osservatorio degli Italianismi nel Mondo


Agenda eventi


Avvisi

Certificazione verde COVID-19 e accesso all'Accademia della Crusca

Avviso da Crusca

Per accedere all'Accademia della Crusca, dal 15 ottobre al 31 dicembre 2021 (o comunque fino al perdurare dello stato di emergenza), è fatto obbligo di possedere e di esibire, su richiesta, la certificazione verde COVID-19.

La lingua di Dante non può parlare di scienza. Il MUR esclude l'italiano nel bando per i fondi FIS

Avviso da Crusca

Il nuovo Tema di Claudio Marazzini. Partecipa alla discussione

Servizi in emergenza Covid-19 - Aggiornamenti del 4 agosto 2021

Avviso dalla biblioteca

Il Presidente dell’Accademia della Crusca, in ottemperanza alla vigente normativa per il contrasto e il contenimento della pandemia da Covid-19, impartisce le seguenti indicazioni:

La Biblioteca dell’Accademia della Crusca è aperta al pubblico con gli orari consueti.
Si elencano di seguito le modalità di accesso alla sala di consultazione e alle collezioni della Biblioteca, in vigore fino alla cessazione dello stato di emergenza epidemiologica da Covid-19. Leggi tutto

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Scomparso l'accademico Maurizio VItale

22 ott 2021

EFNIL: rinnovamento del comitato esecutivo

12 ott 2021

Il Dante della Crusca in prestito alle Scuderie di Quirinale

27 set 2021

Mostra “Della nostra favella questo divin poema è la miglior parte”. Dante e la Crusca

23 mar 2021

La parola fresca di giornata. 365 giorni con Dante

01 gen 2021

"Dentro la Crusca, dentro l'italiano": le iniziative nate dalla collaborazione 2020/2021 tra l'Accademia e UniCoop Firenze

01 gen 2021

L'Accademia della Crusca e le celebrazioni del 2021, anno dantesco

02 gen 2021

Vai alla sezione