audismo

Ambito d'uso: attivismo, scienze sociali,

Ambito d'origine: attivismo, scienze sociali,

Categoria grammaticale:

sost. m.

Definizione

Discriminazione basata sulla capacità o meno di sentire, pregiudizio o marginalizzazione nei confronti delle persone sorde.

Etimologia

Prestito adattato dall’inglese audism, a sua volta formato dal confisso anglolatino audi(o)- ‘relativo all’udito’ e dal suffisso -ism.

Prima attestazione

2010
"La FMS, fondata a Roma nel 1951, è un’organizzazione riconosciuto [sic] dall’Organizzazione delle Nazioni Uniti che ha i compiti importanti per difendere tutti i diritti universali per le persone sorde e di mirare principalmente a contestare le ideologiche [sic] dell’audismo in tutto il mondo (lettera di Giuseppe Nazzareno, Addio all’oralismo, una conquista per comunità sorda, “il Secolo XIX”, 31/7/2010)" 

Periodo di affermazione:

2021

Presenza sui dizionari

Nessuna

Diffusione al: 18 maggio 2021

Google: 2.420 r.
Google libri: risultati non pertinenti o non verificabili
Archivio “Il Corriere della Sera”: 0 r.
Archivio “la Repubblica”: 0 r.
Archivio “La Stampa”: 0 r. 

Derivati

  • Una parte della cultura sorda ritiene che l’esistenza stessa dell’impianto cocleare sia l’effetto di un pregiudizio teorico: che una persona sorda abbia bisogno di una “cura”: è un tema, quello dell’alternativa tra menomazione e diversità, tra omologazione e convivenza, che ha investito nella storia molte identità. Alcuni sordi utilizzano il termine “audismo” per riferirsi a questo tipo di atteggiamento per loro discriminatorio. (Antonio Russo, L’impianto cocleare e la “cultura sorda”, “Il Post”, 23/4/2015)
  • Credo che nel mentre venga riconosciuta la LIS, ci sia bisogno di abbattere tutti i pregiudizi alla base delle barriere alla comunicazione e il cosiddetto fenomeno dell’audismo, lo stesso fenomeno che porta a non accettare, da parte del personale sanitario, la figura dell’interprete LIS nel momento dell’accesso in un qualunque studio medico. (Intervista di Michele Peretti a Zena Vanacore, Zena Vanacore: l’amore è una cosa semplice, dal sito “Coda Italia- APS”, 8/12/2019) 
  • In Italia è stato avviato di recente un progetto di traduzione delle canzoni di Sanremo da parte di performer LIS prevalentemente udenti con la partecipazione di solo 1-2 persone sorde (visionabile su raiplay).
    Questo ha scatenato una grande polemica nella comunità sorda sulla presenza in Italia di fenomeni di audismo, ovvero il fatto che in molte situazioni le persone sorde vengono messe da parte per consentire a chi è udente e conosce la Lingua dei Segni di fare mediazione o di trasmettere contenuti, mentre questo tipo di attività potrebbero essere fatte anche dalle stesse persone sorde. (Visioni. L’importanza dell’espressione visiva. Intervista a Carlo di Biase, “ATP Diary”, 10/4/2021)

Note

Audismo deriva dall’inglese audism che, come si legge su Encyclopaedia Britannica, è un termine coniato nel 1975 dal ricercatore americano Tom L. Humphries. Lo studioso di linguaggio e comunicazione lo utilizzò per descrivere la discriminazione nei confronti delle persone sorde, a partire dalla convinzione che la capacità di sentire renda una persona, in qualche modo, superiore. Il termine inglese è stato più volte ripreso in ambito accademico, entrando poi nel lessico dell’attivismo e della comunità sorda, e infine affacciandosi anche nella lingua italiana, a indicare le azioni e gli atteggiamenti discriminatori nei confronti delle persone sorde.

Scarsissime le attestazioni di audista, impiegato come aggettivo, che siamo riusciti a rintracciare in rete, probabilmente anche a causa della sovrapposizione con il più comune audista impiegato per descrivere una persona che possiede ed è appassionata di macchine Audi.

Per approfondimenti si rimanda all’articolo su abilismo, pubblicato su “Italiano digitale”.

Luisa di Valvasone

Approfondimenti e link

10 giugno 2021


Agenda eventi


Avvisi

Visite in presenza alla mostra “Della nostra favella questo divin poema è la miglior parte”. Dante e la Crusca

Avviso da Crusca

Mercoledì 7 luglio 2021 sarà possibile visitare in presenza la mostra dantesca allestita nella Sala delle Pale insieme al curatore Domenico De Martino. Sono previsti 2 incontri da massimo 15 partecipanti, uno alle 21 e l'altro alle 22, con prenotazione obbligatoria. Le informazioni sull'allestimento e sulle modalità di prenotazione sono disponibili qui.

Premio Giovanni Nencioni per una tesi di dottorato in linguistica italiana discussa all’estero

Avviso da Crusca

La domanda di partecipazione alla X edizione del Premio Nencioni è disponibile nella sezione "Bandi".

Servizi in emergenza Covid-19 - Aggiornamenti

Avviso dalla biblioteca

Il Presidente dell’Accademia della Crusca, in ottemperanza alla vigente normativa, ed in particolare al DL n. 65 del 18 maggio 2021, impartisce le seguenti indicazioni:

la Biblioteca dell’Accademia della Crusca è aperta al pubblico con gli orari consueti e con le norme indicate nell’Avviso pubblicato il 4 dicembre 2020, tranne le seguenti novità a partire da giovedì 27 maggio 2021:

  • l’accesso alla sala di lettura avviene senza prenotazione;
  • è consentito l’accesso al ballatoio della sala dopo la sanificazione delle mani.

Chiusura estiva dell'Accademia

Avviso da Crusca

L'Accademia della Crusca resterà chiusa dal 9 al 22 agosto compresi. Gli uffici riapriranno regolarmente il lunedì 23.

Chiusura straordinaria dell'Accademia

Avviso da Crusca

L'Accademia resterà chiusa venerdì 25 giugno 2021.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Una mostra virtuale su Dante e la Crusca alla Soprintendenza Archivistica e Bibliografica della Toscana

26 mar 2021

Mostra “Della nostra favella questo divin poema è la miglior parte”. Dante e la Crusca

23 mar 2021

La parola fresca di giornata. 365 giorni con Dante

01 gen 2021

"Dentro la Crusca, dentro l'italiano": le iniziative nate dalla collaborazione 2020/2021 tra l'Accademia e UniCoop Firenze

01 gen 2021

L'Accademia della Crusca e le celebrazioni del 2021, anno dantesco

02 gen 2021

Vai alla sezione