Giovanni Nencioni (Presidente dal 1972 al 2000)

Nato a Firenze nel 1911, Giovanni Nencioni si è laureato nel 1932 con Piero Calamandrei con una tesi in diritto processuale, poi pubblicata nel 1935. Dal 1936, divenuto funzionario del Ministero della educazione nazionale, si è dedicato, a contatto con Vittorio Bertoldi, a ricerche lessicografiche e glottologiche. Vivendo intensamente il problematico rapporto tra Croce e la linguistica ha pubblicato nel 1946 Idealismo e realismo nella scienza del linguaggio.

Ispettore centrale del Ministero della pubblica istruzione ha vissuto attivamente, a livello nazionale, gli orientamenti didattici del dopoguerra, rimanendo fedele ai suoi interessi linguistici e speculativi. Dopo aver insegnato negli anni 1950-1951 nella Università di Bari, è stato professore di storia della grammatica e della lingua italiana nell'ateneo fiorentino (1952-1974). Nel 1953 è arrivato alla Crusca di Firenze, incaricato di studiare le condizioni di una possibile ripresa del lavoro lessicografico dell'Accademia di cui è diventato socio nel 1955. Accademico segretario e soprintendente all'Opera del Vocabolario dal 1964 al 1966 ha organizzato l'avvio dei lavori lessicografici, di cui ha assunto la direzione ad interim tra il 1972 e il 1974. Nel 1971 è diventato vicepresidente dell' Accademia e l'anno dopo ne è diventato presidente, carica mantenuta fino al 2000.

Dal 1971 al 2000 è stato anche direttore del Centro di studi di grammatica dell'Accademia e direttore della rivista 'Studi di grammatica italiana'. Trasferitosi alla Scuola Normale superiore di Pisa nel 1974, vi ha coltivato molteplici aspetti della lessicografia e della linguistica non solo in rapporto ai più vari protagonisti della letteratura italiana (Guicciardini, Leopardi, Manzoni, De Sanctis, Verga, Pirandello) ma anche della storiografia artistica (Alberti, Batoli, Vasari, Michelangelo, Condivi). Ha attivamente collaborato con il Centro di ricerche informatiche per i beni culturali della stessa Scuola, attivando una vasta memorizzazione di fonti storico-artistiche e dando vita ad una collana di 'Strumenti e testi' (edita in collaborazione con l'Accademia della Crusca), nella quale sono comparsi nel 2000 i 'Saggi e Memorie' dello stesso studioso.

Nel 1990 ha fondato 'La Crusca per voi. Foglio dell'Accademia della Crusca dedicato alle scuole e agli amatori della lingua', che ha diretto fino al 2000. Nello stesso anno, lasciata la presidenza dell'Accademia, ne è rimasto presidente onorario. È stato anche socio nazionale della classe di scienze morali, categoria filologia e linguistica, dell'Accademia dei Lincei.0

 

Correlati

Francesco Sabatini ricorda Giovanni Nencioni
Nicoletta Maraschio ricorda Giovanni Nencioni
Luca Serianni ricorda Giovanni Nencioni
Marzio Porro ricorda Giovanni Nencioni
Hermann Haller ricorda Giovanni Nencioni
Natalino Irti ricorda Giovanni Nencioni

Attività

Proverbi danteschi: ieri e oggi

Le iniziative dell'Accademia per il 2021, anno dantesco

Dantedì


Agenda eventi

  Evento di Crusca

  Collaborazione di Crusca

  Evento esterno


Avvisi

Nuovo regolamento per gli utenti della Biblioteca

Avviso dalla biblioteca

Dal 3 gennaio 2023, per gli studiosi che accedono alla Biblioteca è in vigore un nuovo regolamento.

Ordine di servizio

Avviso da Crusca

In ottemperanza alla normativa vigente, si raccomanda a tutti coloro che frequentano, a vario titolo, la Villa medicea di Castello, l’osservanza delle seguenti regole da adottare per il contenimento dei consumi energetici:
- all’interno della Villa l’esercizio degli impianti termici di climatizzazione alimentati a gas naturale è consentito per 11 ore giornaliere dall’8 novembre al 7 aprile (art. 1 comma 2 del Decreto del Ministro della Transizione ecologica del 6 ottobre 2022);
- la media ponderata delle temperature dell'aria, misurate nei singoli ambienti di ciascun locale della Villa per la climatizzazione invernale non deve essere superiore a 19 gradi centigradi, più 2 gradi centigradi di tolleranza (art. 19-quater del Decreto legge n. 17 del 1° marzo 2022);
- l’apertura delle finestre per il ricambio dell’aria deve essere limitata allo stretto necessario;
- regolare la luminosità della luce artificiale a seconda della luminosità esterna;
- spegnere le luci, il monitor del PC e il fancoil quando ci si allontana dalla propria postazione di lavoro e al termine del proprio orario di lavoro;
- non stampare mail o altri documenti, se non strettamente necessario.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

Scomparsa l'accademica Bice Mortara Garavelli

26 gen 2023

Antichi maestri: un allestimento teatrale appositamente pensato per la Crusca

11 nov 2022

Scomparso lo storico della lingua Andrea Dardi

02 nov 2022

Due spettacoli teatrali alla villa medicea di Castello

26 ott 2022

Scomparso l'accademico Luciano Agostiniani

20 ott 2022

L’italiano e i giovani. Come scusa? Non ti followo: il libro edito dall'Accademia in occasione della Ventiduesima Settimana della lingua italiana nel mondo

15 ott 2022

Tre visite guidate riservate ai soci UniCoop Firenze e Amici dell'Accademia della Crusca

10 ott 2022

Sao ko kelle terre. Piccola storia della lingua italiana: al MUNDI uno spettacolo dedicato alla lingua italiana

23 set 2022

Vai alla sezione