La parola Gatta

Una curiosità linguistica sul termine gatta

Non è casuale che sia stata utilizzata sempre la forma femminile gatta per riferirsi all'immagine delle marche tipografiche. Nell'antichità infatti, soprattutto in Toscana, la forma gatta non specificava il sesso dell'animale, ma serviva per riferirsi al gatto in generale, maschio o femmina che fosse. Nel Vocabolario degli Accademici della Crusca del 1612 (s.v. Gatta) infatti è riportata a lemma soltanto la forma gatta, forma che ricorre all'interno dell'intero Vocabolario, sotto varie voci e negli esempi, 52 volte, contro le uniche 8 volte della forma gatto sempre contenuta in esempi d'autore e mai utilizzata dai vocabolaristi. Una prova molto forte della larga e popolare diffusione della forma gatta è fornita dai numerosissimi proverbi e modi di dire che contengono la forma gatta e non gatto, senza naturalmente che ci sia la necessità di un particolare riferimento alla femmina piuttosto che al maschio, e senza che lo richiedano ragioni di rima: "Meglio esser capo di gatta, che coda di Lione; Cadere in piè come la gatta; Vender gatta in sacco; Dove non son gatte i topi vi ballano; Andare alla gatta pel lardo; Tenere un'occhio alla padella, e uno alla gatta; Alla pentola, che bolle non vi s'accosta la gatta; Andare a vedere affogare, pescare, o ripescar la gatta (cfr. Vocabolario degli Accademici della Crusca, s.v. Gatta).

A proposito di gatta bisogna poi ricordare che il primo bidello dell'Accademia, redattore tra l'altro dell'introduzione alla prima Cruscata di Leonardo Salviati pubblicata dalla Crusca (Il Lasca Dialogo: Cruscata, ovver Paradosso d'Ormannozzo Rigogoli: rivisto e ampliato da Panico Granacci, Cittadini di Firenze, e Accademici della Crusca: nel quale si mostra, che non importa, che la Storia sia vera, e quistionarsi per incidenza alcuna cosa contra la Poesia) viene ricordato come "il Gatta", ma in questo caso, nonostante la bizzarra coincidenza, dovrebbe proprio trattarsi del cognome di questo personaggio.

Attività

Le iniziative dell'Accademia per il 2021, anno dantesco

Dantedì

OIM - Osservatorio degli Italianismi nel Mondo


Agenda eventi

  Evento di Crusca

  Collaborazione di Crusca

  Evento esterno


Avvisi

La lingua degli altri. L'italiano degli scrittori non madrelingua

Avviso da Crusca

Il nuovo Tema di Gabriella Cartago e Marco Biffi è in rete, aperto per la discussione.

Accesso alla biblioteca

Avviso dalla biblioteca

Avvisiamo che da lunedì 10 gennaio 2022, come stabilito dal Decreto Legge del 24 dicembre 2021 n. 221, l’accesso alla Biblioteca e all’Archivio è consentito esclusivamente a soggetti muniti di certificazione verde Covid-19 rafforzata (Green Pass rafforzato), cioè ottenuta per vaccinazione o guarigione.

Modalità di accesso alla sede dell'Accademia della Crusca

Avviso dalla biblioteca

Avvisiamo che da lunedì 6 dicembre 2021, come stabilito dal Decreto Legge 26 novembre 2021 n. 172, la partecipazione a convegni, seminari e qualsiasi altra manifestazione è consentita esclusivamente a soggetti muniti di certificazione verde Covid-19 rafforzata (Green Pass rafforzato), cioè ottenuta per vaccinazione o guarigione.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Le parole di Dante fresche di giornata in onda su Radio 1

27 dic 2021

Federica Mauro, autrice di Dante e le stelle, è insignita dell'onorificenza di Alfiere della Repubblica

28 nov 2021

Il presidente dell'Accademia sull'uso di booster

07 nov 2021

L'Accademica Paola Manni presenta la sua pala

28 ott 2021

Scomparso l'accademico Maurizio Vitale

22 ott 2021

EFNIL: rinnovamento del comitato esecutivo

12 ott 2021

Il Dante della Crusca in prestito alle Scuderie di Quirinale

27 set 2021

Mostra “Della nostra favella questo divin poema è la miglior parte”. Dante e la Crusca

23 mar 2021

Vai alla sezione